Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Uncommon Reader

By

Publisher: Farrar Straus Giroux

3.9
(4579)

Language:English | Number of Pages: 120 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , Portuguese , German , Chi traditional , French , Catalan , Swedish , Chi simplified , Galego

Isbn-10: 0374280967 | Isbn-13: 9780374280963 | Publish date: 

Also available as: Audio CD , Paperback , eBook

Category: Fiction & Literature , History , Humor

Do you like The Uncommon Reader ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
From the author of The History Boys and The Clothes They Stood Up In

A deliciously funny novella that celebrates the pleasure of reading. When the Queen in pursuit of her wandering corgis stumbles upon a mobile library she feels duty bound to borrow a book. Aided by Norman, a young man from the palace kitchen who frequents the library, Bennett describes the Queen’s transformation as she discovers the liberating pleasures of the written word. With the poignant and mischievous wit of The History Boys, England’s best loved author revels in the power of literature to change even the most uncommon reader’s life.
Sorting by
  • 2

    Bah. Ci ho mica trovato alcunché di particolarmente originale, sagace o divertente, in questo libretto.
    Giunta al terzo tentativo fallito, posso ben dirlo finalmente: ciao Alan Bennett, ciao. ...continue

    Bah. Ci ho mica trovato alcunché di particolarmente originale, sagace o divertente, in questo libretto.
    Giunta al terzo tentativo fallito, posso ben dirlo finalmente: ciao Alan Bennett, ciao.

    said on 

  • 4

    Mi sono ritrovata anch'io, come la "regina" a trovare odioso qualche impegno a causa della fretta di correre a immergermi nei miei amati libri. Non ho mai provato invece la voglia di scrivere perchè n ...continue

    Mi sono ritrovata anch'io, come la "regina" a trovare odioso qualche impegno a causa della fretta di correre a immergermi nei miei amati libri. Non ho mai provato invece la voglia di scrivere perchè non l'ho mai considerato, come pensa invece la protagonista, che possa essere una naturale conseguenza delle tante letture. Divertente la voce della sovrana che parla di se stessa con il "noi"

    said on 

  • 4

    Riaccese la luce, prese il taccuino e annotò: «Non si mette la vita nei libri. La si trova».

    Libriccino molto breve e carino, divertente e con interessanti spunti sulla lettura.
    Qua e là ho trovato frasi azzeccate che sarebbero da stampare e incorniciare!

    said on 

  • 4

    Finalmente ho trovato il “mio” Bennett! Avevo già letto Nudi e crudi e, ancora prima, La cerimonia del massaggio, ma nessuno dei due libri mi aveva particolarmente colpito. Qui ho trovato il Bennett d ...continue

    Finalmente ho trovato il “mio” Bennett! Avevo già letto Nudi e crudi e, ancora prima, La cerimonia del massaggio, ma nessuno dei due libri mi aveva particolarmente colpito. Qui ho trovato il Bennett di cui tutti parlavano: divertente, arguto, senza però mai scendere nella volgarità e senza mancare di rispetto verso una figura così autorevole quale la regina d’Inghilterra.
    La vicenda è (purtroppo) assai improbabile. Però è vero che la lettura rende migliori, non solo a livello culturale, ma anche personale ed emozionale, perché spinge il lettore ad immedesimarsi e quindi lo “allena” ad empatizzare.
    Molto, molto carino.

    said on 

  • 5

    Si legge velocemente, perché lo stile è molto scorrevole. È un invito alla lettura, a qualsiasi età, una promessa che i libri possono aprire dei mondi infiniti, anche per chi ha girato il mondo e cono ...continue

    Si legge velocemente, perché lo stile è molto scorrevole. È un invito alla lettura, a qualsiasi età, una promessa che i libri possono aprire dei mondi infiniti, anche per chi ha girato il mondo e conosciuto tantissime persone. Ottima l'idea di utilizzare come lettrice neofita la Regina d'Inghilterra, che oltre ad essere una delle persone più importanti del pianeta, ha anche una certa età. Davvero un bel libro, da leggere assolutamente!

    said on 

  • 4

    Quando arrivarono a palazzo la regina interpellò Grant, un giovane valletto che aveva seguito la parata, e venne a sapere che mentre Sua Maestà era alla Camera dei Lord la sicurezza aveva sguinzagliat ...continue

    Quando arrivarono a palazzo la regina interpellò Grant, un giovane valletto che aveva seguito la parata, e venne a sapere che mentre Sua Maestà era alla Camera dei Lord la sicurezza aveva sguinzagliato i cani poliziotto e le aveva confiscato il libro. Grant riteneva che l'avessero fatto esplodere. "Esplodere?" disse la Regina "ma era Anita Brookner!" Il giovane, decisamente poco ossequioso, disse che magari la sicurezza l'aveva scambiato per un ordigno. E la regina: "Ma certamente. Perché lo è. Un libro è un ordigno per infiammare l'immaginazione."

    said on 

Sorting by
Sorting by