Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The TORRENTS OF SPRING

By

Publisher: Scribner

3.2
(72)

Language:English | Number of Pages: 96 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Catalan

Isbn-10: 0684839075 | Isbn-13: 9780684839073 | Publish date:  | Edition 1st Scribner Paperback Fiction Ed

Also available as: Hardcover , Others , eBook

Category: Fiction & Literature

Do you like The TORRENTS OF SPRING ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

An early gem from the greatest American writer of the twentieth century

First published in 1926, The Torrents of Spring is a hilarious parody of the Chicago school of literature. Poking fun at that "great race" of writers, it depicts a vogue that Hemingway himself refused to follow. In style and substance, The Torrents of Spring is a burlesque of Sherwood Anderson's Dark Laughter, but in the course of the narrative, other literary tendencies associated with American and British writers akin to Anderson -- such as D. H. Lawrence, James Joyce, and John Dos Passos -- come in for satirical comment. A highly entertaining story, The Torrents of Spring offers a rare glimpse into Hemingway's early career as a storyteller and stylist.

Sorting by
  • 2

    Torrents of Spring ( 1926 )

    1926 Hernest Hemingway. Einaudi, prima edizione 1951, traduzione di Bruno Fonzi. Einaudi, ristampa" I Nuovi Coralli", 1972.

    said on 

  • 3

    Di questo libro mi è piaciuta la tecnica narrativa. Il libro inizia a primavera, una piccola presentazione della storia e poi torna al passato, un anno prima per spiegare le storie di due uomini che si incrociano per poi ritornare al punto di partenza e darne una conclusione. A parte questo la st ...continue

    Di questo libro mi è piaciuta la tecnica narrativa. Il libro inizia a primavera, una piccola presentazione della storia e poi torna al passato, un anno prima per spiegare le storie di due uomini che si incrociano per poi ritornare al punto di partenza e darne una conclusione. A parte questo la storia è abbastanza piatta e inconsistente. Niente di che, in pratica, anche se c'è da tenere conto che questo libro è stato scritto per fare una parodia di un altro libro "riso nero" di Anderson, all'epoca amico di Hemingway.
    Perdibile.

    said on