Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Restaurant at the End of the Universe

By

Publisher: Pocket

4.1
(4959)

Language:English | Number of Pages: | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Portuguese , German , French , Italian , Dutch , Japanese , Latvian , Chi traditional , Czech , Polish , Greek , Slovenian , Hungarian

Isbn-10: 0671493043 | Isbn-13: 9780671493042 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , School & Library Binding , Library Binding , Others , Audio CD , eBook

Category: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Restaurant at the End of the Universe ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
"DOUGLAS ADAMS IS A TERRIFIC SATIRIST."
--The Washington Post Book World
Facing annihilation at the hands of the warlike Vogons is a curious time to have a craving for tea. It could only happen to the cosmically displaced Arthur Dent and his curious comrades in arms as they hurtle across space powered by pure improbability--and desperately in search of a place to eat.
Among Arthur's motley shipmates are Ford Prefect, a longtime friend and expert contributor to the Hitchhiker's Guide to the Galaxy; Zaphod Beeblebrox, the three-armed, two-headed ex-president of the galaxy; Tricia McMillan, a fellow Earth refugee who's gone native (her name is Trillian now); and Marvin, the moody android who suffers nothing and no one very gladly. Their destination? The ultimate hot spot for an evening of apocalyptic entertainment and fine dining, where the food (literally) speaks for itself.
Will they make it? The answer: hard to say. But bear in mind that the Hitchhiker's Guide deleted the term "Future Perfect" from its pages, since it was discovered not to be!
"What's such fun is how amusing the galaxy looks through Adams' sardonically silly eyes."
--Detroit Free Press
Sorting by
  • 5

    Secondo capitolo della saga, è pienamente all'altezza del precedente.
    Un libro imperdibile che con tanto humor e tante assurdità riesce a farti riflettere su importanti questioni della nostra vita quotidiana.

    said on 

  • 5

    Come sempre assurdo e attuale

    Douglas Adams inventa un mondo incredibile e assurdo riuscendo a renderlo attuale e assolutamente plausibile.
    E' sempre bello leggerlo. Questo ennesimo romanzo è una conferma.

    said on 

  • 3

    Adams ripeto è un bravissimo scrittore. Ci vuole del talento per mettere così tanta carne a cuocere e non esasperare il lettore. Nella mia recensione del primo libro della saga, avevo scritto che è un grande, ma non me la sentivo di dire che è un genio come spesso viene dipinto. Dopo aver letto a ...continue

    Adams ripeto è un bravissimo scrittore. Ci vuole del talento per mettere così tanta carne a cuocere e non esasperare il lettore. Nella mia recensione del primo libro della saga, avevo scritto che è un grande, ma non me la sentivo di dire che è un genio come spesso viene dipinto. Dopo aver letto anche questo rimango della mia opinione.

    said on 

  • 3

    El único libro que me he leído del la saga del "autoestopista galáctico" y aparte del bizarrismo que acompaña toda la obra (y parece ser una característica de la saga) consigue sacarte unas risas en algunos momentos. En general, el carácter extraño del libro es lo que te logra enganchar y hacer q ...continue

    El único libro que me he leído del la saga del "autoestopista galáctico" y aparte del bizarrismo que acompaña toda la obra (y parece ser una característica de la saga) consigue sacarte unas risas en algunos momentos. En general, el carácter extraño del libro es lo que te logra enganchar y hacer que no dejes de leer hasta el final. Estoy deseando leerme el resto de los libros de la saga.

    said on 

  • 3

    Ripensando al primo la trama mi sembra meno brillante, il finale poi é decisamente deludente.. l'autore, con l'intenzione di scriverne un altro, ti lascia con l'amaro in bocca.
    Quello che non cambia é l'umorismo, geniale!

    said on 

  • 4

    Decisamente non ai livelli del primo. Resta pur sempre affascinante e pieno di trovate geniali. Dà ancora la voglia di continuare la saga, cosa che farò al volo!

    said on 

  • 2

    Facciamo 2 e mezzo

    Mi aspettavo di più da seguito di "Guida galattica per autostoppisti". Invece mi sono persa nella trama, secondo me un po' troppo contorta, e soprattutto priva di fatti particolarmente significativi. Sembra più che altro un gran preludio ai libri successivi, ma se davvero è così allora mi verrebb ...continue

    Mi aspettavo di più da seguito di "Guida galattica per autostoppisti". Invece mi sono persa nella trama, secondo me un po' troppo contorta, e soprattutto priva di fatti particolarmente significativi. Sembra più che altro un gran preludio ai libri successivi, ma se davvero è così allora mi verrebbe da togliere anche la seconda stella.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Schema della trama: eroi teletrasportati in un luogo x, si trovano in pericolo, trovano un modo per teletrasportarsi in un altro luogo x, si trovano in pericolo, etc.
    Nonostante le ovvie lacune nella trama, che risulta molto frammentaria e a tratti irritante, la forza del libro sta nelle si ...continue

    Schema della trama: eroi teletrasportati in un luogo x, si trovano in pericolo, trovano un modo per teletrasportarsi in un altro luogo x, si trovano in pericolo, etc.
    Nonostante le ovvie lacune nella trama, che risulta molto frammentaria e a tratti irritante, la forza del libro sta nelle singole situazioni. Se nel precedente romanzo (sicuramente scritto meglio) il tutto era caratterizzato da un divertente cinismo, qui Adams passa a un tono grottesco a tratti inquietante (i passeggeri di un aereonave mantenuti in sonno criogenico per 900 anni nell' attesa vana del rifornimento di salviette umide; l' alto-borghesia dello spazio che guarda la fine dell' universo come fosse al cinema; la macchina di prospettiva totale).
    Quel 42 che in 'Guida galattica per autostoppisti' mi era sembrata solo una divertentissima presa in giro, nel secondo libro si carica di un' aura mistica che lo porta al livello del monolito di Kurbrik. Ma la verità sulla risposta alla domanda fondamentale sarà un vero schock o Adams si sta tirando la zappa sui piedi?

    said on 

Sorting by