Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Terrible Privacy of Maxwell Sim

By

Publisher: Penguin Books Ltd

3.4
(2110)

Language:English | Number of Pages: 352 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , French , Spanish , German

Isbn-10: 0141033924 | Isbn-13: 9780141033921 | Publish date: 

Also available as: Others , Hardcover , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Travel

Do you like The Terrible Privacy of Maxwell Sim ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Award-winning author Jonathan Coe portrays a man on the verge of a break-down in the equal parts funny and moving novel "The Terrible Privacy of Maxwell Sim". Maxwell Sim could be any of us. He could be you. He's about to have a mid-life crisis (though he doesn't know it yet). He'll be found in his car in the north of Scotland, half-naked and alone, suffering hypothermia, with a couple of empty whisky bottles and a boot full of toothbrushes. It's a far cry from a restaurant in Sydney, where his story starts. But then Maxwell Sim has, unknowingly, got a long way to go. If he knew now about his lonely journey to the Shetland Isles, or the truth about his father and the folded photograph, or the mystery of Poppy and her peculiar job, or even about Emma's lovely, fading voice, then perhaps he's stay where he was - hiding from destiny. But Max knows none of it. And nor do you - at least not yet..."Witty, unexpected and curiously unsettling. Coe carries it off with empathy, comedy and a ventriloquist's ear for idiom". ("Literary Review"). "Clever, engaging, spring-loaded with mysteries and surprises". ("Time Out"). "Masterly, highly engaging.
Coe's eye for the details of contemporary life remains as sharp as ever". ("Daily Mail"). Jonathan Coe's novels are filled with biting social commentary, moving and astute observations of life and hilarious set pieces that have made him one of the most popular writers of his generation. His other titles, "The Accidental Woman", "The Rotters' Club" (winner of the Everyman Wodehouse prize), "The House of Sleep" (winner of the1998 Prix Medicis Etranger), "A Touch of Love", "What a Carve Up!" (winner of the 1995 John Llewellyn Rhys Prize) and "The Rain Before it Falls", are all available in Penguin paperback.
Sorting by
  • 4

    En ocasiones divertido, en ocasiones amargo. Fuera de mi lectura habitual, en ocasiones he llegado a pensar que acabaría abandonándolo, pero al final ha merecido la pena. Aunque precisamente el final me ha resultado un poco artificial.

    said on 

  • 4

    il solito coe. non delude.

    All'inizio sembra un libro noioso, a causa dell'argomento (un uomo di mezza età, che si sente e viene visto come un mediocre, non a torto, che nemmeno si interroga sulla sua vita, ma è la vita che lo pone in strade da cui non è in grado di invertire rotta, che scopre accidentalmente una serie di ...continue

    All'inizio sembra un libro noioso, a causa dell'argomento (un uomo di mezza età, che si sente e viene visto come un mediocre, non a torto, che nemmeno si interroga sulla sua vita, ma è la vita che lo pone in strade da cui non è in grado di invertire rotta, che scopre accidentalmente una serie di cose che dovrebbero "innervosirlo", suscitargli reazioni che non è nemmeno in grado di produrre, che perde tutto e nemmeno se ne preoccupa), tuttavia l'idea di scrivere sempre attraverso il punto di vista dell'uomo mediocre, con tutta la sua fallacità e tutte le sue debolezze, mettere a nudo quello che normalmente non è così in bella vista, ti fa quasi "simpatizzare" per un uomo qualunque che si trova "intrappolato" nella sua vita, che va avanti anche senza di lui.
    scritto bene, di quel bene che non ti annoia a leggerlo e che quasi hai paura a finirlo.
    pessimo il finale : come rovinare un libro di 300 pagine in poche righe.
    poi, sarò stata poco attenta, ma all'inizio ho capito che moriva, ci sono rimasta quasi male quando mi sono resa conto che non era così.
    il "colpo di scena" finale stona troppo con la mediocrità che aleggia in tutto il romanzo, tuttavia, nonostante la delusione, non posso condannare un bel romanzo per un pessimo finale.
    coe non è mai fuoriluogo. nulla viene lasciato al caso, anche le digressioni, apparentemente più "stonate", sono perfette e mai banali. grande cura del particolare.

    said on 

  • 4

    Le auto sono come persone. Ogni giorno andiamo in giro in mezzo alla ressa, corriamo di qua e di là, arriviamo quasi a toccarci ma in realtà c'è pochissimo contatto. Tutti quegli scontri mancati, tutte quelle possibilità perse. E' inquietante, a pensarci

    Max è un uomo in viaggio per ritrovare se stesso, in cerca di una nuova dimensione e soprattutto di una nuova speranza nel futuro, dopo il fallimento che fino a quel momento è stata la sua vita.
    E anche la narrazione è un viaggio al ritroso nel tempo, una ricostruzione impietosa degli episo ...continue

