Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Stories of John Cheever

By John Cheever

(37)

| Paperback | 9780375724428

Like The Stories of John Cheever ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

When The Stories of John Cheever was originally published, it became an immediate national bestseller and won the Pulitzer Prize.  In the years since, it has become a classic.  Vintage Books is proud to reintroduce this mag Continue

When The Stories of John Cheever was originally published, it became an immediate national bestseller and won the Pulitzer Prize.  In the years since, it has become a classic.  Vintage Books is proud to reintroduce this magnificent collection.

Here are sixty-one stories that chronicle the lives of what has been called "the greatest generation."  From the early wonder and disillusionment of city life in "The Enormous Radio" to the surprising discoveries and common mysteries of suburbia in "The Housebreaker of Shady Hill" and "The Swimmer," Cheever tells us everything we need to know about "the pain and sweetness of life."

2 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Mi ci sono voluti quasi due mesi per finire questo libro (lunghissimo) e non è stato facile. Se c'è un'impressione che mi resta, è il rimpianto di non averlo letto con più attenzione, di aver lasciato correre a volte, di non essermi soffermato a rifl ...(continue)

    Mi ci sono voluti quasi due mesi per finire questo libro (lunghissimo) e non è stato facile. Se c'è un'impressione che mi resta, è il rimpianto di non averlo letto con più attenzione, di aver lasciato correre a volte, di non essermi soffermato a riflettere sui significati.
    Le storie sono molto varie. In generale la maggior parte non mi ha colpito particolarmente, anzi alcune le ho trovate poco incisive, poco significative, certe anche noiose. Poi in mezzo a queste, inaspettatamente, alcune si sono rivelate dei piccoli gioielli, delle creazioni quasi perfette.

    Questa che scrivo non è una vera recensione, è un insieme frammentato di pensieri.

    Mi chiedo: come posso criticare la quasi totalità della produzione di uno scrittore, che questo libro rappresenta? Come posso ignorare il fatto che mi è stata data l'occasione di spiare come poche volte succede nella vita di un altro essere umano, attraverso i suoi momenti alti e bassi, i suoi racconti? Come scrive lo stesso Cheever nell'introduzione, i racconti sono stati scritti in un arco di tempo lunghissimo. Alla fine di lui qualcosa resta, anche senza volerlo.
    Due amici mi hanno chiesto di fargli sapere cosa pensavo dei racconti; immagino perché pensano di leggerli anche loro. Me la sento di consigliare il libro? O forse sarebbe più opportuno ripiegare su una selezione, magari non troppo scarna, dei racconti migliori? Non lo so. Mi rendo conto che i libri che uno riuscirà a leggere nella vita sono contati, e perdere due mesi interi su un unico libro è un prezzo pesante da pagare. Forse non ne vale la pena, forse sì.

    Pensiero: Cheever ha un modo di scrivere disinvolto, nel senso che sembra quasi noncurante, certe volte, delle parole da usare. Talvolta capita con alcuni autori che si senta lo sforzo, sotto le righe, di scegliere l'espressione giusta, la frase memorabile. Con Cheever non succede. Questo è ovviamente un suo grandissimo merito. Purtroppo ci si può assuefare, col rischio di lasciar correre passaggi che in altri casi meriterebbero una rilettura.

    Pensiero: ci sono momenti però in cui la penna sembra improvvisamente affondare in un personaggio, rivelandocelo, miracolosamente, a tutto tondo. Me li sono segnati e ne riporto alcuni qui sotto, se vi va di dargli un'occhiata.
    A volte mancano chiaramente di qualsiasi senso, e sono di un'impossibilità disarmante e commovente. Io li ho trovati preziosi. Come ho trovato prezioso l'intero libro, diciamocelo. Finirlo assomiglia, più che in altri casi, a lasciare andar via una persona cara, o veder morire un animale.


    She cried for herself, she cried because she was afraid that she herself might die in the night, because she was alone in the world, because her desperate and empty life was not an overture but an ending, and through it all she could see the rough, brutal shape of a coffin.

    It is true of even the best of us that if an observer can catch us boarding a train at a way station; if he will mark our faces, stripped by anxiety of their self-possession; if he will appraise our luggage, our clothing, and look out of the window to see who has driven us to the station; if he will listen to the harsh or tender things we say if we are with our families, or notice the way we put our suitcase onto the rack, check the position of our wallet, our key ring, and wipe the sweat off the back of our necks; if he can judge sensibly the self-importance, diffidence, or sadness with which we settle ourselves, he will be given a broader view of our lives than most of us would intend.

    A picture of John hung on the wall. Clancy was struck with the strength and intelligence of his son's face, but he guessed that a stranger might notice the boy's glasses and his bad complexion. And then, thinking of Nora and John and that this half blindness was all that he knew himself of mortal love, he decided not to say anything to Mr. Rowantree. They would pass in silence.

    "Why do I cry? Why do I cry?" she asked impatiently. "I cry because I saw an old woman cuffing a little boy on Third Avenue. She was drunk. I can't get it out of my mind. [...] I cry because my father died when I was twelve and because my mother married a man I detested or thought that I detested. I cry because I had to wear and ugly dress - a hand-me-down dress - to a party twenty years ago, and I didn't have a good time. I cry because of some unkindness that I can't remember. I cry because I'm tired and I can't sleep."

    [...] but the atmosphere was elastic and forgiving, and he knew that nothing he did there that night would be considered wrong.

    Then I thought about her apron strings, for when I was a kid, she seemed to be a woman whose apron strings were thrown across the Atlantic and the Pacific oceans; they seemed to be looped, like vapor trails, across the very drum of heaven.

    I have experienced all kinds of foolish melancholy - I've been homesick for countries I've never seen, and longed to be what I couldn't be - but all these moods were trivial compared to my premonition of death.

    The show was in one of those old-fashioned theatres that appear to be held together with angels.

    During the rest of the time they sat there, the conversation was about commonplace subjects, but an emotion for which they seemed to have no words colored the talk and darkened and enlarged its shapes. [...] A stranger, noticing them in the restaurant, might have thought that they were a pair of old friends who had met to discuss a misfortune.

    (altri da aggiungere)

    Is this helpful?

    The Boy Bands Have Won said on Feb 19, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Temo di aver dedicato un po’ troppo tempo a quest’opera omnia di John Cheever (anche se devo confessare che qualcosa ho saltato). Qualche racconto l’ho trovato buono, nessuno mi è sembrato memorabile, molti mi hanno lasciato indifferente, parecchi mi ...(continue)

    Temo di aver dedicato un po’ troppo tempo a quest’opera omnia di John Cheever (anche se devo confessare che qualcosa ho saltato). Qualche racconto l’ho trovato buono, nessuno mi è sembrato memorabile, molti mi hanno lasciato indifferente, parecchi mi hanno annoiato, alcuni mi sono parsi del tutto privi di senso. Insopportabili quelli di ambientazione italiana, talmente pieni di stereotipi che quasi gli preferisco “To Rome with Love” di Woody Allen!

    Is this helpful?

    Celeste said on Dec 19, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (37)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 2 stars
  • English Books
  • Paperback 704 Pages
  • ISBN-10: 0375724427
  • ISBN-13: 9780375724428
  • Publisher: Vintage Books USA
  • Publish date: 2000-05-16
  • Dimensions: 219 mm x 857 mm x 1,309 mm
  • Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Others , eBook
Improve_data of this book