Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Scarlet Letter

By Nathaniel Hawthorne

(64)

| Paperback | 9780140623543

Like The Scarlet Letter ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Set in the harsh Puritan community of seventeenth-century Boston, this tale of an adulterous entanglement that results in an illegitimate birth reveals Nathaniel Hawthorne's concerns with the tension between the public and the private selves. Publicl Continue

Set in the harsh Puritan community of seventeenth-century Boston, this tale of an adulterous entanglement that results in an illegitimate birth reveals Nathaniel Hawthorne's concerns with the tension between the public and the private selves. Publicly disgraced and ostracized, Hester Prynne draws on her inner strength and certainty of spirit to emerge as the first true heroine of American fiction. Arthur Dimmesdale stands as a classic study of a seld divided; trapped by the rules of society, he suppresses his passion and disavows his lover, Hester, and their daughter, Pearl. As Nina Baym writes in her Introduction, The Scarlet Letter was not written as realistic, historical fiction, but as a "romance", a creation of the imagination that discloses the truth of the human heart.

444 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Leggendo la trama di questo libro ho pensato che mi avrebbe appassionato immediatamente ma non è stato così. Apprezzo le descrizioni dettagliate di paesaggi e stati d'animo ma in questo romanzo le ho trovate eccessivamente prolisse tanto da rendere l ...(continue)

    Leggendo la trama di questo libro ho pensato che mi avrebbe appassionato immediatamente ma non è stato così. Apprezzo le descrizioni dettagliate di paesaggi e stati d'animo ma in questo romanzo le ho trovate eccessivamente prolisse tanto da rendere la lettura poco scorrevole e togliere spazio al dialogo diretto tra i personaggi. Nell'epilogo tuttavia ho riscontrato una nuova e leggera dinamicità che mi ha piacevolmente colpito. Resta comunque una vetrina dettagliata su quella che era la mentalità puritana della Boston del XVII secolo che lascia inaspettatamente spazio alla novità: una donna forte e coraggiosa che affronta la vita ed una colpa non totalmente sua con grande dignità e solitudine in una comunità che non puó comprenderla.

    Is this helpful?

    Dumbledore said on Oct 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro scritto nel 1850 e racconta della Nuova Inghilterra (Boston) intorno al 1650
    Se dovessimo riassumerlo in due parole: vendetta e redenzione dei due principali personaggi maschili (anche se la colpa ai giorni nostri farebbe sorridere)
    Ma l'er ...(continue)

    Un libro scritto nel 1850 e racconta della Nuova Inghilterra (Boston) intorno al 1650
    Se dovessimo riassumerlo in due parole: vendetta e redenzione dei due principali personaggi maschili (anche se la colpa ai giorni nostri farebbe sorridere)
    Ma l'eroina del libro è Hester, donna volitiva e senza dubbio molto moderna che con la sua piccola Pearl nonostante le prove inferte dal destino riesce a cavarsela con le proprie forze.

    Is this helpful?

    Direttoraimy said on Oct 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Caltanissetta parla troppo ma ammetto che in quello che ha detto c'è una parte vera. Ammettendo ho destato Napoli[f] e Napoli[m], che di pettegolezzi si nutrono. Napoli[f] mi ha subito chiesto quale parte della frase di Caltanissetta fosse vera, ma n ...(continue)

    Caltanissetta parla troppo ma ammetto che in quello che ha detto c'è una parte vera. Ammettendo ho destato Napoli[f] e Napoli[m], che di pettegolezzi si nutrono. Napoli[f] mi ha subito chiesto quale parte della frase di Caltanissetta fosse vera, ma non ha usato il congiuntivo, Napoli[m] invece ha subito escluso Vecchia Romagna dalle verità perché si sa che Vecchia Romagna si scrive con la minuscola. E che c'entra?, ha detto Abbiate Grasso. Tu zitta, ha detto Nola, che sta sempre in mezzo quando Napoli[m] e Napoli[f] si destano. Tu zitta, ha detto, tu pure sei sospetta, e così hanno cominciato a litigare sono entrambe molto insicure e quando cominciano a dirsele Skype si blocca, così mi sono andato a fare i pop corn.

    Is this helpful?

    (skate) said on Oct 5, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Se non turbata da movimenti egoistici, la natura umana è per se stessa più portata all'amore che all'odio; e anche gli animi che odiarono un tempo, se vengano a mancare o non si riaccendano più i motivi dell'odio, diventano proclivi all'amore. Tan ...(continue)

    Se non turbata da movimenti egoistici, la natura umana è per se stessa più portata all'amore che all'odio; e anche gli animi che odiarono un tempo, se vengano a mancare o non si riaccendano più i motivi dell'odio, diventano proclivi all'amore. Tanto era accaduto nei riguardi di Ester Prynne.