    Max è un uomo in viaggio per ritrovare se stesso, in cerca di una nuova dimensione e soprattutto di una nuova speranza nel futuro, dopo il fallimento che fino a quel momento è stata la sua vita.
    E anche la narrazione è un viaggio al ritroso nel tempo, una ricostruzione impietosa degli episodi e delle circostanze che hanno decretato quel fallimento, che man mano porta alla luce il fardello di frustrazioni con cui Max ha dovuto fare i conti sin da bambino.
    Max, in fondo, è uno di noi, uno come tanti altri, con una banale esistenza, un lavoro che non lo soddisfa, degli affetti talmente blandi da dissolversi senza lasciare traccia, delle amicizie superficiali e inutili.
    Descrivendo Max e la sua vita Coe vuole in fondo parlare della fragilità dell'uomo moderno, che tende a non scegliere ma solo ad adeguarsi alle circostanze e agli eventi, come fosse prosciugato di ogni volontà, incapace di essere protagonista della propria esistenza.
    "He's a real Nowhere Man,
    sitting in his Nowhere Land,
    making all his nowhere plans for nobody.
    Doesn't have a point of view,
    knows not where he's going to,
    isn't he a bit like you and me?"
    (Nowhere Man - Beatles)

    Il momento più amaro è l'acquisita consapevolezza del fallimento, lo sguardo impietoso e lucido con cui Max guarda a se stesso e alla propria esistenza fatta di niente, improvvisamente folgorato dall'amara presa di coscienza della propria solitudine spaventosa e del suo abisso umano e sentimentale.
    Ma in fondo al tunnel, per tutti, c'è sempre una luce che salva dalle tenebre.
    Peccato per il finale, che ho trovato assolutamente inadeguato

    said on 

  • 4

    Mi è piaciuto! Inizialmente non è stato facile seguire l'iter costruttivo, che sembrava un pò confuso, poi tutto torna perchè Coe è capace di ricollegare i vari tasselli di una storia sicuramente affascinante.

    said on 

  • 4

    “ Avremmo voluto, avremmo dovuto, avremmo potuto “

    L'effetto che mi procura leggere Coe , che ritengo uno degli scrittori contemporanei più interessanti , è quello che si prova ogni volta che si incontra un amico che non si vedeva da tanto : basta poco per ritrovare il piacere di stare in sua compagnia come se il tempo non fosse trascorso affatto ...continue

    L'effetto che mi procura leggere Coe , che ritengo uno degli scrittori contemporanei più interessanti , è quello che si prova ogni volta che si incontra un amico che non si vedeva da tanto : basta poco per ritrovare il piacere di stare in sua compagnia come se il tempo non fosse trascorso affatto dall'ultima volta .
    La storia, scritta col consueto stile brillante che caratterizza l'autore , è centrata per l'appunto su Maxwell Sim , uno sventurato di mezz'età entrato in uno stato di profonda depressione in conseguenza del naufragio del suo matrimonio , e si sviluppa con trovate fantasiose anche se non del tutto nuove (l'idea di “dialogare ” con la voce del navigatore è stata copiata da “Notte buia niente stelle di Stephen King o viceversa? ), prendendo soprattutto quota nella seconda parte , sicuramente la migliore , dove viene approfondita la contorta figura del padre , prima di arrivare ad un finale in buona parte scontato anche se originale .
    Ancora una volta lo scrittore si rivela efficacissimo nel tratteggiare con arguzia ed acutezza i suoi personaggi , per lo più scelti nell'ampio panorama costituito da quell'umanità di “ non vincenti” dell'Inghilterra del post Thatcherismo , ed anche se il romanzo è da collocarsi un gradino sotto a quelli più famosi come “La famiglia Winshaw “, “La banda dei brocchi” (ed il suo seguito “Circolo chiuso”) , è comunque tale da risultare gradevole e divertente .
    Le quattro stelle sono probabilmente abbondanti ma , come ho premesso , Coe è un amico ….

    said on 

  • 3

    Misticanza all'inglese - 22 giu 14

    Sempre ambivalente il nostro amico Coe. Ne leggo dal primo folgorante “La famiglia Winshaw”, ed ogni volta ne constato l’ondivagare. A volte perché non riesce a trovare un centro. Qui perché c’è tutta la parte centrale del romanzo che è pesante, inutile, ed ho veramente faticato a digerirla. Non ...continue

