The Salmon of Doubt

Hitchhiking the Galaxy One Last Time

By

Publisher: Del Rey Books

3.8
(540)

Language: English | Number of Pages: 336 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Italian , Norwegian , German , Portuguese

Isbn-10: 0345455290 | Isbn-13: 9780345455291 | Publish date:  | Edition Reprint

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Audio CD , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Salmon of Doubt ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
On Friday, May 11, 2001, the world mourned the untimely passing of Douglas Adams, beloved creator of The Hitchhiker’s Guide to the Galaxy, dead of a heart attack at age forty-nine. Thankfully, in addition to a magnificent literary legacy—which includes seven novels and three co-authored works of nonfiction—Douglas left us something more. The book you are about to enjoy was rescued from his four computers, culled from an archive of chapters from his long-awaited novel-in-progress, as well as his short stories, speeches, articles, interviews, and letters. In a way that none of his previous books could, The Salmon of Doubt provides the full, dazzling, laugh-out-loud experience of a journey through the galaxy as perceived by Douglas Adams. From a boy’s first love letter (to his favorite science fiction magazine) to the distinction of possessing a nose of heroic proportions; from climbing Kilimanjaro in a rhino costume to explaining why Americans can’t make a decent cup of tea; from lyrical tributes to the sublime pleasures found in music by Procol Harum, the Beatles, and Bach to the follies of his hopeless infatuation with technology; from fantastic, fictional forays into the private life of Genghis Khan to extended visits with Dirk Gently and Zaphod Beeblebrox: this is the vista from the elevated perch of one of the tallest, funniest, most brilliant, and most penetrating social critics and thinkers of our time.Welcome to the wonderful mind of Douglas Adams.From the Hardcover edition.
Sorting by
  • 3

    una raccolta abbastanza divertente di articoli e interviste con una parte dedicata a quello che doveva essere un nuovo libro. se ci si aspetta un 'libro' è deludente altrimenti una lettura piacevole ...continue

    una raccolta abbastanza divertente di articoli e interviste con una parte dedicata a quello che doveva essere un nuovo libro. se ci si aspetta un 'libro' è deludente altrimenti una lettura piacevole

    said on 

  • 4

    Ideale per chi vuole conoscere l'Adams persona e non solo l'autore (per questo parlano i suoi libri). Quindi sia chiaro: questo non è uno dei suoi romanzi né una raccolta di racconti. Né è il "terzo" ...continue

    Ideale per chi vuole conoscere l'Adams persona e non solo l'autore (per questo parlano i suoi libri). Quindi sia chiaro: questo non è uno dei suoi romanzi né una raccolta di racconti. Né è il "terzo" episodio di Dirk Gently, come si legge in giro!
    La prima parte infatti ci presenta l'Adams persona nei suoi articoli, interviste e altri materiali dove parla di sé, del suo lavoro, di econologia e del suo impegno verso le specie in via di estinzione e tutto il resto.
    La seconda parte, che io ho personalmente trovato interessantissima, presenta le sue riflessioni soprattutto su informatica, internet e la tecnologia. La cosa interessante è che, sebbene scritte nella seconda metà degli anni Novanta, quindi quando si stavano maggiormente diffondendo (e Internet nasceva e muoveva i primi passi), queste riflessioni risultano ancora attualissime.
    Feroce la sua critica contro i mille adattatori e alimentatori per computer (e aggiungerei cellulari) che ancora oggi continuano a impestare la vita di tutti.
    Utili le sue riflessioni sulle potenzialità di internet e i suoi sviluppi (alcuni dei quali oggi diventati realtà: wireless, mobile ecc.). Se solo molti cosiddetti imprenditori della cosiddetta new economy, soprattutto italiani, e cosiddetti esperti di web marketing e pubblicitari prendessero in considerazione alcuni di questi spunti!
    Infine c'è quello che iniziò a scrivere per l'eventuale terzo capitolo di Gently, ma che pare lui volesse rigirare in un nuovo capitolo della Guida Galattica. Carino, ma niente di che.
    Questo libro è comunque un ottimo omaggio alla memoria di un grande (autore, divulgatore, satirico ecc.).

