Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Reluctant Fundamentalist

By Mohsin Hamid

(78)

| Paperback | 9780141029542

Like The Reluctant Fundamentalist ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"The Reluctant Fundamentalist" is Mohsin Hamid's thrillingly provocative international bestseller. It is shortlisted for the Man Booker prize in 2007. Now a major film directed by Mira Nair and starring Kate Hudson and Kiefer Sutherland. 'Excuse me, Continue

"The Reluctant Fundamentalist" is Mohsin Hamid's thrillingly provocative international bestseller. It is shortlisted for the Man Booker prize in 2007. Now a major film directed by Mira Nair and starring Kate Hudson and Kiefer Sutherland. 'Excuse me, sir, but may I be of assistance? Ah, I see I have alarmed you. Do not be frightened by my beard. I am a lover of America...' So speaks the mysterious stranger at a Lahore cafe as dusk settles. Invited to join him for tea, you learn his name and what led this speaker of immaculate English to seek you out. For he is more worldy than you might expect; better travelled and better educated. He knows the West better than you do. And as he tells you his story, of how he embraced the Western dream - and a Western woman - and how both betrayed him, so the night darkens. Then the true reason for your meeting becomes abundantly clear...Challenging, mysterious and thrillingly tense, Mohsin Hamid's masterly "The Reluctant Fundamentalist" is a vital read teeming with questions and ideas about some of the most pressing issues of today's globalised, fractured world. "Masterful...A multi-layered and thoroughly gripping book, which works as a poignant love story, a powerful dissection of how US imperialist machinations have turned so many people against the world's superpower - and as a thriller that subtly ratchets up the nerve-jangling tension towards an explosive ending".
("Metro"). "Beautifully written ...more exciting than any thriller I've read for a long time". (Philip Pullman). "A brilliant book". (Kiran Desai). "Admirably spare and amazingly exciting". (Rachel Cooke, "New Statesman"). Mohsin Hamid is the author of "The Reluctant Fundamentalist", "Moth Smoke" and "How to Get Filthy Rich in Rising Asia". His fiction has been translated into over 30 languages, received numerous awards, and been shortlisted for the Man Booker Prize. He has contributed essays and short stories to publications such as the "Guardian", "The New York Times", "Financial Times", "Granta", and "Paris Review". Born and mostly raised in Lahore, he spent part of his childhood in California, studied at Princeton University and Harvard Law School, and has since lived between Lahore, London, and New York.

190 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Con una voce interna semplice e composta, un monologo diretto ad un silente e misterioso interlocutore, l'autore racconta la rapida fine del sogno americano di Changez di integrazione e successo, la fascinazione e il successivo inevitabile disinnamo ...(continue)

    Con una voce interna semplice e composta, un monologo diretto ad un silente e misterioso interlocutore, l'autore racconta la rapida fine del sogno americano di Changez di integrazione e successo, la fascinazione e il successivo inevitabile disinnamoramento per l'America, constatando l'impossibilità di un sereno confronto culturale tra Oriente e Occidente. Un tema estremamente attuale e complesso, calato nel punto di vista di un personaggio che, esperto nel valutare i fondamenti delle imprese, finisce per analizzare l'america stessa che scopre simile alla bellissima Erica, attraente e seduttiva ma malata e autodistruttiva.

    Is this helpful?

    lauralibri said on Jul 20, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Fa riflettere sulla nostra società, sul pregiudizio, sui giochi di potere attuati al di sopra delle nostre teste. E sulla necessità di restare fedeli a se stessi rispettando le proprie origini e la propria natura.

    Is this helpful?

    mic said on Jul 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Scorrevole e gustoso diario di un moderno giannizzero pentito. Considerazioni sociopolitiche e morali forse un po’ scontate per farne un capolavoro di letteratura. Sullo sfondo domina il contrasto tra Occidente e Oriente che ha caratterizzato l’inizi ...(continue)

    Scorrevole e gustoso diario di un moderno giannizzero pentito. Considerazioni sociopolitiche e morali forse un po’ scontate per farne un capolavoro di letteratura. Sullo sfondo domina il contrasto tra Occidente e Oriente che ha caratterizzato l’inizio di questo secolo. La storia si fa sempre meno in Europa. Le cose accadono altrove.
    Buon ritmo. Piacevole.

