Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The Uncommon Reader

By Alan Bennett

(59)

| Paperback | 9780312427641

Like The Uncommon Reader ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

From one of England's most celebrated writers, the author of the award-winning "The History Boys," a funny and superbly observed novella about the Queen of England and the subversive power of reading
When her corgis stray into a mobile library Continue

From one of England's most celebrated writers, the author of the award-winning "The History Boys," a funny and superbly observed novella about the Queen of England and the subversive power of reading
When her corgis stray into a mobile library parked near Buckingham Palace, the Queen feels duty-bound to borrow a book. Discovering the joy of reading widely (from J. R. Ackerley, Jean Genet, and Ivy Compton-Burnett to the classics) and intelligently, she finds that her view of the world changes dramatically. Abetted in her newfound obsession by Norman, a young man from the royal kitchens, the Queen comes to question the prescribed order of the world and loses patience with the routines of her role as monarch. Her new passion for reading initially alarms the palace staff and soon leads to surprising and very funny consequences for the country at large.

1058 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Finger food

    Queste cosine che scrive Bennet sono come il finger food: le hai finite prima di capire che gusto hanno.

    Is this helpful?

    Isabelle said on Aug 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Leggero e senza troppe pretese: ben scritto, si legge in poco tempo. Un metalibro gradevole laddove parla di altri libri e del potere della letteratura. Ho però trovato la storia poco credibile: immaginare la Regina d'Inghilterra che scopre la lettur ...(continue)

    Leggero e senza troppe pretese: ben scritto, si legge in poco tempo. Un metalibro gradevole laddove parla di altri libri e del potere della letteratura. Ho però trovato la storia poco credibile: immaginare la Regina d'Inghilterra che scopre la lettura (per giunta i classici!)solo all'età di ottant'anni mi pare del tutto inverosimile, così come il fatto che una donna che ha vissuto così da vicino le scelte politiche e sociali degli ultimi anni, abbia bisogno di leggere scrittori come Proust per iniziare ad interrogarsi sul suo ruolo e su cosa possa fare per lasciare un segno nella storia.
    In pratica una mezza delusione. Nonostante non mi aspettassi già in partenza grandi cose, avrei preferito una trama più solida...o semplicemente UNA trama

    Is this helpful?

    Dafne said on Aug 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Non si mette la vita nei libri. La si trova"

    Delusione. Per fortuna questo libro é inferiore alle 100 pagine, altrimenti non credo l'avrei finito. L'idea è buona ed accattivante, ma secondo me è sviluppata veramente male. È un libro che credo vorrebbe essere ironico, ma con scarsissimi risultat ...(continue)

    Delusione. Per fortuna questo libro é inferiore alle 100 pagine, altrimenti non credo l'avrei finito. L'idea è buona ed accattivante, ma secondo me è sviluppata veramente male. È un libro che credo vorrebbe essere ironico, ma con scarsissimi risultati (o magari sono io che non l'ho capito).

    Is this helpful?

    Ari said on Aug 5, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    "Passare il tempo?» esclamò la regina. «I libri non sono un passatempo. Parlano di altre vite. Di altri mondi. Altro che far passare il tempo, Sir Kevin; non so cosa darei per averne di più. Per passare il tempo si può sempre andare in Nuova Zelanda» ...(continue)

    "Passare il tempo?» esclamò la regina. «I libri non sono un passatempo. Parlano di altre vite. Di altri mondi. Altro che far passare il tempo, Sir Kevin; non so cosa darei per averne di più. Per passare il tempo si può sempre andare in Nuova Zelanda».

    Un giorno, all'ora del tè, stava leggendo Henry James quando sbottò: «E muoviti».

    e se si annoiava c'era sempre Trollope a portata di mano."

    Non è geniale????

    Is this helpful?

    LauraT said on Aug 1, 2014 | 2 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    Veloce e leggero. Che bella la figura di questa regina lettrice, osteggiata dai suoi collaboratori, che nasconde i libri in borsetta e parla di letteratura durante le visite ufficiali :D

    Is this helpful?

    lupurk said on Jul 23, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Ho iniziato questo libro per due motivi: primo, le recensioni entusiastiche che riceveva, non ce n'era una che dicesse "No, non leggetelo". Secondo, il mio enorme interesse per la monarchia britannica e, soprattutto, per quella straordinaria figura d ...(continue)

    Ho iniziato questo libro per due motivi: primo, le recensioni entusiastiche che riceveva, non ce n'era una che dicesse "No, non leggetelo". Secondo, il mio enorme interesse per la monarchia britannica e, soprattutto, per quella straordinaria figura di donna che é la Regina Elisabetta.
    L'ho iniziato e finito una sera in spiaggia, pur essendo un romanzo breve le sue pagine le ha e io le ho divorate.
    Divertente, ironico, intelligente, una storia nuova e uno spunto molto carino. La storia parte dalla scoperta di Sua Maestà della presenza di una biblioteca circolante nel cortile del Palazzo. Per educazione, decide di prendere un libro. Legge, ma non lo fa per passione ma per dovere. Invece, a quel primo libro ne seguiranno molti altri e la Regina noterà lei stessa in sé un cambiamento; é più ricettiva nei confronti degli altri, meno attenta alle sottigliezze del suo lavoro ma di più riguardo alle cose che dice e a come lo dice.
    Intanto, intorno a lei anche il mondo cambia: i suoi servitori pensano sia dovuto alla demenza senile, il duca suo marito ne é quasi infastidito mentre gli altri familiari sono contenti di venire lasciati un po' più in pace. Anche i corgi, i cagnolini della Regina, patiscono il fatto che la loro padrona li segue di meno e iniziano a distruggere ogni libro che capita loro a tiro.
    Infine, da lettrice ormai esperta, la Regina si rende conto che qualcosa deve cambiare, e un grande cambiamento c'é in serbo per lei...
    Un libro molto intelligente, un racconto su come la lettura influisca anche su una delle donne più potenti del mondo.
    Consigliatissimo, anche per la scrittura del signor Bennett, creatore di tanti spunti di riflessione e di citazioni da estrapolare.

    Is this helpful?

    Hella said on Jul 18, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Collection with this book