    said on 

  • 5

    Io adoro Douglas Adams e ogni frase da lui scritta, quindi leggere "Il salmone del dubbio" è stato piuttosto triste.
    Questo volume contiene l'ultima investigazione, incompiuta, di Dirk Gently e varie ...continue

    Io adoro Douglas Adams e ogni frase da lui scritta, quindi leggere "Il salmone del dubbio" è stato piuttosto triste.
    Questo volume contiene l'ultima investigazione, incompiuta, di Dirk Gently e varie riflessioni e articoli dell'autore. Lo consiglio solo a chi ha letto le sue opere precedenti e intende conoscerlo meglio anche come persona.
    Qui la mia recensione:
    http://unapausateperlanima.blogspot.it/2016/03/recensione-il-salmone-del-dubbio-di.html

    said on 

  • 2

    Lascia con l'amaro in bocca...dopo tutta la meraviglia dei libri precedenti, hanno pubblicato questa raccolta postuma di articoli di Adams (a testimonianza di una mente brillantissima), insieme al pez ...continue

    Lascia con l'amaro in bocca...dopo tutta la meraviglia dei libri precedenti, hanno pubblicato questa raccolta postuma di articoli di Adams (a testimonianza di una mente brillantissima), insieme al pezzo di manoscritto della sua ultima opera.
    Scrittura sempre meravigliosa, ma libro inconcludente

    said on 

  • 2

    due e mezzo

    Perchè non è un libro, ma una pubblicazione di appunti sparsi, lettere, presentazioni, conferenze e tutto quello che si è riuscito a trovare per pubblicare un "libro" postumo.
    Perchè scriveva bene. ...continue

    Perchè non è un libro, ma una pubblicazione di appunti sparsi, lettere, presentazioni, conferenze e tutto quello che si è riuscito a trovare per pubblicare un "libro" postumo.
    Perchè scriveva bene.

    said on 

  • 5

    NIENTE PANICO!

    Leggere questo libro mi ha messo addosso una malinconia e una tristezza inenarrabili perché:
    a) Douglas Adams è morto troppo troppo troppo troppo presto (Seriamente. Perché? Perché non ...continue

    NIENTE PANICO!

    Leggere questo libro mi ha messo addosso una malinconia e una tristezza inenarrabili perché:
    a) Douglas Adams è morto troppo troppo troppo troppo presto (Seriamente. Perché? Perché non qualcuno di inutile? La vita è una beffa)
    b) "Il salmone del dubbio" è rimasto incompleto (E diamine, quel rinoceronte a me è rimasto in gola.. Come farò senza sapere cosa succede??)
    c) Avrei voluto leggere altre mille pagine 'rubate' dal pc di Adams perché diamine se quest'uomo era geniale!! Devo rileggere la Guia, per forza.

    Il salmone del dubbio è un'opera postuma che forse Adams nemmeno avrebbe voluto pubblicare (me lo immagino nel posto dove si trova ora a lamentarsi su questo 'scempio'.. :D) e contiene i primi capitoli della terza avventura di Dirk Gently.. Quindi se non avete letto i primi due (come me, ma dettagli :D) e soprattutto se non avete letto la Guida (E vergognatevi per questo. E' un capolavoro di comicità e genialità e risate geniale :D).. Non iniziate da questo libro per conoscere Adams.. Se siete invece orfani dell'autore.. Il salmone del dubbio è lì per voi ma.. Attenti che vi verrà una malinconia rara :(

    La prima parte raccoglie una serie di articoli, pensieri, frasi e via dicendo che fanno conoscere un po' di più Douglas Adams come persona.. Era senza ombra di dubbio geniale e visionario e all'avanguardia e alcuni articoli vi lasceranno sbalorditi per la modernità, come quando ad esempio parla dei pc, visto che gli articoli sono degli anni novanta.. Alcune sue intuizioni e previsioni mi hanno lasciato di stucco!
    Mi ha poi messo la pulce ull'orecchio su un paio di libri da leggere.. Argh :D
    Il terzo racconto di Dirk Gently è tutto ciò che da Adams vi aspettereste: situazioni paradossali, dialoghi improbabili, genialità e risate!!

