The Subtle Knife Deluxe Edition

(His Dark Materials)

By

Publisher: Knopf Books for Young Readers

4.1
(3549)

Language: English | Number of Pages: 368 | Format: Library Binding | In other languages: (other languages) Chi simplified , Italian , French , Spanish , Catalan , Dutch

Isbn-10: 0375946721 | Isbn-13: 9780375946721 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio CD , Hardcover , Mass Market Paperback , Audio Cassette , School & Library Binding , eBook

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like The Subtle Knife Deluxe Edition ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

PUBLISHED IN 40 COUNTRIES, with over 5 million copies in print in North America alone, Philip Pullman's His Dark Materials trilogy -The

Golden Compass, The Subtle Knife, and The Amber Spyglass - has graced the New York Times, Wall Street Journal, San Francisco Chronicle, Book Sense, and Publishers Weekly bestseller lists. For these deluxe editions, Philip Pullman has created new material: papers of Colonel John Parry for the 10-year anniversary of The Subtle Knife (15 new pages), and letters of Mary Malone from secret Magisterium files for The Amber Spyglass (10 new pages). In each book, the new material has been illustrated and handlettered by renowned artist Ian Beck and will be included in the backmatter.

Each deluxe edition also features a ribbon bookmark, rough-edged pages, and Pullman's own chapter-opening spot art. These two volumes join the 2006 deluxe edition of The Golden Compass to form a gorgeous collectible set of the trilogy - a perfect gift for loyal Pullman readers and new fans alike.




From the Hardcover edition.
Sorting by
  • 5

    Will Parry è un ragazzino che vive assieme alla mamma, o meglio che la accudisce dopo il crollo psicologico di lei dovuto alla scomparsa del marito durante una spedizione al Nord. Ormai la donna è div ...continue

    Will Parry è un ragazzino che vive assieme alla mamma, o meglio che la accudisce dopo il crollo psicologico di lei dovuto alla scomparsa del marito durante una spedizione al Nord. Ormai la donna è diventata come una bambina e Will decide di affidarla ad una vicina di casa prima di scappare dalla città. Sì, perché Will sa di essere pedinato: degli sconosciuti lo seguono ovunque. Forse vogliono le lettere del padre che la madre custodisce gelosamente in una cartellina verde; probabilmente è proprio quella che cercava l’uomo che si introduce in casa di notte e che Will uccide accidentalmente. Così inizia la fuga rocambolesca del ragazzino che termina quando scorge per strada qualcosa di strano, come se qualcuno “avesse aperto una specie di buco nell’aria”, un accesso quasi invisibile che lo trasporta in un mondo parallelo: la stessa Oxford, ma di un altro secolo. È qui che incontra – o meglio si scontra – con una ragazza “più o meno della sua stessa età, feroce, ringhiante, con i vestiti stracciati e sporchi, le braccia e le gambe scoperte e sottili” con accanto un grosso gatto selvatico dal pelo irto e i denti scoperti. È Lyra...

    said on 

  • 4

    Libro-cuscinetto fra il primo e l'ultimo della trilogia Queste oscure materie (ma quanto mi piace questo nome!).
    Serve fondamentalmente a presentare nuovi personaggi e nuovi mondi in vista del terzo, ...continue

    Libro-cuscinetto fra il primo e l'ultimo della trilogia Queste oscure materie (ma quanto mi piace questo nome!).
    Serve fondamentalmente a presentare nuovi personaggi e nuovi mondi in vista del terzo, fra cui il nostro secondo protagonista, Will, che è un povero ragazzino che tutti trattano come un adulto, ma in fondo vorebbe solo essere abbracciato e protetto...sigh!
    Altro finale trauma, con L'ombra del nord è già il terzo, e penso proprio che Pullman ci provi gusto.
    Chapeau per la citazione di Keats!

    said on 

  • 4

    Breve secondo romanzo della trilogia "Queste oscure materie", leggermente sottotono rispetto al precedente. La trama aggiunge molti nuovi dettagli, ma essi rimangono poco sviluppati e mi aspetto saran ...continue

    Breve secondo romanzo della trilogia "Queste oscure materie", leggermente sottotono rispetto al precedente. La trama aggiunge molti nuovi dettagli, ma essi rimangono poco sviluppati e mi aspetto saranno trattati nel volume finale. Lettura piacevole che lascia molta curiosità su come andranno a concludersi le avventure di Lyra e degli altri protagonisti.

    said on 

  • 4

    Un diesel che ti costringe a voler viaggiare oltre

    Diverso rispetto al primo ma la storia comincia a delinearsi un po' di più, anche se è un po' come un motore diesel, stenta a partire ma una volta ingranato ci si accorge di volerne sapere molto di pi ...continue

    Diverso rispetto al primo ma la storia comincia a delinearsi un po' di più, anche se è un po' come un motore diesel, stenta a partire ma una volta ingranato ci si accorge di volerne sapere molto di più.

    said on 

  • 0

    Appena finito da poco il libro. All'inizio del libro non mi ha presa molto...poi andando con la lettura mi ha presa proprio. Mi ha fatto concentrare su ogni parola, è stata anche scorrevole (per fortu ...continue

    Appena finito da poco il libro. All'inizio del libro non mi ha presa molto...poi andando con la lettura mi ha presa proprio. Mi ha fatto concentrare su ogni parola, è stata anche scorrevole (per fortuna). L'unica cosa che non mi è piaciuta tanto è la fine. (Più avanti leggerò l'ultimo libro della saga).