    Sempre ambivalente il nostro amico Coe. Ne leggo dal primo folgorante “La famiglia Winshaw”, ed ogni volta ne constato l’ondivagare. A volte perché non riesce a trovare un centro. Qui perché c’è tutta la parte centrale del romanzo che è pesante, inutile, ed ho veramente faticato a digerirla. Non per le vicende (terribili, appunto) del nostro Max, ma per quel lungo rapporto tra Max ed il suo navigatore satellitare dalla voce di donna. Una lunga, inutile, palla. Certo, Coe voleva portarci all’esasperazione, facendoci sentire con mano come anche Max si stesse sentendo (poi vedremo perché), ma l’ho trovata inutilmente protratta nel tempo. Altro punto, che poteva essere gestito meglio, è l’andare su e giù (ma solo in maniera accentuato nel finale) tra l’autore onnisciente e il racconto in prima persona. Sembra quasi che Coe non sapesse come chiudere la storia, e tira fuori il cilindro di se stesso (o un suo alter ego), che scrivendo questa lunga metafora ha intrecciato re-altà e finzione. Bah, debolino. Peccato, che il romanzo in se sembrava essere più promettente, an-che se, credo, una lettura da parte di Coe del bellissimo “Il senso di una fine” di Julian Barnes ne avrebbe asciugato i toni. Infatti, seguiamo un brano della vita di Max Sim, incartandoci con lui in una serie di incontri, che svelano (a lui ed a noi) alcune storie della sua vita. E Max si accorge che spesso quello che pensava non è quello che era (vedi Barnes, appunto). Purtroppo, mentre cerca di chiudere il cerchio, Coe interviene e chiude il libro. Questo non glielo perdono molto. Ma torniamo a Max. ed ai suoi incontri. Vede una donna con figlia in un ristorante di Sidney che gli danno un senso di serenità mai provato prima (anche perché era andato in Australia per trovare il padre senza riuscire a comunicare con lui in seguito all’abbandono da parte della moglie con figlia). In aereo, muore il suo vicino di posto, posto che viene preso dalla giovane Poppy, che gli dà modo di conoscere la strana professione di “facilitatore di adulteri” (e questa conoscenza gli potrebbe servire con Allison, ma la lascia cadere) e di presentargli il simpatico zio Clive. Uno zio che lo in-troduce nella vita e nella morte di un grande illusore, il finto navigatore solitario Donald Crowhurst. Questo meriterebbe un inciso: Donald partecipò alla grande Golden Race intorno al globo, nel 1968, ma non avendo barca adatta né capacità, girellò per l’Atlantico, fino a riprendere le barche dopo il capo Good Hope. Sperava di passare inosservato, ma a quel punto era fintamente primo. Per questo, va fuori di testa, si toglie la vita e lascia la barca alla deriva. Quello che potrebbe succedere a Max, quando va alla deriva per le campagne scozzesi cercando di vendere spazzolini da denti (idea ridicola). E Max era andato al Nord perché, lasciato dalla moglie Caroline, era rimasto depresso per sei mesi, si era licenziato, era stato incastrato del suo vecchio amico Trevor (ma non si domanda come mai il vecchio amico lo cerchi solo quando ha bisogno di soldi?) in questo giro di spazzolini, che lo aveva portato alla vecchia casa del padre, a visitare la nuova casa della ex-moglie e della figlia, ad incontrare la sorella del suo primo grande amico. Ma questo primo grande amico (come scopre da un racconto scritto da Caroline e che furtivamente legge) lo abbandona cinque anni prima quando Max (lui dice con cattiveria, Chris dice con astio) spinge il figlio di questi in una buca di ortiche. E leggendo anche lì non autorizzato uno scritto di Allison (la sorella di Chris) scopre che questa era pronta a mettersi con lui, se lui non fosse stato così assurdamente preso da altro (campeggio, Chris, il fuoco che non si accende) e non avesse scoperto che il padre di Max le aveva fatto una foto “un po’ osé in succinto bikini accanto al fratello, grondanti d’acqua dopo il bagno”. Ma le sorprese e gli incontri non sono finiti, che nella vecchia casa del padre, scopre (altra violazione di privacy) il diario del padre. E scopre che questi era sempre stato attratto dall’amico Roger per cui aveva una passione quasi omosessuale. Roger con cui avevano fatto grandi cose e grandi progetti (leggete quali, non posso scrivere tutto, no?), e che si erano lasciati per essersi dati un ultimo appuntamento in un pub, ed avendo aspettato tutta la notte ognuno nel giusto pub. Peccato che a Londra fossero due i pub dal nome “Rising Sun”. Dalla delusione, il padre va a scopare con l’amica di una notte, Barbara. Peccato che quella scopata porti proprio alla nascita di Max. I due si sposano, e Roger vola via per il mondo. Capisce forse Max, che il padre era più attratto da Chris che da Allison? E si domanda perché di tutti questi incontri, lui ricordi quello con Clive piuttosto che la fallimentare cena con Caroline? Coe è poi maestro nel casualmente riannodare situazioni irriannodabili. Max vede al lavoro Poppy all’aeroporto di Bangkok, e risentirà quella voce 250 pagine dopo, quando il marito di Allison telefona per mentire su un ritardo (e lui lascerà cadere, anche se Allison vorrebbe portarlo a letto). E poi c’è la madre di Max, che muore di cancro, come di cancro muore la vera madre della figlia cinese adottata dalla donna del ristorante delle prime pagine. Cancro da lei preso mentre lavorava ad una fabbrica … si spazzolini da denti. Non ho parole. Se Coe avesse avuto coraggio di rimanere su Max poteva essere un bel romanzo di crescita e di autocoscienza di una persona sempre immersa in situazioni più grandi di lui, con persone più intelligenti di lui, più furbe di lui. E con lui che poteva capire cosa sia il suo se stesso. Ma Coe fugge di lato, e, ripeto, non glielo perdono. Come non perdono il revisore che a pagina 283 per una scommessa sui cavalli lascia il termine errato maringala invece del corretto martingala. Dobbiamo migliorare tutti: io, Coe, i traduttori e gli editori. Ci si riuscirà?
    “Sembra che io abbia perso un bel po’ di amici negli ultimi anni. Non è che abbia troncato con loro in modo drammatico, abbiamo solo deciso di non tenerci in contatto…. A mano a mano che invec-chi… alcune amicizie ti sembrano sempre più ingiustificate. E un bel giorno ti chiedi: ‘A che servo-no?’. E allora interrompi i contatti.” (13)
    “Non arrabbiarti troppo con chi pensa di conoscerti meglio di quanto tu conosci te stesso. Ha buo-ne intenzioni.” (353)

    said on 

  • 4

    Hai sfangato un manrovescio.

    Caro Max, che dirti, mi sono divertita molto con te, cioè, all’inizio mi sembravi un emerito deficiente ed ho pensato di aver sbagliato tutto e che la tua storia non valeva la pena di leggerla, perché era di una noia mortale, oltre ad essere mortalmente paradossale e noiosa, e che se poco poco, t ...continue

    Caro Max, che dirti, mi sono divertita molto con te, cioè, all’inizio mi sembravi un emerito deficiente ed ho pensato di aver sbagliato tutto e che la tua storia non valeva la pena di leggerla, perché era di una noia mortale, oltre ad essere mortalmente paradossale e noiosa, e che se poco poco, ti avessi incontrato ti avrei allentato subito un manrovescio dopo la seconda parola che mi dicevi (ma quanto sei logorroico?!?); ho pensato di abbandonarti dopo poche pagine, ma non lo faccio quasi mai ed ho continuato, ed è stata una scelta azzeccata. Alla fine mi sei piaciuto, e molto, mi hai fatto ridere, mi hai fatto stringere il cuore, hai messo a dura prova la mia pazienza, ma ti voglio bene!
    Voglio bene a te, al tuo modo di essere estremamente fuori luogo in ogni situazione, alla tua tontolagine, al fiume di parole che riesci a far uscire da quella bocca ed alla tua profonda normalità.
    Ho messo parecchio a finire questo libro, ma non è colpa sua, è capitato in un periodaccio, ma impiegarci più del necessario , me lo ha fatto apprezzare anche di più, mi ha dato modo di riflettere e di assorbire meglio la storia, le situazioni e tutto ciò che si portano dietro.
    Ho trovato veramente bello il cambio di passo quando si leggono i racconti del padre di Max, sembra proprio che ti stia parlando un’altra persona, veramente ben fatto, e poi la storia, le sensazioni che fa provare, riporta e… va be’ leggetelo va, che è carino!

    said on 

  • 4

    Un libro godibile, lontano dai primi capolavori chiaramente (e chissà se Coe raggiungerà di nuovo quei picchi qualitativi), dove l'autore affronta molte delle tematiche odierne: su tutte i rapporti sociali nell'era dei social network, e i rapporti con la Terra. Come al solito il viaggio compiuto ...continue

    Un libro godibile, lontano dai primi capolavori chiaramente (e chissà se Coe raggiungerà di nuovo quei picchi qualitativi), dove l'autore affronta molte delle tematiche odierne: su tutte i rapporti sociali nell'era dei social network, e i rapporti con la Terra. Come al solito il viaggio compiuto dal protagonista, come in tutti i romanzi della storia, è un viaggio spirituale, alla ricerca dell'io più profondo. Spiazzante il finale. Non ho capito se si sia trattato di una confessione..

    said on 

Sorting by