    Ho trovato tre regole che descrivono le nostre reazioni alla tecnologia:
    1. Qualunque cosa esista nel mondo quando nasciamo, ci pare normale e usuale e riteniamo che appartenga per natura al funzionamento dell'Universo.
    2. Qualunque cosa sia stata inventata nel ventennio intercorso tra i nostri quindici e nostri trentacinque anni è nuova ed entusiasmante e rivoluzionaria e forse rappresenta un campo in cui possiamo far carriera.
    3. Qualunque cosa sia stata inventata dopo che abbiamo compiuto trentacinque anni va contro l'ordine naturale delle cose.

    Se ci si presenta alla gente con un questionario e un taccuino, la gente mentirà. Una volta un mio amico ha preparato questionari da far compilare agli utenti del Web per conto di un centro sondaggi. Le informazioni ottenute, mi ha detto, hanno fornito un quadro molto incoraggiante della situazione mondiale. Sapevate per esempio che quasi il 90% della popolazione è composta da amministratori delegati di aziende di loro proprietà e che questi amministratori guadagnano oltre un milione di dollari all'anno?

    La mattina dopo il tempo era così brutto che non meritava nemmeno di essere chiamato tempo, per cui Dirk decise di chiamarlo Stanley.
    Stanley non era un bell'acquazzone. Non c'è niente di male in un bell'acquazzone che ripulisce l'aria. Stanley, al contrario, era ciò che rende necessario un bell'acquazzone. Stanley era afoso, opprimente e soffocante, come un ciccione sudato che ti schiaccia contro in metropolitana. Stanley non pioveva, ma ogni tanto ti gocciolava addosso.
    Dirk era fuori nello Stanley.

    said on 

  • 5

    questo libro mi fa sentire ancora di più la mancanza di Douglas. una mente lucidità che ancora oggi mi sorprende e mi rattrista perché non può più mostrarci almeno una parte del camino.

    said on 

  • 4

    Addio e grazie per tutto il salmone

    Da uno a 10 quanto amate Douglas Adams? (Nota 1)
    Non lo conoscete? Bene, allora vi dico subito questo NON è il libro giusto per fare la conoscenza dello scrittore britannico, o forse sì. Confusi? Tran ...continue

    Da uno a 10 quanto amate Douglas Adams? (Nota 1)
    Non lo conoscete? Bene, allora vi dico subito questo NON è il libro giusto per fare la conoscenza dello scrittore britannico, o forse sì. Confusi? Tranquilli, è tutto normale quando si ha a che fare con il creatore della “Guida galattica per gli autostoppisti” e come sempre…. DON’T PANIC!

    Trovate il commento completo QUI:

    http://labaravolante.blogspot.it/2015/04/il-salmone-del-dubbio-addio-e-grazie.html

    said on 

  • 3

    E' sicuramente un libro per i veri appassionati di Adams e del genere.
    Purtroppo nel 2001 Adams è stato stroncato da un infarto a soli 49 anni, privandoci quindi del piacere di poterlo ancora leggere. ...continue

    E' sicuramente un libro per i veri appassionati di Adams e del genere.
    Purtroppo nel 2001 Adams è stato stroncato da un infarto a soli 49 anni, privandoci quindi del piacere di poterlo ancora leggere.
    Questo libro, che teoricamente doveva un seguito della serie di Dirk Gently, invece è rimasto incompiuto e si è quindi optato per una raccolta di interviste e di aneddoti sull'autore, e poi i primi capitoli del libro così come sono stati lasciati da Adams, work in progress.
    Senza dubbio una grande perdita, ma tutto sommato era piuttosto perdibile anche questo libro purtroppo.
    Sono comunque contenta di averlo letto in modo da avere un quadro completo delle opere di Adams ancora in commercio, mi mancheranno le sue storie strane e assurde...

    said on 

  • 5

    il bellissimo è da riferire al romanzo incompiuto di Adams, il salmone del dubbio appunto. L'ho letto con molta malinconia e un gran senso di vuoto per qualcosa che non avremo mai più. La parte restan ...continue

    il bellissimo è da riferire al romanzo incompiuto di Adams, il salmone del dubbio appunto. L'ho letto con molta malinconia e un gran senso di vuoto per qualcosa che non avremo mai più. La parte restante del libro sono interviste e articoli che non rendono giustizia al grande scrittore. Saltatele e leggetevi il romanzo.

    said on 

Sorting by