    Is this helpful?

    Albe said on Jul 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il fondamentalista riluttante, di Mohsin Hamid

    http://www.meloleggo.it/recensione-il-fondamentalista-r… “Il fondamentalista riluttante” (Einaudi, 2007, con traduzione di Norman Gobetti) è il secondo libro di Mohsin Hamid, scrittore pakistano che ha vissuto una parte ...(continue)

    http://www.meloleggo.it/recensione-il-fondamentalista-r…

    “Il fondamentalista riluttante” (Einaudi, 2007, con traduzione di Norman Gobetti) è il secondo libro di Mohsin Hamid, scrittore pakistano che ha vissuto una parte della sua vita negli USA. Dal libro è stato anche tratto l’omonimo film, diretto da Mira Nair.

    Il protagonista è Changez, la cui vita e pensieri sono divisi tra il Paese natio, il Pakistan, e il Paese d’adozione, gli USA. Quest’ultimo è per lui il luogo delle promesse, dove conosce l’amore, i soldi e il prestigio. Dopo gli studi a Princeton viene assunto dalla Underwood Samson, famosa ditta newyorchese specializzata in consulenze aziendali. Vede da qui l’America meritocratica, che permette anche allo straniero che lavora sodo di poter ambire a un’ottima carriera.

    Nel frattempo cresce in lui l’amore per Erica, ricca e bella, con la passione per la s... [continua a leggere su www.MeLoLeggo.it]

    Is this helpful?

    MeLoLeggo.it said on Jun 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una visione interessante degli Stati Uniti a seguito dell'attentato dell'11 settembre.
    Per tutto il libro sembra di stare seduti al tavolo con Changez ad ascoltare il suo racconto: un bel racconto!

    Is this helpful?

    Daniele said on May 29, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    C’è una buona dose di incoerenza in una persona che odia il paese dal quale lui stesso ha voluto farsi accettare. E chi studia finanza a Princeton e lavora come analista a Wall Street godendo di prestigio e ricchezza deve essere sia a conoscenza dell ...(continue)

    C’è una buona dose di incoerenza in una persona che odia il paese dal quale lui stesso ha voluto farsi accettare. E chi studia finanza a Princeton e lavora come analista a Wall Street godendo di prestigio e ricchezza deve essere sia a conoscenza delle regole del gioco, sia disposto a combattere una discutibile guerra economica globale.
    Certo, se si proviene da una famiglia del Punjab, lo spaesamento è naturale, umano: Changez si sente diverso perché la sue origini e la sua cultura lo rendono effettivamente diverso ma non incontra serie difficoltà di integrazione perché in realtà è ben voluto da tutti, ha successo, piace.
    Il problema è che è innamorato di una ragazza che soffre di un grave esaurimento nervoso; lei proprio non lo può amare e lui inizia a covare un malsano risentimento verso la realtà che lo circonda.
    Prima della reazione, in seguito oggettivamente sproporzionata, degli Stati Uniti, sorride alla notizia del crollo delle torri gemelle, perché dentro di lui cova già da tempo un’acredine profonda per il paese che gli ha dato fama e ricchezza.
    E’ un uomo ambiguo questo Changez, ed ambiguo è il suo modo di raccontare la propria storia all’interlocutore americano incontrato per caso(?) a Lahore , dove è tornato dopo aver preso atto dell’inconciliabilità tra la cultura pakistana e quella americana.
    La conversazione, di cui udiamo un’unica voce, è intrigante, il tono è suadente e minaccioso come solo la voce di una cultura antica e diversa dalla nostra può essere, la tensione monta, ma il finale rimane aperto. Sospettiamo che l’epilogo sarà tragico perché sappiamo già che Changez, così arguto, ossequioso e premuroso è in realtà incoerente, subdolo, incapace di sganciare la propria visione del paese che lo ha accettato dal travaglio personale e sentimentale. Eppure, dentro di noi una vocina ci suggerisce che Changez potrebbe semplicemente essere un giovane uomo non disposto a sacrificare la propria identità e i propri valori ad un paese che spesso travolge senza pietà tutti coloro che possono essere considerati antagonisti in una sempre più evidente guerra economica globale.

    Is this helpful?

    Dudaila said on May 21, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book