The Second Coming

By

Publisher: William Heinemann

3.8
(1991)

Language: English | Number of Pages: 304 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , German , Italian

Isbn-10: 0434019569 | Isbn-13: 9780434019564 | Publish date: 

Also available as: eBook

Category: Fiction & Literature , Humor , Religion & Spirituality

Do you like The Second Coming ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
'God's coming - look busy!' God really is coming, and he is going to be pissed. Having left his son in charge, God treated himself to a well-earned break around the height of the Renaissance. A good time to go fishing. He returns in 2011 to find things on Earth haven't gone quite to plan...The world has been rendered a human toilet: genocide; starvation; people obsessed with vacuous celebrity culture, 'and', God points out, 'there are fucking Christians everywhere'. God hates Christians. There's only one thing for it. They're sending the kid back. JC, reborn, is a struggling musician in New York City, helping people as best he can and trying to teach the one true commandment: Be Nice! Gathering disciples along the way - a motley collection of basket cases, stoners and alcoholics - he realises his best chance to win hearts and minds may lie in a TV talent contest. "American Pop Star" is the number one show in America, the unholy creation of English record executive Steven Stelfox...a man who's more than a match for the Son of God.
Sorting by
  • 3

    Magari, per me fervente atea, se davvero esistesse un dio dovrebbe essere come Niven lo descrive, che misera l'umanità con tutte le sue pocchezze, basterebbe davvero un "fate i bravi". Ironico e a tra ...continue

    Magari, per me fervente atea, se davvero esistesse un dio dovrebbe essere come Niven lo descrive, che misera l'umanità con tutte le sue pocchezze, basterebbe davvero un "fate i bravi". Ironico e a tratti esilarante, descrive il ritorno di Gesù sulla terra, mandato da Dio a rimettere a posto i disastri fatti dall'uomo.

    said on 

  • 4

    La prima parte, "Paradiso", mi ha fatto ridere a crepapelle, e sarebbe assolutamente da 5 stelline. La seconda parte cala parecchio, ma poi un po' per volta si riprende e la valutazione torna a salire ...continue

    La prima parte, "Paradiso", mi ha fatto ridere a crepapelle, e sarebbe assolutamente da 5 stelline. La seconda parte cala parecchio, ma poi un po' per volta si riprende e la valutazione torna a salire nelle due parti successive.
    Peccato che per me il 90% delle citazioni musicali non abbiano significato, però per fortuna almeno "In the day we sweat it out in the streets of a runaway american dream" l'ho riconosciuto, e quel finale di capitolo è davvero grandioso, e all'altezza del brano rock!
    Su tutta l'idea di fondo, che dire? A mia madre verrebbe un colpo se sapesse che ho letto una cosa del genere, ma io non la trovo offensiva per la religione. Anzi. Invece ci fa riflettere sull'avidità e l'ingordigia (Steven Stelfox, che alla domanda qual è la differenza tra quattrocento milioni e quattrocentotrenta milioni "...lo guarda come se fosse un minorato mentale. - trenta milioni di dollari, - dice.") e soprattutto sull'ipocrisia di chi si sente migliore degli altri e li giudica.

    said on 

  • 5

    Fate i bravi (se arrivate in fondo alla “recensione”, santi subitooo!!!)

    Questo libro è fantastico!!!

    Mi sono detto, che palle, è giunto il momento di leggere qualcosa di leggero e divertente! Così ho scandagliato il mio Kindle e giunto a John Niven mi sono fermato, mi son ...continue

    Questo libro è fantastico!!!

    Mi sono detto, che palle, è giunto il momento di leggere qualcosa di leggero e divertente! Così ho scandagliato il mio Kindle e giunto a John Niven mi sono fermato, mi sono portato la mano alla bocca e con fare pensieroso ho fatto; “mmm” e poi ho scelto “A volte ritorno”.

    La trama è semplice. Gli uomini (intesi come uomini & donne ma non come il programma della Filippa nazionale) stanno facendo un casino della madonna e Dio, giustamente, s’incazza di brutto. Dopo aver riunito una sorta di comitato grandi emergenze, decide di rimandare il figlio sulla terra per tentare di rimettere le cose a posto. Gesù, per nulla contento di tornare quaggiù, da bravo figliuolo, obbedisce al Padre con la pi maiuscola e scende di nuovo in mezzo ai peccatori… rispetto all’altra volta, per arrivare a più persone possibile, decide di sfruttare la TV e, più precisamente, un talent musicale.

