Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Rotters' Club

By Jonathan Coe

(16)

| Paperback | 9780241954591

Like The Rotters' Club ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

At 8.20 precisely, the timing device set off the trigger, the battery pack sent power running through the cables, and thirty pounds of gelignite exploded on the far side of the pub. And that was how it all ended, for the chick and the hairy guy. The Continue

At 8.20 precisely, the timing device set off the trigger, the battery pack sent power running through the cables, and thirty pounds of gelignite exploded on the far side of the pub. And that was how it all ended, for the chick and the hairy guy. The tale of Benjamin Trotter and his friends' coming of age during the 1970s is a heartfelt celebration of the joys and agonies of growing up. Featuring, among other things, IRA bombs, prog rock, punk rock, bad poetry, first love, love on the side, prefects, detention, a few bottles of Blue Nun, plenty of brown wallpaper, industrial strife, and divine intervention in the form of a pair of swimming trunks, it is firmly and mischievously located in the midst of the decade's many struggles and upheavals. Tragic and riotous by turns, packed with thwarted romance and furtive sex, "The Rotters' Club" is for anyone who ever experienced adolescence the hard way.

602 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La Gran Bretagna degli anni '70, con le lotte operaie, i rigurgiti nazionalisti, il terrorismo dell'IRA, il progressive rock e gli albori del punk, narrata attraverso le vite degli alunnni di un prestigioso liceo di Birmingham e quelle dei loro famig ...(continue)

    La Gran Bretagna degli anni '70, con le lotte operaie, i rigurgiti nazionalisti, il terrorismo dell'IRA, il progressive rock e gli albori del punk, narrata attraverso le vite degli alunnni di un prestigioso liceo di Birmingham e quelle dei loro famigliari.
    Apprezzabile e ben delineato, sa coinvolgere e affezionare il lettore ai protagonisti, tantoché oggi ho comprato il libro che ne costituisce il seguito.

    Is this helpful?

    aisha said on Sep 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sarà lui troppo dispersivo o io ad averlo affrontato distratta... ma proprio non mi prende. Mi avvalgo del diritto di abbandono.

    Is this helpful?

    Pollapollina said on Sep 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nostalgico

    Bravo e ancora bravo mio caro Jonathan. Non è facile mettere mano agli anni '70 del proprio paese senza essere patetici o, peggio, nostalgici. Belle storie incrociate, sovrapposte, parallele...un'umanità che non sarà facile dimenticare. E ben venga p ...(continue)

    Bravo e ancora bravo mio caro Jonathan. Non è facile mettere mano agli anni '70 del proprio paese senza essere patetici o, peggio, nostalgici. Belle storie incrociate, sovrapposte, parallele...un'umanità che non sarà facile dimenticare. E ben venga pure il finale troncato anche se, amando i finali aperti, a quelli lasciati in sospeso non ero ancora preparato.

    Is this helpful?

    Pierlues said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Evidentemente in questo periodo non sono predisposta a continuare letture che non mi convincano nelle prime 50 pagine, dato che mi trovo al quarto libro abbandonato nel giro di due giorni. Mi dispiace per Coe, Auster, Palahniuk e altri compagni sulla ...(continue)

    Evidentemente in questo periodo non sono predisposta a continuare letture che non mi convincano nelle prime 50 pagine, dato che mi trovo al quarto libro abbandonato nel giro di due giorni. Mi dispiace per Coe, Auster, Palahniuk e altri compagni sulla scrivania, ma ci sono momenti in cui si cerca godibilità e sostanza al primo sguardo, qualcosa che ci somiglia e ci ricorda chi siamo.

    Is this helpful?

    the Passenger said on Aug 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    "Il tempo presente e il tempo passato son forse presenti entrambi nel tempo futuro, e il tempo futuro è contenuto nel tempo passato"

    "Eppure ci sono momenti nella vita che varrebbe la pena spendere mondi interi per acquistarli, momenti così carichi, così densi di emozioni che in qualche modo diventano senza tempo..."
    Chi non ricorda in modo presente e forte quei "sei o sette" mome ...(continue)

    "Eppure ci sono momenti nella vita che varrebbe la pena spendere mondi interi per acquistarli, momenti così carichi, così densi di emozioni che in qualche modo diventano senza tempo..."
    Chi non ricorda in modo presente e forte quei "sei o sette" momenti nella vita (e a volte non sa nemmeno perchè) e non darebbe tutto per riviverli.

    Is this helpful?

    Zefiro said on Aug 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Come chiunque

    Primo romanzo che leggo di Coe, è riuscito a catturarmi senza adottare particolari tecniche di seduzione, lasciando fluire con naturalezza i protagonisti e le loro esperienze, dove la semplicità — grazie al cielo — ha regnato sovrana.
    Ragazzi come ta ...(continue)

    Primo romanzo che leggo di Coe, è riuscito a catturarmi senza adottare particolari tecniche di seduzione, lasciando fluire con naturalezza i protagonisti e le loro esperienze, dove la semplicità — grazie al cielo — ha regnato sovrana.
    Ragazzi come tanti (come chiunque di noi), con le loro speranze e incertezze, che tentano di dare un senso al futuro sapendo di arrancare ancora nel presente.

    La leggerezza usata dall’autore, anche negli squarci politici, riesce a rendere partecipi in modo vivo e si appropria di un appassionato distacco in grado di acquisire sostanza in ogni situazione.

    Il protagonista (Ben) della fine, quando si concede un soliloquio da primato per esprimere la gioia che prova, mi ha ricordato, nei modi, l’Holden di Salinger.
    Piaciuto.

    Is this helpful?

    byAx said on Aug 10, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book