Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Satanic Bible

By

Publisher: HarperCollins Publishers Inc

3.4
(113)

Language:English | Number of Pages: 272 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , French , Spanish , Japanese

Isbn-10: 0380015390 | Isbn-13: 9780380015399 | Publish date: 

Also available as: Hardcover

Category: Mystery & Thrillers , Philosophy , Religion & Spirituality

Do you like The Satanic Bible ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

Called "The Black Pope" by many of his followers, Anton La Vey began the road to High Priesthood of the (lurch of Satan when he was only 16 years old and an organ player in a carnival:

"On Saturday night I would see men lusting after halfnaked girls dancing at the carnival, and on Sunday morning when I was playing the organ for tent-show evangelists at the other end of the carnival lot, I would see these same men sitting in the pews with their wives and children, asking God to forgive them and purge them of carnal desires. And the next Saturday night they'd be back at The carnival or some other place of indulgence.

"I knew then that the Christian Church thrives on hypocrisy, and that man's carnal nature will out!"

From that time early in his life his path was clear. Finally, on the last night of April, 1966 -- Walpurgisnacht, the most important festival of the believers in witchcraft -- LaVey shaved his head in the tradition of Ancient executioners and announced the formation of The Church Of Satan. He had seen the need for a church that would recapture man's body and his carnal desires as objects of celebration. "Since worship of fleshly things produces pleasure," he said, "there would then be a temple of glorious indulgence . . ."

Sorting by
  • 1

    "In principio io vi feci maggiordomi"

    Gioiello di strafalcioni linguistici del traduttore e culturali dell'autore, calderone sulfureo di anti-conformismo diabolico, impagabile impiastro di 'ragionamenti' deliranti, frutto del peccato ma soprattutto dell'idiozia.


    A fronte dell'ignoranza dell'autore e del suo basso tentativo di ...continue

    Gioiello di strafalcioni linguistici del traduttore e culturali dell'autore, calderone sulfureo di anti-conformismo diabolico, impagabile impiastro di 'ragionamenti' deliranti, frutto del peccato ma soprattutto dell'idiozia.

    A fronte dell'ignoranza dell'autore e del suo basso tentativo di compiacerlo, il Maligno sarà certamente più deliziato dalla mia recensione che da eventuali tentativi dei lettori di seguire gli insegnamenti e le istruzioni pratiche del reverendo-autore:

    "7 Girando in senso antiorario, il sacerdote indica con la spada ogni punto cardinale dello spazio e chiama innanzi i rispettivi Principi dell’Inferno: Satana da Sud, Lucifero da Est, Belial da Nord, e Leviathan da Ovest. 8 Eseguire la benedizione con il fallo (se usato)."

    Inconsapevole capolavoro trash.

    said on 

  • 4

    Davvero un bel libro per chi vuole conoscere la vera religione satanica, e non le fantomatiche sette che di satanico non hanno niente, e sono solo persone disturbate.
    Nonostante io non appartenga a nessuna religione, devo dire che il libro mi ha entusiasmato e portato ad ulteriori ricerche ...continue

    Davvero un bel libro per chi vuole conoscere la vera religione satanica, e non le fantomatiche sette che di satanico non hanno niente, e sono solo persone disturbate.
    Nonostante io non appartenga a nessuna religione, devo dire che il libro mi ha entusiasmato e portato ad ulteriori ricerche grazie alle informazioni date.

    Purtroppo però solo la prima parte mi ha soddisfatto, essendo molto terra a terra come religione, mentre l'altra metà comincia a parlare di magia e sistemi, interessante in certi punti

    said on 

  • 3

    La traduzione italiana sembra fatta piuttosto male e ci sono vari errori di stampa qua e là, per il resto il libro è sostanzialmente 50% provocazioni e 50% filosofia for dummies. Resta comunque una lettura leggera e diversa dal solito, che può aiutare i curiosi a capire il culto di Satana e che p ...continue

    La traduzione italiana sembra fatta piuttosto male e ci sono vari errori di stampa qua e là, per il resto il libro è sostanzialmente 50% provocazioni e 50% filosofia for dummies. Resta comunque una lettura leggera e diversa dal solito, che può aiutare i curiosi a capire il culto di Satana e che può persino dare un input positivo per la vita quotidiana, in barba al titolo.