    Guccini cantava: “e se come voi dite, c’è un Dio nell’infinito, guardatevi nel cuore, l’avete già tradito”, ecco, il Gesù di John Niven la pensa esattamente allo stesso modo… cioè, dai, la gente è fuori di testa (specialmente in America)!!! È di qualche giorno fa la notizia che la neo first lady ha aperto un suo discorso non so dove e perché con il padre nostro!!! Roba da sbellicarsi dalle risate se solo non fosse vero! Il Padre nostro e tuo marito the president vuole il muro perché non gli piacciono i messicani e vuole tenere fuori dagli states i musulmani e, diciamocelo, anche i negri non è che gli vadano tanto a genio! Il Padre nostro? quello del “sia fatta la tua volontà”? Che la sua volontà sarà contenuta nel Nuovo Testamento, o no? (Per le sinuose chiappe della prima signora, se il nuovo viene dopo il vecchio è un po’ come accade per i testamenti dei comuni mortali: se Tizio ne fa uno nel 2010 dove lascia tutto alla moglie e poi, mettiamo nel 2015, ne fa un altro nel quale lascia tutto all’amante - fatta salva la quota legittima - va tutto all’amante, o no? Insomma, fa fede la data e il più recente è quello da considerarsi valido) Per cui, per cercare di capire quale cazzarola sia la Sua volontà dovremmo rifarci al Nuovo Testamento e lasciar perdere tutte le cazzate scritte nel Vecchio! “Ama il prossimo tuo come te stesso” (anche se scopa con persone del suo stesso sesso o, al limite, indifferentemente con maschi e femmine, e non per forza separatamente; anche se ha la pelle olivastra come un palestinese, come Gesù, per dire; anche se scrive recensioni del kaiser prive di senso apparente; anche se minaccia una scissione che sarebbe DRAMMATICA PER IL PAESE!!!; anche se uno l’ha nominata beneficiaria di una polizetta sulla vita; anche se al posto delle sigarette con marchio dei monopoli di stato si fa una canna; anche se va a messa tutte le domeniche; anche se indossa la polo col colletto rialzato alla Kate Moss; infine, anche se sta ancora leggendo queste scemenze…)

    Seriamente, ma davvero vogliamo continuare questo indietro tutta? Basta evoluzionismo nelle scuole! Italia agli italiani (che se ragionassero così nel resto del mondo, voglio proprio sapere dove cazzo li stipiamo tutti i paisà costretti a fare ritorno nel bel paese!!!) Filo spinato alle frontiere (filo spinato? Nel 2017?!) I musulmani sono tutti terroristi! (e le donne tutte puttane, e gli italiani tutti mafiosi, e i piddini tutti di sinistra [scompisciection]) Chi non rispetta i parametri di Bruxelles non è figlio di Maria (Rigore!!! Ma no, s’è buttato, l’hanno visto tutti, arbitro cornuto; guardi che la caccio; e che me freg, anz, megl che je torn a le franc!) Prendi i voucher, ti conviene!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! … scusate, ma state ancora leggendo? Guardate che io posso andare avanti ancora per molto, eh… Sicurezzaaa!!! Ci vorrebbe la pena di morte!!! Non c’è lavoro? attaccati al pene!!! Vitalizio sì, pensione a cent’anni almeeenoooo! (smadonnando contro il cieloooo, ohh ooh, ohh oh ohh, ohh ohh…)

    No, basta, adesso parliamo seriamente sul serio. Fanciulle, toglietevi quei perizomi. No, non fraintendetemi, toglieteveli e indossate i mutandoni della nonna con triplo rinforzo; e tenetevela per voi, basta condivisioni; abbassate la testa quando camminate per strada e alle cinque tutte a casa a recitare il rosario. Ragazzi, anche voi, fatevi ricrescere i peli sul petto e smettetela di tampinare le ragazze su facebook … e se proprio non ce la fate a resistere dedicatevi alla pastorizia. Bisogna finirla con questo scempio! Dobbiamo diventare tutti talebani (con radici cristiane, ovviamente! Sì, certo, radici cristiane trapiantate nel Vecchio Testamento, radici cristiane senza Cristo, ché quello era un vero rompipalle con tutte quelle sue fisime sull’uguaglianza e sull’amore universale … capirai, a stare a sentire lui non ci dovrebbero più essere dittatori, roba da pazzi!)

    PS; no, scherzo, basta davvero!  No, aspè, però leggetevelo “A volte ritorno”, soprattutto se siete bigotti/e (sai che incazzature!)

    PPS: Ma chi è bigotto, sa di esserlo? … temo sia un caso da Comma 22 … non sai cosa s’intende per Comma 22? Leggiti pure quello!

    said on 

  • 4

    Spassosissimo!

    Questo libro, che secondo me sarebbe anche da leggere n inglese, genera in maniera ironica e divertente interessanti riflessioni sulla società in cui viviamo. Inoltre adoro i libri che citano musica d ...continue

    Questo libro, che secondo me sarebbe anche da leggere n inglese, genera in maniera ironica e divertente interessanti riflessioni sulla società in cui viviamo. Inoltre adoro i libri che citano musica di alto livello!

    said on 

  • 5

    Dio c'è!

