Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Tenth Chamber

By

Publisher: Arrow Books

3.5
(1831)

Language:English | Number of Pages: 436 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0099545691 | Isbn-13: 9780099545699 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Softcover and Stapled , Paperback , Hardcover , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Tenth Chamber ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Io, Barthomieu…

    Come per gli altri romanzi Glenn Cooper, l’autore, ha deciso di narrare la sua storia su diversi periodi temporali, in questo caso sono quattro: la preistoria, il 1899, il 1300 ed il presente.

    Nel cor ...continue

    Come per gli altri romanzi Glenn Cooper, l’autore, ha deciso di narrare la sua storia su diversi periodi temporali, in questo caso sono quattro: la preistoria, il 1899, il 1300 ed il presente.

    Nel corso del libro Cooper riesce a portare avanti parallelamente tutti i racconti che nel finale si ricongiungeranno in un’unica storia.

    Questa volta siamo in Francia più precisamente nel Périgord.

    Entra in gioco Luc Simad, un importante archeologo, che riesce a mettere le mani su un antico manoscritto risalente al 1300 il quale venne rinvenuto tra i resti di un’antica abbazia di Ruac.
    Grazie a questo prezioso reperto, Luc ed un altro suo amico archeologo riescono a trovare una caverna piena di dipinti rupestri magnifici e misteriosi allo stesso tempo.
    Il protagonista sente il desiderio di scoprire di più su questa strana grotta e delle raffigurazioni che essa contiene.
    Senza saperlo si trova a faccia a faccia con un segreto millenario.
    Non tutti però hanno il desiderio che questo “segreto” venga svelato all’umanità.

    Come in tutti i suoi libri la storia è piena di: colpi di scena, inseguimenti, scoperte incredibili, omicidi, una piccola storia d’amore ed in questo caso anche un manoscritto in latino che aspetta solo di essere decodificato.

    Anche questa volta non sono riuscita a staccare gli occhi dalle pagine che scorrevano veloci, ho dovuto terminare il libro in una serata, ero troppo curiosa di come andava a finire!

    Questo mix di suspance e mistero mi attrae così tanto che quando inizio non riesco più a smettere di leggere.

    Una lettura molto affascinante che voglio consigliare a tutti gli appassionati del genere!

    said on 

  • 3

    Non come i precedenti

    Subito si è mostrato poco scorrevole ma superati i primi capitoli la storia ha iniziato a funzionare.
    Buona l'idea della grotta e dei graffiti, un po' troppi morti a mio avviso. Nel complesso è stata ...continue

    Subito si è mostrato poco scorrevole ma superati i primi capitoli la storia ha iniziato a funzionare.
    Buona l'idea della grotta e dei graffiti, un po' troppi morti a mio avviso. Nel complesso è stata una lettura discreta.

    said on 

  • 4

    Originale

    Storia che si toglie un po' dalle solite trame di questi libri stile Dan Brown, con un po' di arte, un po' di salti spazio-temporali, un po' di misteri & servizi segreti o giù di lì. A me personalment ...continue

    Storia che si toglie un po' dalle solite trame di questi libri stile Dan Brown, con un po' di arte, un po' di salti spazio-temporali, un po' di misteri & servizi segreti o giù di lì. A me personalmente i libri di Cooper non dispiacciono, sono coinvolgenti e leggeri, adattissimi per quando non voglio impegnare troppo il cervello per seguire una trama.

    said on 

  • 0

    Per settecento anni è rimasto nascosto in un muro dell'abbazia. Poi una scintilla ha scatenato un incendio e il muro è crollato. Stupito, l'abate Menaud sfoglia quel volume impreziosito da disegni di ...continue