    Questo libro ruota principalmente intorno a tre personaggi: Ester Prynne, colpevole di adulterio; Dimmesdale pastore della Nuova Inghilterra; Chillingworth medico e marito di Ester. E intorno alle loro reazioni in seguito all'accusa di adulterio mossa dai Puritani nei confronti di Ester. Assistiamo a diversi tipi di dolore, di amore e di odio. Vediamo una Ester Prynne che porta fiera sul suo petto una lettera scarlatta cucita con fili d'oro che, insieme alla piccola Perla, le ricordano continuamente quale sia la sua colpa da scontare. E che poi diventerà non più simbolo di peccato bensì di rispetto. Poi c'è Dimmesdale, pastore benvoluto e santificato da tutti, portatore della parola divina che in realtà nasconde uno dei segreti più grandi dentro sé. Così grande che lo logora a tal punto da spingere il pastore a confessare la sua colpevolezza in punto di morte, senza tuttavia suscitare lo stesso sdegno che ha dovuto subire Ester per sette anni. E infine abbiamo Chillingworth, medico che sembra arrivare con le migliori intenzioni nella Nuova Inghilterra mentre cova dentro di sé in realtà un odio e un desiderio di vendetta che lo porteranno a distruggere se stesso piuttosto che l'amante di sua moglie.
    La lettera scarlatta è una lettura piacevole, uno specchio di un'Inghilterra puritana ed ipocrita. Sconsiglio assolutamente l'edizione economica della Newton Compton Editori. Spendete più di 0,99€ se non volete rischiare di diventare ciechi, è scritto piccolissimo! (Ed io non sono ancora così vecchia da poter attribuire all'età i problemi di lettura che ho avuto!)

    Is this helpful?

    Fefa990 said on Sep 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Un romanzo toccante, un viaggio nella società puritana dei primi coloni americani, intollerante e chiusa alle novità. Esther, giovane donna in cui marito è rimasto in Inghilterra, giunge in America dando una scossa alla vita della cittadina, rimanend ...(continue)

    Un romanzo toccante, un viaggio nella società puritana dei primi coloni americani, intollerante e chiusa alle novità. Esther, giovane donna in cui marito è rimasto in Inghilterra, giunge in America dando una scossa alla vita della cittadina, rimanendo incinta... Nessuno riesce a farle rivelare chi sia il padre del bambino, e viene marchiata con una A rossa ricamata sul petto del vestito, A come Adultera. Esther porta a termine la gravidanza, e Perla porta un pò di gioia nella sua vita. Ma è quando il marito, creduto morto in un naufragio, arriva come medico in città che le cose peggiorano: l'uomo nota che il reverendo Dimmesdale si comporta in modo strano, si sta lasciando andare e pare vivere nella paura e nell'ansia... E quando Esther si incontra con Dimmesdale nella radura sciogliendo i capelli e facendogli conoscere Perla, è chiaro che il padre sia lui. Alla fine la verità verrà fuori, e il prete morirà in pace con sé stesso per aver espiato la sua colpa mentre Esther se ne va con Perla.
    Il finale è la parte che più mi ha fatto piangere: una donna che torna a vivere in quella casa vicino alla radura, una donna che sembra proprio Esther, che dopo anni passati a cucire vestitini (per la nipotina, forse?) muore nel silenzio tra quelle quattro mura... E sepolta vicino a un'altra lapide, una lapide di un uomo di chiesa, e coperta dalla stessa pietra tombale: alla fine, nell'aldilà, si sono ritrovati <3 Una scrittura scorrevole anche se un pò lenta, che tenta in ogni modo di non far intuire la verità che nasconde su Esther e il suo amante segreto, ma emozionante, delicata, che nonostante tutto non giustifica la condotta dell'adultera. Stupendo, uno dei miei libri preferiti ^^ e Dimmesdale non è proprio niente male *.*

    Is this helpful?

    JJ said on Sep 7, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Hester Prynne, la protagonista del romanzo, è una delle eroine più forti ed appassionate della storia della letteratura mondiale. Lei non solo accetta, senza mai chinare il capo, di essere messa alla gogna e di vivere emarginata dalla comunità in una ...(continue)

    Hester Prynne, la protagonista del romanzo, è una delle eroine più forti ed appassionate della storia della letteratura mondiale. Lei non solo accetta, senza mai chinare il capo, di essere messa alla gogna e di vivere emarginata dalla comunità in una casa ai confini del bosco (wilderness), ma accetta di farsi carico, da sola, delle conseguenze del suo gesto. Continuerà a portare, per sempre, quella A di Adulterio sul petto non perchè è pentita del suo gesto ma per dimostrare la sua forza nel sopportare il peso di questa contro tutta la comunità. Non rivela il nome dell'uomo con cui ha commesso l'adulterio, non le serve neppure il suo aiuto. L'unica volta che lo incontra è per cercare di aiutarlo. Hester Prynne rappresenta lil desiderio di libertà non della donna ma dell'essere umano in generale. Il libro è ricco di simboli che si rifanno al puritanesimo e che possono esser meglio recepiti da chi ha almeno leggiucchiato qualche prodotto della letteratura puritana dei primi tempi. Non dimentichiamoci, inoltre, che Hawthorne era il pronipote di uno dei giudici che condannarono al rogo le streghe di Salem, John Hathorne, e che il tema della colpa è uno dei temi a lui più congeniali (per marcare la distanza dal suo antenato lui arrivò anche a farsi cambiare il cognome aggiungendo una W).
    la Lettera Scarlatta non è paragonabile ad una romanzo d'amore o femminista, come la riduzione cinematografica con Demi Moore può far credere. Esso è sulla stessa lunghezza d'onda di Delitto e Castigo. La sua grandezza risiede nell'approfondimento del tema della colpa. Il finale, poi, mira a mettere in evidenza tutta l'ipocrisia della classe dirigente che, anche di fronte ad un evento chiaro, riesce a trovare le scuse più assurde (ed accettate dal popolino assenziente) pur di non ammettere che uno di loro ha sbagliato. E mi sembra che tutto ciò sia molto attuale.

    Is this helpful?

    Mediateca Rosarno said on Sep 6, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection