The Sunday Philosophy Club

(Isabel Dalhousie Mysteries)

By

Publisher: Anchor

3.1
(1106)

Language: English | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Italian , Spanish

Isbn-10: 1400077095 | Isbn-13: 9781400077090 | Publish date:  | Edition Reprint

Also available as: Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Softcover and Stapled , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Philosophy

Do you like The Sunday Philosophy Club ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 1

    Ho cominciato a leggerlo con molta curiosità che via via è sprofondata nelle sabbie mobili della noia. Se voleva essere un giallo l'ho trovato insulso. La protagonista mi fa venire in mente una versio ...continue

    Ho cominciato a leggerlo con molta curiosità che via via è sprofondata nelle sabbie mobili della noia. Se voleva essere un giallo l'ho trovato insulso. La protagonista mi fa venire in mente una versione riveduta e corretta della "Signora Fletcher" con la differenza che la "Signora in giallo" ti prende di più. Qui la protagonista è una snob che si fa la maestrina e decide, in base al suo insindacabile giudizio, ciò che è giusto e cosa no, il resto è piatto e banale.

    said on 

  • 2

    Iniziato solo per la brevità.
    Classificarlo come un giallo è piuttosto esagerato. Di giallo non c'è quasi nulla. Trama banale e noiosa, non so nemmeno come abbia fatto a finirlo, in questo periodo in ...continue

    Iniziato solo per la brevità.
    Classificarlo come un giallo è piuttosto esagerato. Di giallo non c'è quasi nulla. Trama banale e noiosa, non so nemmeno come abbia fatto a finirlo, in questo periodo in cui riesco a leggere veramente poco.
    Non leggerò il seguito e non lo consiglio.

    said on 

  • 3

    Simpatico, ma banale

    La trama è deludente, senza suspance. Ha il pregio di offrire l'incipit a riflessioni, grazie a spunti etici e filosofici, seppur appena accennati, per lettori al di sotto della media.

    said on 

  • 2

    Banale, noioso, per niente intrigante. Nel libro c'è una parte filosofica, prolissa e superflua, ed una parte legata alle indagini di omicidio, per niente brillante e con zero intuitiva. Un libro deci ...continue

    Banale, noioso, per niente intrigante. Nel libro c'è una parte filosofica, prolissa e superflua, ed una parte legata alle indagini di omicidio, per niente brillante e con zero intuitiva. Un libro decisamente sconsigliato.

    said on 

  • 3

    "Le verità scomode ti danno di gomito sempre al momento meno opportuno."

    All'inizio questo libro volevo sbatterlo addosso al muro, perché 'sta Isabel: ricca, filosofa, direttrice di una rivista e detective dilettante "allo sbaraglio", mi stava veramente sulle balle!! Poi, ...continue

    All'inizio questo libro volevo sbatterlo addosso al muro, perché 'sta Isabel: ricca, filosofa, direttrice di una rivista e detective dilettante "allo sbaraglio", mi stava veramente sulle balle!! Poi, dato che odio non finire un libro, sono andato avanti. Merito della simpatia e dell'arguzia, non di Isabel, ma della sua governante Grace e della nipote Jamie, che si innamora sempre di quello sbagliiato. Il giallo che gira intorno a questi personaggi è un po' deboluccio e quasi insignificante ed è creato apposta per farceli conoscere. Ma alla fin fine una lettura leggera ogni tanto ci vuole. Ho anche il secondo libro di questa serie, ma certo non mi precipiterò a leggerlo!!!

    said on 

Sorting by