    Per settecento anni è rimasto nascosto in un muro dell'abbazia. Poi una scintilla ha scatenato un incendio e il muro è crollato. Stupito, l'abate Menaud sfoglia quel volume impreziosito da disegni di animali e di piante. È scritto in codice, ma le prime parole sono in latino: "Io, Barthomieu, monaco dell'abbazia di Ruac, ho duecentoventi anni. E questa è la mia storia." Per migliaia di anni è rimasto immerso nell'oscurità. Poi un'intuizione ha squarciato le tenebre. Incredulo, l'archeologo Lue Simard cammina in quel grandioso complesso di caverne, interamente decorate con splendidi dipinti rupestri. E arriva all'ultima grotta, la più sorprendente, dove sono raffigurate alcune piante: le stesse riprodotte nell'enigmatico manoscritto medievale... Per un tempo indefinibile è rimasto avvolto nel mistero. È stato custodito da santi e da assassini, è stato una fonte di vita e una ragione di morte. Poi un imprevisto ha rischiato di svelarlo agli occhi del mondo. Spietati, gli abitanti di Ruac non hanno dubbi: i forestieri devono essere fermati. Perché la cosa più importante è difendere il loro segreto. A ogni costo.

    said on 

  • 2

    E questo sarebbe il tanto osannato Glenn Cooper?

    Molto delusa, mi sono annoiata durante tutta la lettura. È la prima volta che mi imbatto in questo autore e sicuramente non è stata un'esperienza positiva. Proverò a leggere altro di Cooper,forse ques ...continue

    Molto delusa, mi sono annoiata durante tutta la lettura. È la prima volta che mi imbatto in questo autore e sicuramente non è stata un'esperienza positiva. Proverò a leggere altro di Cooper,forse questo non è uno dei suoi romanzi più riusciti.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    dal blog Giramenti

    Un libro talmente brutto e pretenzioso da far sembrare i thriller di casa nostra dei capolavori. Già il titolo che Editrice Nord ha scelto per la versione italiana – tradotta da Velia Februari e Amali ...continue

    Un libro talmente brutto e pretenzioso da far sembrare i thriller di casa nostra dei capolavori. Già il titolo che Editrice Nord ha scelto per la versione italiana – tradotta da Velia Februari e Amalia Rincori – è al limite del lecito. Dopo la Biblioteca dei morti e il Libro delle anime, ci mancava giusta giusta La mappa del destino, così abbiamo dato fondo alle principali parole chiav(ich)e dell’editoria moderna, ci manca solo “da Tiffany”, ma proprio non ci azzeccava col resto.

    SEGUE su http://gaialodovica.wordpress.com/2013/01/07/la-mappa-del-destino-di-glenn-cooper-con-autopsia/

    La recensione facciale: http://recensionifacciali.wordpress.com/2014/09/05/faccia-335/

    said on 

  • 4

    viva le grotte

    Premetto che non sono una patita di questo genere. Detto ciò, molto interessante la parte relativa alla grotta preistorica e agli scavi archeologici, intrippante il pippone botanico, poca roba il rest ...continue

    Premetto che non sono una patita di questo genere. Detto ciò, molto interessante la parte relativa alla grotta preistorica e agli scavi archeologici, intrippante il pippone botanico, poca roba il resto e prosa mediocre. Comunque coinvolgente, quindi funziona.

    said on 

  • 3

    Interessante la trama, poi decade...

    Adoro le letture esoteriche, cariche di cospirazione e mistero che paventano incognite dietro ogni pagina… Avevo letto delle recensioni dei due precedenti libri di Cooper (La biblioteca dei morti – Il ...continue

    Adoro le letture esoteriche, cariche di cospirazione e mistero che paventano incognite dietro ogni pagina… Avevo letto delle recensioni dei due precedenti libri di Cooper (La biblioteca dei morti – Il libro delle anime) quindi la mia aspettativa era piuttosto elevata.
    Ho trovato la trama certamente ben elaborata: cattura inizialmente il lettore per poi scendere di tono con omicidi un po’ troppo frequenti (i quali servono unicamente a creare più suspense?) Degno di un film alla Indiana Jones, per intenderci…
    Anche la cittadina di Ruac nella valle del fiume Vézère (non così conosciuta come Lascaux), ha reso molto accattivante la lettura ed è per questo che ho portato a termine il romanzo.
    Ho apprezzato la parte di flash back (su diversi piani temporali), con precise ed eloquenti descrizioni archeologiche perfettamente integrabili nel tangibile.
    Verso il finale, la storia diventa un monotona per terminare nella totale banalità con la scena dell’orgia “psicotropa”, facendo regredire interesse e coinvolgimento.
    Narrativa scorrevole e ben articolata (questa volta ho letto la traduzione italiana), un romanzo che non richiede troppa concentrazione, adatto quale lettura anche se c’è gente attorno :-)

    said on