Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Tenant

By Roland Topor

(4)

| Paperback | 9781933618067

Like The Tenant ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

'The Tenant' chronicles a harrowing, fascinating descent into madness as the pathologi-cally alienated Trelkovsky is subsumed into Simone Choule, an enigmatic suicide whose presence saturates his new apartment. More than a tale of possession, the nov Continue

'The Tenant' chronicles a harrowing, fascinating descent into madness as the pathologi-cally alienated Trelkovsky is subsumed into Simone Choule, an enigmatic suicide whose presence saturates his new apartment. More than a tale of possession, the novel probes disturbing depths of guilt, paranoia, and sexual obsession with an unsparing detachment.

39 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il commento che si accende quando su anobii si selezionano due stelle di gradimento è: deludente. Ebbene è il commento più appropriato per definire la lettura di questo libro che, a parte una trama originale e decisamente fantasiosa, non ha molto da ...(continue)

    Il commento che si accende quando su anobii si selezionano due stelle di gradimento è: deludente. Ebbene è il commento più appropriato per definire la lettura di questo libro che, a parte una trama originale e decisamente fantasiosa, non ha molto da offrire al lettore.
    Per gli amanti della suspense un suggerimento: cercate altro!

    Is this helpful?

    Elfo said on Sep 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Da leggere

    Letto in un batter d'occhio. Inquietante. Consigliato per chi, come me, ama questo genere di thriller.
    Adesso mi voglio proprio gustare il film di Polansky, che dicono sia bellissimo.

    Is this helpful?

    Abafraxe said on Aug 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Di velocissima lettura ha un bel crescendo di paranoie e follia.
    C'è chi lo avvicina allo stile di Lovecraft ma quest'ultimo è decisamente più angoscioso e cupo.
    Il film di Polanski lo riproduce alla lettera, pure nei dialoghi.
    Insomma se vi è piac ...(continue)

    Di velocissima lettura ha un bel crescendo di paranoie e follia.
    C'è chi lo avvicina allo stile di Lovecraft ma quest'ultimo è decisamente più angoscioso e cupo.
    Il film di Polanski lo riproduce alla lettera, pure nei dialoghi.
    Insomma se vi è piaciuto il film non potrà non piacervi questo racconto.

    Is this helpful?

    PornoRambo said on Aug 5, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Come sempre complimenti a Bompiani per la sobrietà delle copertine.

    Is this helpful?

    Ubiqua said on Mar 26, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Angosciante

    Come da titolo questo ė l'unico aggettivo che mi viene in mente per descrivere il libro. I toni cupi di questa Parigi descritta da Topor, i toni ancora più scuri del condominio del protagonista, tutto contribuisce ad un crescendo di ansietà che sfoci ...(continue)

    Come da titolo questo ė l'unico aggettivo che mi viene in mente per descrivere il libro. I toni cupi di questa Parigi descritta da Topor, i toni ancora più scuri del condominio del protagonista, tutto contribuisce ad un crescendo di ansietà che sfocia in un finale che si presta a più chiavi di lettura. Quattro stelle e non cinque, perché? Forse nel finale il tutto è un po' troppo visionario per i miei gusti. Opinione personale ovviamente.
    Bel libro, sicuramente da vantarsi nel poter dire:"Io l'ho letto...!"

    Is this helpful?

    Diego Jack O'Neill Rocco said on Dec 18, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    1.l'ho letto perchè credevo di averlo letto e di non ricordarmene più.

    2.credevo di averlo letto perchè avevo visto il film che ne era stato tratto.

    3.avevo visto il film perchè avevo letto il fumetto ispirato al libro.

    Morale della favola:

    1.D ...(continue)

    1.l'ho letto perchè credevo di averlo letto e di non ricordarmene più.

    2.credevo di averlo letto perchè avevo visto il film che ne era stato tratto.

    3.avevo visto il film perchè avevo letto il fumetto ispirato al libro.

    Morale della favola:

    1.Dylan Dog i primi tempi si "ispirava" a piene mani dalla roba degli altri.Ma sceglieva sempre e solo roba di classe, e lo faceva con una classe che era e rimane inimitabile. Profondo rammarico per la sua decadenza.

    2. anche dopo questa nuova lettura non ricordo se avessi letto il libro una prima volta, segno che forse non l'ho fatto...comunque scopro che meritava: libri del passato che sono più attuali dei libri del presente.

    3. del film di Polansky mi ricordo solo il dente dentro la parete, e quella maledetta finestra con la gente sotto.

    Is this helpful?

    OSMANSPARE said on Dec 17, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book