Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Thousand Autumns of Jacob De Zoet

By

Publisher: Hodder & Stoughton General Division

4.2
(279)

Language:English | Number of Pages: 480 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Dutch , Italian , Chi traditional , Spanish , German , French

Isbn-10: 0340921560 | Isbn-13: 9780340921562 | Publish date: 

Also available as: Softcover and Stapled , eBook , Paperback , Others , Audio CD

Category: Fiction & Literature , History , Romance

Do you like The Thousand Autumns of Jacob De Zoet ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
The nation was Japan, the port was Nagasaki and the island was Dejima, to where DavidMitchell's panoramic novel transports us in the year 1799.
Sorting by
  • 4

    導讀把故事都講完了,看完導讀故事正文也甭看了orz

    南方朔先生的導讀放在正文之前造成兩種效果:
    一是提供看到書本有這樣驚人厚度的猶豫讀者快速索引,
    確認對故事有無興趣、搞清楚這是在講什麼,
    然後決定要不要下手;
    另一種負面影響是該導讀把能講的不能講的梗全都爆光了
    讓想認真讀書的讀者在還沒享受之前就先誤爆地雷犧牲了。
    ……我屬於後者,真的很想揍人。

    ***

    除了第一部瑣碎式的鋪陳營造出東洋風土民情記敘筆調略嫌枯燥外,
    從第二部開始情節漸入佳境,慢慢越來越有意思,
    隨著故事情緒跌宕起伏,充滿懸疑驚慄。 ...continue

    南方朔先生的導讀放在正文之前造成兩種效果:
    一是提供看到書本有這樣驚人厚度的猶豫讀者快速索引,
    確認對故事有無興趣、搞清楚這是在講什麼,
    然後決定要不要下手;
    另一種負面影響是該導讀把能講的不能講的梗全都爆光了
    讓想認真讀書的讀者在還沒享受之前就先誤爆地雷犧牲了。
    ……我屬於後者,真的很想揍人。

    ***

    除了第一部瑣碎式的鋪陳營造出東洋風土民情記敘筆調略嫌枯燥外,
    從第二部開始情節漸入佳境,慢慢越來越有意思,
    隨著故事情緒跌宕起伏,充滿懸疑驚慄。
    從日本長崎出島這個地方窺見帝國主義的擴張與時代的興衰沒落,
    雅各的千秋之年,記敘了雅各在東方的經歷,
    猶如一部精彩的日版馬可波羅東遊記?

    鎖國政策,綜觀中國明清歷史、朝鮮近代史,日本幕府時期都經歷過,
    被世界潮流捲入、西方列強強勢叩關的無奈衝突,
    東西文化交流的差異與探索,語言的重要性和隱蔽,
    都在這本書裡面表露無疑。

    said on 

  • 5

    Coerenza

    La caratteristica migliore di David Mitchell è quella di riuscire a rappresentare a trecentosessanta gradi i suoi personaggi, nel bene e nel male, fusi nel loro ambiente sociale, e che vivono le loro alterne fortune fino a bruciare la loro ultima stilla di vita, se questo è il loro credo.


    ...continue

    La caratteristica migliore di David Mitchell è quella di riuscire a rappresentare a trecentosessanta gradi i suoi personaggi, nel bene e nel male, fusi nel loro ambiente sociale, e che vivono le loro alterne fortune fino a bruciare la loro ultima stilla di vita, se questo è il loro credo.

    Aspetto che inquadrato in una cura maniacale e affascinante di un mondo esotico come il Giappone a fine diciottesimo secolo, così incline alla chiusura da permettere solo agli olandesi di avere un porto franco per commerciare, garantisce pathos e sviluppi inaspettati.

    In un elegante confronto tra credo, nella sua forma più importante quello di intimistico percorso di formazione di una persona, e ragione, nella sua forma più vincente, quella di obnubilazione delle paure e di ricerca assoluta del miglioramento, vi è la delicata storia d’amore tra Jacob de Zoet, e Orito.

    Una storia appena accennata e che vive in una specie di Iperuranio. Un legame che va oltre alle disgrazie della vita, ma che sancisce che non è il fare le scelte sbagliate o giuste il problema, bensì il seguitarle secondo la propria rettitudine e secondo le proprie certezze, che siano esse religiose o razionali.