    ... e aggiungo: magari!
    Libro indimenticabile, regalatomi da una cara amica a Natale, che tempismo perfetto.
    Un libro che fa venir voglia di credere in Dio all'ateo più incallito, se Dio fosse così ...continue

    ... e aggiungo: magari!
    Libro indimenticabile, regalatomi da una cara amica a Natale, che tempismo perfetto.
    Un libro che fa venir voglia di credere in Dio all'ateo più incallito, se Dio fosse così come viene descritto. Viva Dio se non gliene fregasse nulla di essere adorato, un Dio che dà un unico comandamento: fate i bravi! Un Dio che prende a calci in culo Mosè che se ne è inventati 10 per dare voce al proprio ego. Non desiderare la donna d'altri? Ma chissenefrega!? Non bestemmiarlo. Perché?? A Dio interessa solo che gli uomini facciano i bravi, che si amino e si rispettino gli uni gli altri, nient'altro. Quelli che detesta di più, che senza dubbio finiranno dritti all'Inferno, sono quelli che vanno tutte le domeniche in chiesa e poi odiano gli omosessuali, gli stranieri e via discorrendo. Poveri ipocriti, pensano che frequentando una chiesa - che sempre più si allontana dall'unico messaggio che Cristo lasciò 2000 anni fa - si assicurino il Paradiso. Non desiderate la roba d'altri, stronzate. Fate i bravi e basta. E poi c'è il ritorno di un dolcissimo Gesù Cristo, amico dei poveri, degli ultimi e niente, leggetevi questo divertente, commovente, esilarante racconto che mi ha lasciato una voglia di FARE LA BRAVA dentro indescrivibile.
    Peace & Love my firends

    said on 

  • 4

    Sono uscita confusa dalla lettura di questo libro. Ironico quanto basta, divertente a sprazzi ma in alcuni istanti fa riflettere. Troppo tutto, non sembra chiaro il fine dello scrittore che alterna mo ...continue

    Sono uscita confusa dalla lettura di questo libro. Ironico quanto basta, divertente a sprazzi ma in alcuni istanti fa riflettere. Troppo tutto, non sembra chiaro il fine dello scrittore che alterna momenti di serietà a momenti di divertimento. Sicuramente una lettura che consiglio a chi è open mind

    said on 

  • 2

    Le intenzioni erano buone, ma il risultato è scadente. Un vero peccato: sarebbero bastati un maggiore spessore filosofico, meno ridondanza e molto meno qualunquismo... in definitiva, serviva uno scrit ...continue

    Le intenzioni erano buone, ma il risultato è scadente. Un vero peccato: sarebbero bastati un maggiore spessore filosofico, meno ridondanza e molto meno qualunquismo... in definitiva, serviva uno scrittore vero.

    said on 

  • 0

    Beh su dai Fate i Bravi !!!Ecco questo da buon ateo sarebbe il vero e unico comandamento che mi sarebbe piaciuto !!!Beh secondo Niven è proprio,quello che Dio aveva dettato a quel coglione egocentric ...continue

    Beh su dai Fate i Bravi !!!Ecco questo da buon ateo sarebbe il vero e unico comandamento che mi sarebbe piaciuto !!!Beh secondo Niven è proprio,quello che Dio aveva dettato a quel coglione egocentrico di Mosè !!!!Bene direte voi e invece no perché il mondo si è riempito di religioni di sette e di fondamentalisti da tutti i lati !!! Insomma un gran casino e allora Dio, dopo una breve vacanza, decide di far tornare di nuovo suo figlio sulla terra per cercare di far rispettare il suo unico comandamento!!!
    Ma la missione non sarà semplice specie per quel frickettone hippy di Gesù Cristo!!!! Eh si Dio è all'antica e lo rimanda in America col nome di un immigrato messicano !!!!
    libro,godibile che ti fa ridere pensare sorridere commuovere e riflettere !!!!

    said on 

  • 3

    Tenero e dissacrante e malgrado il linguaggio non propriamente liturgico, sembra quasi un atto di scusa verso Dio per non aver capito nulla la prima volta e nemmeno la seconda.
    La prima parte è sicura ...continue

    Tenero e dissacrante e malgrado il linguaggio non propriamente liturgico, sembra quasi un atto di scusa verso Dio per non aver capito nulla la prima volta e nemmeno la seconda.
    La prima parte è sicuramente la migliore, ma la lettura è consigliatissima

    said on 

  • 3

    Nel dare un voto a questo libro mi sono sentita un po' combattuta: la lettura è scivolata via come l'olio ma allo stesso tempo mi ha lasciato un certo senso di perplessità. L'idea alla base è semplice ...continue

    Nel dare un voto a questo libro mi sono sentita un po' combattuta: la lettura è scivolata via come l'olio ma allo stesso tempo mi ha lasciato un certo senso di perplessità. L'idea alla base è semplice ma geniale: mettere in luce tutti i controsensi della religione per proporre una figura di messia alternativo che si occupi della sostanza e non della forma delle cose. Peccato che per farlo l'autore senta il bisogno per forza di ricorrere alle parolacce al turpiloquio quando questo Gesù un po' scapestrato ci starebbe simpatico comunque.
    Una storia con una forte impronta americana, nel complesso divertente e dissacrante.

    said on 

Sorting by
Sorting by