The Shining

By

Publisher: Hodder Paperback

4.2
(6373)

Language: English | Number of Pages: 512 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Chi simplified , French , Italian , German , Chi traditional , Portuguese , Swedish , Dutch , Greek , Hungarian , Czech , Polish , Russian

Isbn-10: 0340920939 | Isbn-13: 9780340920930 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Library Binding , School & Library Binding , eBook

Category: Fiction & Literature , Horror , Mystery & Thrillers

Do you like The Shining ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Danny is only five years old, but he is a 'shiner', aglow with psychic voltage. When his father becomes caretaker of an old hotel, his visions grow out of control. Cut off by blizzards, the hotel seems to develop an evil force, and who are the mysterious guests in the supposedly empty hotel?
Sorting by
  • 5

    Ero molto incerta se mettere 5 o "solo" 4 stelle. Ho scelto 5 perché se ci ho messo così tanto tempo a leggerlo è perché mi faceva troppa PAURA! Più volte ho dovuto interrompere perchè il disagio cres ...continue

    Ero molto incerta se mettere 5 o "solo" 4 stelle. Ho scelto 5 perché se ci ho messo così tanto tempo a leggerlo è perché mi faceva troppa PAURA! Più volte ho dovuto interrompere perchè il disagio cresceva e cresceva, proprio come deve avvenire in un racconto horror, a partire da situazioni apparentemente banali che poi diventano sempre più soffocanti senza neanche che si riesca a capire che cosa ci fa paura, in realtà. La sequenza di Danny che va a giocare nel parco giochi per esempio è magistrale. Quindi sì, 5 stelline, assolutamente.

    said on 

  • 4

    So che è alquanto assurdo, ma avendo visto il film decine di volte prima di leggere il libro, ed essendomene completamente innamorata... non sono riuscita ad apprezzare il finale originale :P Niente d ...continue

    So che è alquanto assurdo, ma avendo visto il film decine di volte prima di leggere il libro, ed essendomene completamente innamorata... non sono riuscita ad apprezzare il finale originale :P Niente da dire invece sulla caratterizzazione dei personaggi e sulle conversazioni mentali che Danny e Jack hanno con l'altra parte di se stessi, ancora una volta il Re non mi delude!

    said on 

  • 5

    La progressiva corsa verso la tragedia

    Se c'è un aspetto in cui King merita di essere considerato il re, è proprio quello magistralmente dispiegato nelle pagine di questo capolavoro dell'horror.
    Il quadretto iniziale è quello tranquillo e ...continue

    Se c'è un aspetto in cui King merita di essere considerato il re, è proprio quello magistralmente dispiegato nelle pagine di questo capolavoro dell'horror.
    Il quadretto iniziale è quello tranquillo e rassicurante di una famiglia americana che sembra poter uscire dalle sue precarietà economiche, grazie ad un impiego che il protagonista Jack Torrance sente di poter svolgere senza patemi.
    Fare il custode invernale di un hotel dell'alta borghesia americana in una località turistica, sfruttata però solo nel periodo estivo.
    Per Jack si tratta perciò di eseguire soltanto controlli puntuali e piccole riparazioni domestiche in piena autonomia decisionale.
    Da questo punto in poi King costruisce mattone dopo mattone la progressiva calata della famiglia Torrance nella tragedia.
    Il quieto quadretto iniziale comincia a disgregarsi in un primo tempo semplicemente con l'isolamento dovuto alla partenza degli ultimi vacanzieri.
    Poi cominciano le prime nevicate, la solitudine, la noia, le prime allucinazioni alle quali però si riesce ancora a trovare una spiegazione convincente.
    La vocazione letteraria di Jack tende, frustrazione dopo frustrazione, a lasciare il campo alla bottiglia dei superalcolici e alle sfuriate ai danni della moglie e del figlioletto.
    Infine il compimento della follia con i demoni dell'Overlook Hotel che si impadroniscono della sempre più debole mente del protagonista.
    Demoni che il figlio Danny percepisce attraverso una dote parapsicologica chiamata 'luccicanza' (italianizzazione di 'shining') e contro cui combatte con le armi spuntate della sua infanzia.
    E' tutto questo percorso disseminato di piccole rotture quotidiane che King conduce con una maestria insuperata e che ti incolla inesorabilmente alle pagine.
    Questo è il classico libro che dopo una delusione letteraria ti riconcilia con la lettura e ti restituisce la magia del titolo da cui non riesci a staccare.

    said on 

  • 5

    Un hotel fuori dal comune; una famiglia all'apparenza normale e un inverno da passare isolati, sotto una spessa coltre di neve. Con questo romanzo King è riuscito a catturarmi, a intrigarmi e a strega ...continue

    Un hotel fuori dal comune; una famiglia all'apparenza normale e un inverno da passare isolati, sotto una spessa coltre di neve. Con questo romanzo King è riuscito a catturarmi, a intrigarmi e a stregarmi dalla prima all'ultima pagina grazie a un'ottima trama, oltre che a una straordinaria caratterizzazione dei personaggi e a un'atmosfera inquietante e descritta nei minimi particolari. Nonostante la quantità di pagine, questo libro scorre molto fluido anche se forse per alcune persone potrebbe risultare noioso e ripetitivo in certe parti sopratutto nella prima metà, in quanto piena di descrizioni.