    In entrambi i casi si otterranno delle persone migliori, e di conseguenza un mondo migliore, sebbene non si otterrà probabilmente quello che si desidera di più: in questo caso l’amore.

    said on 

  • 4

    Romanzo storico, ambientato a Dejima (letteralmente “Isola sporgente”) piccola isola artificiale di 9000 metri quadri, antistante il porto di Nagasaki.
    L'anno è il 1799, e Jacob de Zoet è un funzionario della Compagnia Olandese delle Indie Orientali, ormai unica locataria della stazione com ...continue

    Romanzo storico, ambientato a Dejima (letteralmente “Isola sporgente”) piccola isola artificiale di 9000 metri quadri, antistante il porto di Nagasaki.
    L'anno è il 1799, e Jacob de Zoet è un funzionario della Compagnia Olandese delle Indie Orientali, ormai unica locataria della stazione commerciale costruita appositamente dallo Shogun, durante il periodo Edo. Periodo caratterizzato da un quasi totale isolazionismo da parte del Giappone nei confronti degli stranieri, sopratutto gli occidentali.
    Mitchell è un autore poco conosciuto, almeno fino alla proiezione de “L'Atlante delle nuvole”, deludente film dei Wachowski, lo è stato.
    Eppure il livello qualitativo dei suoi libri è alto, egli è un ottimo narratore, anche abbastanza eclettico nel padroneggiare gli stili ed il ritmo della storia, I mille autunni... oltre ad essere ottimamente contestualizzato, presenta trame (e sottotrame) che tengono alto l'interesse del lettore.
    Leggetelo e fatelo leggere.

    said on 

  • 5

    我對這本書一開始沒有什麼期待,但讀到第三章之後開始改觀,不禁對作者的人生經歷感到好奇,原來作者年輕時在日本待過八年啊!

    我對翻譯的小瑕疵無感,但是他的壞人背景設定,讓我想到日本的cult片劇情,我都想好壞人應該要由渡邊謙來演比較適合XD

    加上作者也知道天草四郎是誰,配上了猶如《魔界轉生》般奇幻而妖異的邪魅感,我忍不住懷疑作者是不是有偷偷去了解日本人對動漫的愛好。唉呀可是,這本書沒有出現過妖怪,卻令我有這等觀感。

    said on 

  • 5

    David Mitchell non mi ha delusa. L'avevo scoperto lo scorso anno con L'atlante delle nuvole e questo libro, seppur non all'altezza dell'altro, è una piacevole conferma di un narratore che considero davvero straordinario.
    I mille autunni di Jacob de Zoet è un romanzo piuttosto ...continue

    David Mitchell non mi ha delusa. L'avevo scoperto lo scorso anno con L'atlante delle nuvole e questo libro, seppur non all'altezza dell'altro, è una piacevole conferma di un narratore che considero davvero straordinario.
    I mille autunni di Jacob de Zoet è un romanzo piuttosto "classico", con la storia che la fa da padrona a discapito dell'interiorità dei personaggi e dell'ambientazione (in particolare mi aspettavo che quest'ultima fosse molto più dettagliata essendo un romanzo ambientato distante da noi sia geograficamente che storicamente) e del quale si sa da molto prima della fine quale sarà la conclusione.
    Definirlo un romanzo trascinante sarebbe forse eccessivo ma sicuramente è facile e piacevole da leggere, non ci si arena mai nonostante l'azione sia limitata a meno della metà del libro. Mi capita raramente di essere catturata in questo modo dalla narrazione. Vi ho trovato inoltre una buona cura e attenzione sufficiente per dettagli, personaggi e sottotrame ben dosate e non tralasciate.
    Tuttavia, qualche difetto questo romanzo ce l'ha. Il principale, secondo me, è l'etereogeneità tra le tre parti che lo compongono, che seguono tre vicende molto distinte, seppur nell'organicità collettiva della storia. La seconda in particolare l'ho trovata più coinvolgente e meglio costruita delle altre; purtroppo alla fine del romanzo trova solo una conclusione "indiretta" mentre avrei preferito qualche capitolo finale espressamente dedicato.
    Poi. Avrei voluto scrivere che nessuno scrive happy endings come Mitchell, me lo aspettavo ed ero pronta a leggerlo eppure questo finale mi è sembrato un po' costruito male. Insomma, da un certo punto in poi tutto inizia, quasi senza motivo, ad andare meravigliosamente bene però poi anche questo entusiasmo si smonta e lascia il posto ad una persistente malinconia nell'epilogo vero e proprio. E per quanto riguarda la vicenda, i cattivi vengono puniti, come ci si aspettava dall'inizio, ma non per questo i buoni vincono. Quasi un residuo amaro.
    Inoltre sono stata infastidita da quel voler tirare conclusioni "universali" sui personaggi, che andassero al di là della vicenda stessa, quando sarebbe bastato un finale più "ristretto" con venti pagine di meno.
    In ogni caso, trovare libri così belli è molto raro (a me almeno capita di rado...) perciò non posso che assegnargli le cinque stelline e consigliarne la lettura!
    p.s. Confermo i refusi a iosa nell'edizione italiana -.-