    said on 

  • 3

    Ultimamente tendo a meravigliarmi sempre più spesso quando mi trovo fra le mani un libro che da soddisfazione e credo sia una cosa tristissima.
    Nel mare di libri che le librerie e le biblioteche ci pr ...continue

    Ultimamente tendo a meravigliarmi sempre più spesso quando mi trovo fra le mani un libro che da soddisfazione e credo sia una cosa tristissima.
    Nel mare di libri che le librerie e le biblioteche ci propinano non sempre c'è del buono (classici a parte ovviamente).
    Le novità sono spesso poco approfondite creando quindi una sorta di torpore, noia e che una volta chiusi e riposti in libreria tendono a non lasciare nulla.
    Oppure capita di trovare quelle novità che ti catapultano in un mondo stupendo, talmente scritto bene che è reale e materiale, e trovare libri che entrano nella seconda categoria è come cercare un ago in un pagliaio, soprattutto ultimamente.
    Ma di questo do la colpa a me, forse non sono in grado di vedere, non lo so.
    La bussola d'oro è uno di quei libri che ti risucchiano completamente in una dimensione parallela, ti assorbono nella loro magia, ti ammaliano con i suoi personaggi e ti fa perdere il senso della realtà.
    Non pensavo che sarei tornata a provare sensazioni di questo genere, pensavo che nulla potesse essere paragonato alla sensazione che altri fantasy mi hanno fatto provare e invece.......
    Mi è piaciuto moltissimo, l'ho letto velocemente senza rendermene conto, ho cercato di rallentare il più possibile, ho tentato di godermi i minimi dettagli, non volevo fare lo stesso errore che ho fatto con Harry Potter o il Signore degli Anelli.
    Non ci sono comunque riuscita, più facevo resistenza e più il libro mi tirava a se.
    Allora ad un certo punto non ho potuto fare altro che godermi la storia con Lyra e il suo daimon, con Iorek e Jhon Faa nelle terre freddissime del nord di questo mondo fantastico ed infinito.
    La scrittura è scorrevole e piena di dettagli e vicende che ti tengono attaccato al libro, l'interesse che si prova per questa storia è costante ad alti livelli con picchi di enorme suspance e mistero.
    Mi ha commosso, mi ha fatto ridere, mi ha fatto pensare e non vedevo l'ora di scrivere la recensione per poterlo consigliare a tutti.
    Veramente bello.....Forse si era già capito senza che specificassi no?

    said on 

  • 4

    Il primo impatto è senza dubbio strano: non siamo più nel mondo di Lyra ma in quello che definiremmo "nostro", o molto simile. Lyra divide la scena con un altro bambino alle prese con un oggetto misti ...continue

    Il primo impatto è senza dubbio strano: non siamo più nel mondo di Lyra ma in quello che definiremmo "nostro", o molto simile. Lyra divide la scena con un altro bambino alle prese con un oggetto mistico, Will.
    Interessanti i risvolti, sono curiosa di leggere l'epilogo di questa saga.

    said on 

  • 3

    Philip Pullman

    Dignitoso secondo capitolo della saga fantasy della Bussola d’oro, dove s’espande la geografia degli universi paralleli e i cattivi sono ancora il clero in blocco. Asciutto, quasi mai lezioso, scritto ...continue

    Dignitoso secondo capitolo della saga fantasy della Bussola d’oro, dove s’espande la geografia degli universi paralleli e i cattivi sono ancora il clero in blocco. Asciutto, quasi mai lezioso, scritto con mestiere. Ha persino qualche momento sanguinoso.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Troppo oltre?

    Mi ritrovo (mio malgrado?) a ripetere un po' quanto già detto per il primo volume: un libro per bambini, ma che ovviamente per bambini non è, così da sembrare ai più piccoli pesante e agli adulti trop ...continue

    Mi ritrovo (mio malgrado?) a ripetere un po' quanto già detto per il primo volume: un libro per bambini, ma che ovviamente per bambini non è, così da sembrare ai più piccoli pesante e agli adulti troppo infantile...certo, siamo davanti ad un fantasy e non tutto può essere verosimile, ma continuo a pensare che Lyra e il suo nuovo compagno di avventure Will siano assolutamente troppo piccoli per fare consapevolmente ciò che fanno...devo ammettere che in molte vicende avrei visto molto meglio dei protagonisti sedicenni (per quanto, senza fare spoiler, sarebbe stato inammissibile vista la trama, il tema dell'innocenza etc).
    Rispetto alla Bussola d'oro ci si trova su un livello di complessità molto superiore, non c'è storia, ma davvero continuo a pensare che a volte Pullman spinga la sua critica davvero troppo oltre: le sue posizioni si capiscono perfettamente, senza bisogno di scrivere che Lord A. progetti di andare contro Dio (quale Dio tra l'altro?) o coinvolgere angeli ribelli...
    Be' comunque il punteggio finale resta tra le tre e le quattro stelle.

    said on 

  • 4

    Un po' complesso per i bambini, un po' infantile per gli adulti.
    Però per me bambina invecchiata, in questi giorni che ho bisogno di distrarmi va benissimo
    Seconda parte della storia di un assalto al ...continue

    Un po' complesso per i bambini, un po' infantile per gli adulti.
    Però per me bambina invecchiata, in questi giorni che ho bisogno di distrarmi va benissimo
    Seconda parte della storia di un assalto al cielo per uccidere dio.

    said on 

Sorting by