    Un consiglio: per far sparire l'orrenda illustrazione della copertina, un marker nero indelebile funziona alla grande.

    said on 

  • 2

    Mi sono avventurato in questo libro curioso di sapere di cosa si trattasse questo "satanismo razionalista", che da quel poco che avevo letto in giro a riguardo mi attirava e volevo conoscere meglio. Pur non essendo un grande esperto di occultismo e materie del genere, ho avuto un forte sentore ch ...continue

    Mi sono avventurato in questo libro curioso di sapere di cosa si trattasse questo "satanismo razionalista", che da quel poco che avevo letto in giro a riguardo mi attirava e volevo conoscere meglio. Pur non essendo un grande esperto di occultismo e materie del genere, ho avuto un forte sentore che LaVey altro non abbia fatto che strumentalizzato questo "Satana" e argomenti come la magia et similia semplicemente a favore della sua dozzinale pseudofilosofia edonista e per predicare un a dir poco infantile anticristianesimo senza capo né coda. Non ce l'ho tanto contro le idee proposte da LaVey, quanto con il fatto che abbia tirato in ballo cose che non c'entrano assolutamente niente con quel che ha da proporre. Insomma, una pietosa facciata per non ammettere che il suo è puro e semplice ateismo materialista. C'era tanto bisogno di scomodare Satana per fondare la sua Chiesa di Satana, che alla fine è, a dir poco paradossale, una chiesa dell'ateismo? Un libro che comunque può andare per qualche adolescente ribelle che si trova nel classico periodo "sono ateo perché sono frustrato dell'esser dovuto andare a catechismo per colpa dei miei che mi hanno obbligato" e che si sentono anticristiani, anticlericali e anti tutto. Posso dire con tranquillità, pur essendo ignorante in materia, che gli appassionati di occultismo possono starsene alla larga da questa opera, onde evitare ulcere multiple. Se già Crowley faceva minestroni insipidi di occultismo, magia e mitologia egizia per fare scalpore, figuriamoci questo buffone di LaVey.

    said on 

  • 0

    We are looking for a few outstanding individuals

    Esistono vari approcci al satanismo. A partire da quello serio, peso e acido di Andrea Volpe, l'obiettivo escatologico del quale era la decimazione dei propri fedeli, a quello un pò più allo squacquerone di Marco Dimitri, il cui scopo è il proselitismo di fighette; da quello americano di ispiraz ...continue

    Esistono vari approcci al satanismo. A partire da quello serio, peso e acido di Andrea Volpe, l'obiettivo escatologico del quale era la decimazione dei propri fedeli, a quello un pò più allo squacquerone di Marco Dimitri, il cui scopo è il proselitismo di fighette; da quello americano di ispirazione telemica, passando a quello nazi occultista, quello dei Litfiba di 17 re, per arrivare agli omicidi su commissione nelle campagne toscane effettuati da manovali analfabeti dell'Ombra.
    Il satanismo, ci avvisa la psichiatria, attira degli arcinoti tipi psicologici, che scelgono di inquadrare la propria peculiare aberrazione (sesso con animali, sacrificio di criceti, calarla facile, uso di mdma, etcetera) in un contesto normativo paradosso. La casistica, limitata, include gli schizzati solitari, le fighette sbarellate e i top manager del lingotto. Le pratiche, che vogliate sucarvele in forma più o meno diluita, simbolica e rituale, sono tre
    1) sessualità aberrante, disordinata o violenta
    2) violenza, abuso, meglio se nella sua forma ottimale, l'omicidio.
    3) alterazione della coscienza, stati di esaltazione, uso di droga.
    Anton Lavey e company hanno avuto l'indubbio pregio di dare il via ad un'istituzione in cui le varie tensioni moderne e anticristiane trovassero una loro forma, e questo libro è da leggersi in tale senso.

    said on 

  • 2

    Qualche buono spunto (scopiazzato qua e là, intendiamoci) in un testo scritto in maniera infantile. Una lettura suggestiva, ma che lascia il tempo che trova

    said on 

Sorting by