Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Regulators

By

Publisher: Hodder & Stoughton

3.4
(1279)

Language:English | Number of Pages: 327 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Spanish , German , Italian , French , Dutch , Polish , Czech , Swedish , Portuguese

Isbn-10: 0340671769 | Isbn-13: 9780340671764 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio Cassette , Audio CD , eBook

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Regulators ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
From the bestselling author of "Thinner" and "The Running Man" comes this harrowing story of a gifted child in the grip of darkest evil.
Sorting by
  • 3

    Tutto scorre tranquillo a Wentworth, fin quando un gruppo di persone, i vendicatori, attraversano Poplar Street a bordo di furgoni dai colori sgargianti. Sparando all’impazzata mietono molte vittime, ...continue

    Tutto scorre tranquillo a Wentworth, fin quando un gruppo di persone, i vendicatori, attraversano Poplar Street a bordo di furgoni dai colori sgargianti. Sparando all’impazzata mietono molte vittime, e i pochi sopravvissuti tentano di mettere ordine nella vicenda che sembra senza senso.
    I punti d’incontro tra questo romanzo è “Desperation” sono molteplici, tra cui alcuni personaggi e il cattivo, anzi lo spirito cattivo: si tratta di Tak, che vive nella miniera presente nel paese Desperation. Se lì, nel cercare un corpo più resistente alla sua forza, aveva optato per il grosso poliziotto Collie Entragian, qui decide di cambiare tutto entrando nel corpo di Seth, bambino autistico. L’esperimento per Tak funziona, essendo il bambino non capace di opporsi a Tak, mentre era proprio la resistenza delle persone occupate a portare il corpo al decadimento.
    Però, essendo pur sempre un bambino, Seth/Tak ha bisogno della zia, Audrey, per mangiare e quindi sopravvivere. I due, barricati in casa, sono spettatori della violenza che si manifesta a Poplar Street, mentre nel frattempo i sopravvissuti iniziano a capire il reale motivo delle strane morti dei vendicatori. Tutto sembra fatto da un bambino, dai furgoni colorati ai mostri, simile ai disegni degli alunni delle elementari.
    Strana, ma non troppo, la resurrezione di Richard Bachman, pseudonimo di Stephen King rispolverato per l’occasione: nonostante a seguito di “L’occhio del male” il mondo avesse saputo dell’invenzione di King, lo scrittore statunitense ci gioca ancora sopra, scrivendo nella prefazione che il libro è stato trovato dalla vedova di Bachman tra le sue cose in soffitta.

    said on 

  • 3

    Libro entretenido con un misterio con tintes sobrenaturales y una población aislada que va viendo como todo su mundo cambia. Para ser una novela de Stephen King, me pareció muy simple y poco original, ...continue

    Libro entretenido con un misterio con tintes sobrenaturales y una población aislada que va viendo como todo su mundo cambia. Para ser una novela de Stephen King, me pareció muy simple y poco original, aunque indudablemente engancha.

    said on 

  • 3

    Molto strano... forse un po' troppo...

    Romanzo strettamente legato a Desperation e da leggere come suo sequel/prequel!
    Se in Desperation King tiene a freno (molto relativamente si intende...) il male imperversante sui poveri malcapita ...continue

    Romanzo strettamente legato a Desperation e da leggere come suo sequel/prequel!<br />Se in Desperation King tiene a freno (molto relativamente si intende...) il male imperversante sui poveri malcapitati di turno, qui Bachman si scatena come una sorta di 'King senz'anima', senza freni e, soprattutto, senza rimorso!<br />Meno intrippante di 'Desperation' (superiore a questo romanzo a livello di trama) ma non per questo un cattivo romanzo, anzi: il 'tocco malefico' donato da Bachman alla storia le regala quel non so che di 'malignità intrinseca' che è sempre sotto gli occhi durante tutta la lettura!<br />L'inizio è un po' ostico (soprattutto se letto come 'primo dei due romanzi') e lento e la parte finale salta da una parte all'altra mostrando contemporaneamente i vari punti di vista dei personaggi coinvolti... forse però, lo fa un po' troppo, il che può portare ad un certo disorientamento... con un po' di impegno comunque, questa difficoltà si supera agilmente!<br />In ogni caso un buon romanzo, visionario e spietato al tempo stesso! Per chi pensa che in 'Desperation' alcune scene siano 'troppo cattive'... molto consigliato!

    said on 

  • 3

    Cosa accade quando la fervida fantasia di un bambino autistico incontra uno dei "demoni" più cattivi creato dalla mente di King? Eccolo spiegato in questo piccolo romanzo molto avvincente sin dalle pr ...continue

