Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Rule of Four

By ,

Publisher: Arrow Books Ltd

3.2
(2889)

Language:English | Number of Pages: 464 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Chi traditional , French , Catalan , German , Italian , Portuguese , Dutch , Swedish , Finnish

Isbn-10: 0099451956 | Isbn-13: 9780099451952 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Softcover and Stapled , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Do you like The Rule of Four ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Tom Sullivan, about to graduate from Princeton, is haunted by the violent death of his father, an academic who devoted his life to one of the rarest, most complex books in the world. Coded in seven languages, the Hypnerotomachia Polophili, an intricate mathematical mystery and a tale of love and arcane brutality, has baffled scholars since 1499. Tom's friend Paul is similarly obsessed and when a long-lost diary surfaces they finally seem to make a breakthrough. But only hours later, a fellow researcher is murdered and the two friends suddenly find themselves in great danger. Working desperately to expose the book's secret, they slowly uncover a Renaissance tale of passion and blood, a hidden crypt and a secret worth dying to protect...
Sorting by
  • 5

    Un college. Un antico manoscritto. Un delitto.

    Il genere Codice da Vinci incontra l'attimo fuggente con un risultato elegante e ben orchestrato.

    said on 

  • 4

    Una bella sorpresa!

    Ne ho sentito parlare anni e anni fa, e subito me ne dimenticai. Me lo sono ritrovato su una bancarella, a 1 euro, un'occasione troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire, e 1 euro tutto sommato è un valore irrisorio anche per il peggiore dei libri. Si è rivelato l'euro meglio speso in tutta la mia ...continue

    Ne ho sentito parlare anni e anni fa, e subito me ne dimenticai. Me lo sono ritrovato su una bancarella, a 1 euro, un'occasione troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire, e 1 euro tutto sommato è un valore irrisorio anche per il peggiore dei libri. Si è rivelato l'euro meglio speso in tutta la mia vita, per un libro che segue un filone ormai scadente, trito e ritrito, a cui resto ben poco da dire, ma facendolo in un modo originalissimo! Lo spunto è originale, la trama è semplice, banalotta, senza particolari sorprese o colpi di scena, ma per essere uno di quei thriller da spiaggia, è dannatamente ben scritto! Con tanti aneddoti interessati, un'ottima introspezione dei personaggi, e un amore vero e viscerale per la materia raccontata. Una bella sorpresa, da leggere per chi ama il Rinascimento italiano.

    "Come tutte le cose dell'universo, sin dalla nascita, anche noi siamo destinati ad allontanarci gli uni dagli altri. Il tempo è il solo metro con cui misuriamo la separazione. Se siamo solo particelle fluttuanti nel mare della distanza, esplose da un nucleo originale, ci deve essere una spiegazione scientifica per la nostra solitudine".

    said on 

  • 4

    Il codice del quattro

    Un thriller complesso e atipico dove il gioco viene gestito tutto da un libro scritto da un principe 500 anni fa. Inutile cercare di interpretare gli indovinelli e i disegni che ci vengono proposti, l'unica è goderci l'estenuante ostinata ricerca della soluzione di Paul e Tom (studenti di Princet ...continue

    Un thriller complesso e atipico dove il gioco viene gestito tutto da un libro scritto da un principe 500 anni fa. Inutile cercare di interpretare gli indovinelli e i disegni che ci vengono proposti, l'unica è goderci l'estenuante ostinata ricerca della soluzione di Paul e Tom (studenti di Princeton).

    said on 

  • 1

    Il codice della noia

    Difficile trovare un testo più slegato, insulso, statico e soporifero di questo, soprattutto se lo si è affrontato pensando ad una lettura intelligente e veloce.
    Personaggi monodimensionali, che non si riesce a visualizzare, tanto sono privi di consistenza psicologica e persino fisica.
    Eventi irr ...continue

    Difficile trovare un testo più slegato, insulso, statico e soporifero di questo, soprattutto se lo si è affrontato pensando ad una lettura intelligente e veloce. Personaggi monodimensionali, che non si riesce a visualizzare, tanto sono privi di consistenza psicologica e persino fisica. Eventi irragionevoli, paradossali, privi di continuità temporale e di coerenza emozionale e logica. Un pasticcio velleitario, insomma, visto anche lo stile sofisticato e cerebrale che viene utilizzato dagli autori, dove si mescolano episodi da romanzo di formazione (in ambito claustrofobicamente scolastico) e momenti di indagine storico-misterica sulla falsariga di altri altrettanto sciagurati "codici" che hanno infestato la letteratura popolare degli ultimi anni. Un libro da evitare, per la sua piattezza e per la mancanza assoluta di stimoli, convinto come sono che in questo insulso sottogenere di thriller si possano facilmente trovare titoli meglio concepiti, a partire da quelli dello stesso Dan Brown, se poprio ci vogliamo così poco bene.

    said on 

  • 2

    ....un mese e mezzo per finirlo, dà già indicazioni circa quanto l'ho apprezzato, comunque cito dalle ultime pagine:
    "Immagina che il presente sia semplicemente il riflesso del futuro. Immagina di passare tutta la vita a fissare uno specchio in cui si riflette il futuro che si trova alle tue spal ...continue

    ....un mese e mezzo per finirlo, dà già indicazioni circa quanto l'ho apprezzato, comunque cito dalle ultime pagine: "Immagina che il presente sia semplicemente il riflesso del futuro. Immagina di passare tutta la vita a fissare uno specchio in cui si riflette il futuro che si trova alle tue spalle, vedendolo solo come riflesso del presente. Qualcuno potrebbe pensare che sia più facile guardare il domani direttamente, voltando le spalle allo specchio. ma così facendo, senza neppure accorgersene, perderebbe il punto di vista con cui ha osservato il mondo sino a quel momento. Infatti non vedrebbe mai il proprio rriflesso. Se volgiamo le spalle allo specchio, nel nostro futuro non incontreremo mai noi stessi.".........per carità! Probabilmente il mio pragmatismo o, ancora più probabilmente il mio egocentrismo mi impedisce di vedere altro altro che me stessa quando mi rifletto in uno specchio............ :-)

    said on 

  • 4

    Strano

    Cioè, all'inizio volevo liberarmene, era lento e poco coinvolgente, poi leggendolo la trama si è fatta via via più scorrevole, ricca di colpi di scena ed appassionante. A 1/3 del libro avrei dato forse e dico forse 2 stelline ma ora che l'ho finito mi manca parecchio.

    said on 

  • 5

    È Pasqua a Princeton. Gli studenti prossimi alla laurea sono immersi nella preparazione delle tesi e due di loro, Tom Sullivan e Paul Harris, sono a un passo dal risolvere i misteri dell’Hypnerotomachia Poliphily, un’opera rinascimentale che... http://libidolegendi-librido.blogspot.it/2013/05/il- ...continue

    È Pasqua a Princeton. Gli studenti prossimi alla laurea sono immersi nella preparazione delle tesi e due di loro, Tom Sullivan e Paul Harris, sono a un passo dal risolvere i misteri dell’Hypnerotomachia Poliphily, un’opera rinascimentale che... http://libidolegendi-librido.blogspot.it/2013/05/il-codice-del-quattro.html

    said on 

Sorting by