    said on 

  • 4

    Jacob De Zoet è un povero apprendista di bottega che abbandona la natia Zelanda, in pieno periodo illuminista, e si imbarca come funzionario della Compagnia delle Indie Orientali verso l'isola artificiale di Dejima, avamposto di collegamento con un Giappone in volontaria reclusione dal resto del ...continue

    Jacob De Zoet è un povero apprendista di bottega che abbandona la natia Zelanda, in pieno periodo illuminista, e si imbarca come funzionario della Compagnia delle Indie Orientali verso l'isola artificiale di Dejima, avamposto di collegamento con un Giappone in volontaria reclusione dal resto del mondo. Qui incontra una serie di affascinanti e discutibili personaggi, fra cui spicca fra tutti Aibagawa Orito, una giovane levatrice sfigurata in volto di cui Jacob si innamorerà di un amore tanto intenso quanto contrastato. Il talentuoso scrittore David Mitchell, dopo un romanzo complesso, frammentato e postmoderno come “L'atlante delle nuvole”, pubblicato nel 2006, abbandona la sperimentazione per concentrarsi su un genere, quello storico, molto più canonico e lineare. Il cambiamento però non sembra avere in alcun modo compromesso le chiari doti del giovane scrittore inglese. “I mille autunni di Jacob De Zoet” è infatti un affresco che, pur mantenendo la complessità stilistica delle sue opere precedenti, si rivela essere un romanzo solido e ricco di sottotrame interessanti, che riesce a sfruttare pienamente una ambientazione ed un periodo storico tanto affascinanti quanto misteriosi ed accattivanti.

    said on 

  • 5

    Mi sono commosso.

    Non solo per la bellezza della storia, e per il modo in cui Mr Mitchell scrive. Ma anche perche', dopo anni e anni, finalmente ho trovato un degno erede di James Clavell. The Thousand Autumns merita di stare a fianco di Gai-jin e a Shogun sullo scaffale. E il fatto che questo ...continue

    Non solo per la bellezza della storia, e per il modo in cui Mr Mitchell scrive. Ma anche perche', dopo anni e anni, finalmente ho trovato un degno erede di James Clavell. The Thousand Autumns merita di stare a fianco di Gai-jin e a Shogun sullo scaffale. E il fatto che questo sia un ebook non cambia niente - li sento che di notte si sussurrano fra di essi i racconti di quando Europa antica e Giappone antico si incontrano.

    Needless to say, vado subito a leggermi tutti gli altri romanzi di David Mitchell.

    said on 

  • 0

    --------------(以下是書中的錯誤,僅供參考)--------------
    (勘到50頁。)
    1.p26,line 7→可望而不及(?) 可望而不可即(?)
    2.p28,line 6→忝不知恥(X) 恬不知恥(O)
    3.p28,line 12→峰火(X) 烽火(O)
    4.p29,line 7→啾地一聲(X) 啾的一聲(O)
    5.p30,line 2→以茲懲罰(X) 以資懲罰(O)
    6.p36,last 2nd line→兇神惡剎(X) 兇神惡煞(O)
    7.p39,line 17→裂 ...continue

    --------------(以下是書中的錯誤,僅供參考)--------------
    (勘到50頁。)
    1.p26,line 7→可望而不及(?) 可望而不可即(?)
    2.p28,line 6→忝不知恥(X) 恬不知恥(O)
    3.p28,line 12→峰火(X) 烽火(O)
    4.p29,line 7→啾地一聲(X) 啾的一聲(O)
    5.p30,line 2→以茲懲罰(X) 以資懲罰(O)
    6.p36,last 2nd line→兇神惡剎(X) 兇神惡煞(O)
    7.p39,line 17→裂嘴而笑(X) 咧嘴而笑(O)
    8.p41,註10→第十四首相(X) 第十四位首相(O)
    9.p48,line 9→砰地一聲(X) 砰的一聲(O)
    10.p48,line 10→剛上碰上(?)

    said on 

Sorting by