The Story of a New Name

By

Publisher: Europa Editions

4.1
(2976)

Language: English | Number of Pages: 480 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Portuguese , Spanish

Isbn-10: 9781609451349 | Isbn-13: 9781609451349 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like The Story of a New Name ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Confermo ciò che ho scritto per il primo volume: la storia è narrata con fine sapienza del mestiere.
    Ammirata e un po' invidiosa per tale capacità di saper gestire e rendere accessibile alla moltitudi ...continue

    Confermo ciò che ho scritto per il primo volume: la storia è narrata con fine sapienza del mestiere.
    Ammirata e un po' invidiosa per tale capacità di saper gestire e rendere accessibile alla moltitudine la propria immaginazione.

    said on 

  • 4

    Ho iniziato questo libro immediatamente dopo aver chiuso ol capitolo precedente, divorata dall'ansia di sapere come si sarebbe evoluto il matrimonio fra Lila e Stefano. Così come il primo, anche quest ...continue

    Ho iniziato questo libro immediatamente dopo aver chiuso ol capitolo precedente, divorata dall'ansia di sapere come si sarebbe evoluto il matrimonio fra Lila e Stefano. Così come il primo, anche questo volume l'ho letto con ansia, stordita e colpita dalla prosa articolata, ma allo steso tempo infastidita dalle continue riflessioni di Elena, che tornano sempre sugli stessi punti: il rapporto con Lila, le sue radici, il suo senso di inadeguatezza costante. Arrivata ormai a metà saga, nonostante questo, non posso fare a meno di proseguire e leggere gli altri due..

    said on 

  • 3

    Al termine del primo volume ero con il fiato sospeso per capire come sarebbe evoluta la storia di Lila e Lenuccia che nel secondo volume si ripete un po' uguale a se stessa fino al punto di diventare ...continue

    Al termine del primo volume ero con il fiato sospeso per capire come sarebbe evoluta la storia di Lila e Lenuccia che nel secondo volume si ripete un po' uguale a se stessa fino al punto di diventare noiosa, ed impenna solo verso la fine del volume lasciando una profonda sensazione di amaro. Dopo una pausa avrà senso proseguire il percorso.

    said on 

  • 5

    Ho preso in prestito bibliotecario il primo volume, "l'amica geniale", ma la voglia di proseguire immediatamente la lettura mi ha spinto all'acquisto di "Storia del nuovo cognome". Verso la fine di qu ...continue

    Ho preso in prestito bibliotecario il primo volume, "l'amica geniale", ma la voglia di proseguire immediatamente la lettura mi ha spinto all'acquisto di "Storia del nuovo cognome". Verso la fine di questo secondo libro pensavo che mi sarei presa volentieri una pausa prima di dedicarmi al proseguo della storia ma ora non ne sono più tanto sicura e se avessi sottomano "Storia di chi fugge e di chi resta" sicuramente mi ci immergerei per sapere come proseguono le vite delle due protagoniste e di tutti quelli che le circondano. E' sempre più difficile che io mi senta così coinvolta da una storia, che mi ci appassioni al punto da pensarci anche mentre mi dedico ad altre attività. E'questo del resto che rende piacevole la lettura, esserne talmente rapiti da farsi trasportare altrove, domandarsi cosa succederà ma anche avere paura di scoprirlo, aver voglia di visitare i luoghi dove si svolgono i fatti...Meraviglie della lettura.

    said on 

  • 3

    Lettura avvincente, magica, ipnotica.
    si legge d'un fiato.
    Una bella storia, scritta bene, molto interessante.
    Non lo metto tra i capolavori, però.

    said on 

  • 4

    Come per il primo capitolo di questa saga, l'attrazione che esercita questo libro (e, assurdamente, anche la repulsione a volte, soprattutto verso i comportamenti delle protagoniste) è assoluta. Non s ...continue

    Come per il primo capitolo di questa saga, l'attrazione che esercita questo libro (e, assurdamente, anche la repulsione a volte, soprattutto verso i comportamenti delle protagoniste) è assoluta. Non sono riuscita a staccarmi dalle pagine, a essere anche io trascinata come Elena in questa storia. Scrittura brillante.

    said on 

  • 5

    Un altro pugno allo stomaco. Un fiume ininterrotto di parole che scorre come acqua nella Napoli dei rioni e delle località di villeggiatura fuori porta. Anche quando la storia ci allontana dal chiasso ...continue

    Un altro pugno allo stomaco. Un fiume ininterrotto di parole che scorre come acqua nella Napoli dei rioni e delle località di villeggiatura fuori porta. Anche quando la storia ci allontana dal chiasso dei vicoli, la protagonista si porta dietro quel mondo ingiusto eppure vitale, fatto di radici che non si possono mai completamente tagliare. Come il legame con l'amica geniale che in questo secondo volume viene raccontato negli anni dell'adolescenza e dell'uscita forzata da essa. Descrivendo giornate di sole trascorse in spiaggia, le pagine della Ferrante traspirano il desiderio irrefrenabile di quelle ragazze di diventare donne e la paura di essere circodate da ignoranza, violenza, maschilismo, costumi e tradizioni che vogliono le donne nel loro ruolo di procreatrici subalterne al volere dei mariti. L'unica soluzione per attenuare la morsa di questo legame molesto è cambiare luogo, tendando di (ri)costruire un'identà con lo studio e la conoscenza oppure riscattando con un'orgogliosa miseria il prezzo della libertà.

    said on 

  • 4

    Nuje vulimme na speranza

    Secondo libro della tetralogia dell'amica geniale. Che recensione devo scrivere? Una sul libro in sè, o uno sulla storia a questo punto? Temo che dobbiate tornare indietro a leggere il primo volume pr ...continue

    Secondo libro della tetralogia dell'amica geniale. Che recensione devo scrivere? Una sul libro in sè, o uno sulla storia a questo punto? Temo che dobbiate tornare indietro a leggere il primo volume prima di leggere quest'altro perché la storia è supportata da elementi annidati nella prima infanzia delle due signorine protagoniste. Lo so, non ho detto un bel niente fino a questo momento. Ma cosa dire? Lila emana frequenze così distorte che mai nessuna canzone dalla sua radio si potrebbe diffondere nitidamente. Sempre disturbata, guardinga, a volte anche cattiva e maligna. Invidiosa. Altre caritatevole e di buon cuore, amichevole. Tradisce un lavorio mentale incessante, senza sosta. Cosa vuoi Lila? L'amore? Non sembra, ti piace sedurre, appartenere ma per poco (Nino avrebbe potuto andarselo a cercare) cosa si nasconde dietro questa tua attesa feroce? Lenù come ogni persona pacata che si rispetti, cerco di indovinare, passerà indenne alle storture della vita? O cederà la sua mente alla certezza che vive attraverso Lila? Spero mi rispondano negli altri due libri.

    said on 

  • 4

    Nel secondo volume continua, tra alti e bassi, l'amicizia tra Lila ed Elena, voce narrante della vicenda. Le scelte fatte in gioventù si ripercuotono nelle vite delle due amiche che si allontaneranno ...continue

    Nel secondo volume continua, tra alti e bassi, l'amicizia tra Lila ed Elena, voce narrante della vicenda. Le scelte fatte in gioventù si ripercuotono nelle vite delle due amiche che si allontaneranno sempre più. Un libro che ho letto in pochi giorni.

    said on 

Sorting by
Sorting by