    said on 

  • 3

    Un classico dell'horror

    Molto bello questo libro anche se personalmente ho dovuto metterlo in pausa un paio di giorni perchè, soprattutto all'inizio, non mi attraeva molto, ma più ci si avvicinava al epilogo più si faceva in ...continue

    Molto bello questo libro anche se personalmente ho dovuto metterlo in pausa un paio di giorni perchè, soprattutto all'inizio, non mi attraeva molto, ma più ci si avvicinava al epilogo più si faceva interessante. Tengo a dire che è molto diverso dal film, non combaciano neanche i finali, e il ruolo di Dick Halloran nel libro ha una certa rilevanza rispetto al film dove sembra del tutto inutile.

    "Amare te, piccolo mio, è come cadere da un albero.
    Ma se non posso essere la tua donna, non voglio nemmeno essere il tuo cane."

    said on 

  • 5

    Ah beh beh... profili psicologici dettagliati e mai banali, filo narrativo teso fino alla fine, sospiri trattenuti e accento sulle paure ancestrali dell'uomo. e dico poco...

    said on 

  • 4

    bien pero...

    Está bastante bien, pero no me ilusionó como para darle 5.
    Tampoco me enganchó rápidamente, ya que me llevó casi un mes leerlo. Un suspense bueno, pero imaginé más terror.

    said on 

  • 4

    Metto subito le mani avanti giustificando le quattro stelle semplicemente per il fatto che ho visto prima il film, e solo dopo ho letto il libro. Di solito faccio il contrario, ma in questo caso non è ...continue

    Metto subito le mani avanti giustificando le quattro stelle semplicemente per il fatto che ho visto prima il film, e solo dopo ho letto il libro. Di solito faccio il contrario, ma in questo caso non è stato facile, si tratta di due colossi di cinema e letteratura! Quindi forse per questo, nella lettura, sono stata troppe volte vincolata alle scene del film e al volto di Nicholson nei panni di Jack Torrance, anziché lasciarmi trasportare in modo più sciolto dalle scene e dai volti che prendono forma durante la narrazione, assieme ad un terrore sempre più concreto.
    Sicuramente un classico imperdibile!

    said on 

  • 5

    Intenso, surreale e al tempo stesso impregnato di orrori reali. Ma anche scritto con uno stile che, accanto al terrore, tinge il romanzo di una prosa ricchissima, a tratti quasi poetica. Si notano le ...continue

    Intenso, surreale e al tempo stesso impregnato di orrori reali. Ma anche scritto con uno stile che, accanto al terrore, tinge il romanzo di una prosa ricchissima, a tratti quasi poetica. Si notano le evidenti differenze dall'adattamento di Kubrick (il cui finale e' diverso del tutto da quello del romanzo), per esempio la metafora del braccio nel nido di vespe, che e' del tutto assente nel film. Tornando al libro, horrorifico e consigliatissimo, in questa come nella precedente edizione cartacea.

    Jack, ex insegnante di inglese e aspirante scrittore, trova impiego con la moglie e il figlioletto di 5 anni come custode invernale in un tetro albergo di lusso fra le montagne del Colorado. Ma non tutto è come appare: Jack è un ex alcolista incapace di controllare la propria ira, e l'Overlook nasconde una potenza malvagia accumulata in anni di delitti, violenze, suicidi consumati fra le sue mura. Il piccolo Danny è dotato di poteri extrasensoriali che gli consentono di leggere nella mente delle persone e di vedere eventi passati o futuri. Mentre la famiglia è isolata dalla neve, le presenze malvagie dell'Overlook acquistano potere e catturano la mente di Jack, mentre Danny lotta con tutte le sue forze x contrastarle. Capolavoro assoluto della letteratura thriller e horror, che accompagna il lettore in un crescendo di tensione dalla prima all'ultima pagina. Solo King sa affascinare descrivendo la vita tranquilla di una piccola famiglia, con qualche contrasto, sì, ma serena, e precipitare in situazioni da incubo in cui la mente si dibatte senza via d'uscita.

    Shining è il libro e il film assieme e certo nessuno più di uno con la faccia da pazzo come NIcholson poteva interpretare il protagonista del libro che subendo l'influenza negativa del vecchio hotel comincerà, come un folle, a perseguitare la moglie e il figlio.

    said on 

  • 5

    uno dei suoi libri più riusciti. racchiude i suoi personaggi in un tugurio di lusso, immenso al punto giusto da poter nascondere ogni sorta di tranello eppure piccolo e claustrofobico tanto da rendere ...continue

    uno dei suoi libri più riusciti. racchiude i suoi personaggi in un tugurio di lusso, immenso al punto giusto da poter nascondere ogni sorta di tranello eppure piccolo e claustrofobico tanto da rendere la fuga verso il mondo impossibile.... La prima parte, preparatoria al clima della successiva, forse è un po' lenta, ma quando si arriva a metà poi non si riesce più a staccare. La tecnica di King è fenomenale, ti cattura all'interno delle sue pagine e non puoi far altro che andare avanti per sapere cosa succede. Strepitoso.

    said on 

Sorting by
Sorting by