    Cosa accade quando la fervida fantasia di un bambino autistico incontra uno dei "demoni" più cattivi creato dalla mente di King? Eccolo spiegato in questo piccolo romanzo molto avvincente sin dalle prime righe, che fa crollare un piccolo sobborgo di una piccola cittadina in un pomeriggio a dir poco infernale. Voto 7/10

    said on 

  • 2

    Ho deciso di leggere questo libro immediatamente dopo "Desperation" perché ho scoperto essere il suo "romanzo gemello": sono entrambi usciti nello stesso giorno (credo) soltanto che "I Vendicatori" è ...continue

    Ho deciso di leggere questo libro immediatamente dopo "Desperation" perché ho scoperto essere il suo "romanzo gemello": sono entrambi usciti nello stesso giorno (credo) soltanto che "I Vendicatori" è stato pubblicato sotto lo pseudonimo di Richard Bachman. Inoltre i nomi dei protagonisti (ed in alcuni casi anche le caratteristiche) sono gli stessi e la forza maligna che pervade entrambe le storie è sempre Tak.
    L'idea è brillante, mi ha emozionato tantissimo cominciare a leggere il romanzo, ritrovando i personaggi appena abbandonati inseriti in una nuova cornice; l'esempio concreto per descrivere questa sensazione è quella di paragonare i due romanzi alle due stagioni di "American Horror Story", dove gli attori sono sempre gli stessi, ma inseriti in contesti diversi, con l'aggiunta di qualche nuovo personaggio.
    Il problema è che la trama fa acqua da tanti punti e sembra essere un romanzo solo abbozzato (effettivamente nell'introduzione è questo che si vuol far credere al lettore). Inoltre se le prime pagine sono cariche di suspense, il resto diventa TROPPO infantile ed a tratti ridicolo.
    Che dire? Si tratta senza dubbio di un romanzo sperimentale, ma a me è parso qualcosa di rattoppato all'ultimo minuto per riuscire a far uscire i due libri nello stesso periodo creando un evento probabilmente mai avvenuto nella storia della letteratura. Quindi complimenti al re per l'idea, ma il risultato non è stato all'altezza delle aspettative. Consigliato solo e soltanto a chi si sono sentiti smarriti dopo aver finito di leggere "Desperation", gli altri possono tranquillamente evitare di leggere questo mediocre romanzo.

    said on 

  • 4

    Un tranquillo quartiere di una tranquilla cittadina .... no questa era un'altra storia!

    E' un caldo pomeriggio di luglio nel quartiere di Poplar street, Nell'aria tutto appare tranquillo, l'estate prosegue, il caldo incalza, i bambini giocano per strada, gli adulti si rilassano.

    E all'im ...continue

    E' un caldo pomeriggio di luglio nel quartiere di Poplar street, Nell'aria tutto appare tranquillo, l'estate prosegue, il caldo incalza, i bambini giocano per strada, gli adulti si rilassano.

    E all'improvviso...l'orrore.

    Un romanzo splatter, cruento, che non risparmia niente e nessuno,che tiene sul filo sospeso, che ti fa sobbalzare e incitare e arrabbiarti e alla fine anche commuoverti.
    Un romanzo in puro stile Kinghiano.
    Questa volta spiccatamente del Terrore.
    Non è la solita "Bambola Assassina", qui è il Re a farla da padrone e a padroneggiare storia e stile, a fare entrare il suo lettore dentro un incubo, crudo, si percepisce la paura, la si sente e questo anche "grazie" alla scrittura forte e turpe che regna dalla prima all'ultima pagina.
    Non dimenticherò tanto facilmente i MotoKop e il "Sognante" rosa di Cassie Styles...
    ...brrrrr...

    said on 

  • 4

    Esta historia empieza en un barrio típico en una calle típica americana. Paz y tranquilidad respiran sus vecinos día a día sin que sospechen que un caos absoluto se va a adueñar de su calle. Particula ...continue

    Esta historia empieza en un barrio típico en una calle típica americana. Paz y tranquilidad respiran sus vecinos día a día sin que sospechen que un caos absoluto se va a adueñar de su calle. Particularmente este libro me ha gustado por su forma de ambientar y la forma de mezclar las lineas temporales de la historia con los personajes que mas favorecían al relato en cada momento. Ademas la imaginación desbordante que se emplea en este relato me ha encantado, poniéndote en el lugar del protagonista de cada linea.

    said on 

Sorting by