Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Virgin's Lover

By

Publisher: HarperCollins Publishers

3.5
(408)

Language:English | Number of Pages: 400 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 0007147309 | Isbn-13: 9780007147304 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio CD , Audio Cassette , Others , eBook , Softcover and Stapled

Category: Fiction & Literature , History , Romance

Do you like The Virgin's Lover ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sumptuous historical novel from bestselling author of THE OTHER BOLEYN GIRL and THE QUEEN'S FOOL Elizabeth I has acceded to the throne of England, a position she has waited and schemed for all her life. She is surrounded by advisers, all convinced that they know what would be best for the country and certain that a young woman cannot form political judgements. Elizabeth feels that she can rely on just one man: her oldest friend, Robert Dudley. It is soon plain that he is more than merely a friend. In a house in the countryside waits a very different woman, Amy Robsart -- Robert's wife. She has no taste for life at court and longs for the day when her husband will return home and attend to his family. She has loved him since she was a girl, but now they are adults she hardly sees him. Meanwhile, the pressure grows for Elizabeth to marry, for it is unthinkable that a queen should rule on her own. Elizabeth's preference is clear, but he is unavailable. But what if the unthinkable were to happen...Philippa Gregory blends passion, personalities and politics in this stunning novel of the Tudor court and a country divided.
Sorting by
  • 4

    Elisabetta

    Ho gradito questo libro più degli altri due precedenti. Sebbene non sia paragonabile a l 'altra donna del re, della stessa autrice, devo dire che la storia della regina Elisabetta e di Robert Dudley mi ha affascinata. Gli intrighi a corte e il carattere di Elisabetta sono interessanti. Parimenti ...continue

    Ho gradito questo libro più degli altri due precedenti. Sebbene non sia paragonabile a l 'altra donna del re, della stessa autrice, devo dire che la storia della regina Elisabetta e di Robert Dudley mi ha affascinata. Gli intrighi a corte e il carattere di Elisabetta sono interessanti. Parimenti, la devozione di Amy e la sua storia mostrano un lato diverso degli accadimenti. Consigliato? Si.

    said on 

  • 3

    Bha. Si fa leggere di certo bene, ma ho trovato la storia un po' "insulsa", o meglio, definire Elisabetta I la più grande regina di Inghilterra della storia, e poi farla diventar matta per un amante, tanto da farle quasi perdere il regno, mi è sembrato un po' assurdo. Robert sarà pure stato bravo ...continue

    Bha. Si fa leggere di certo bene, ma ho trovato la storia un po' "insulsa", o meglio, definire Elisabetta I la più grande regina di Inghilterra della storia, e poi farla diventar matta per un amante, tanto da farle quasi perdere il regno, mi è sembrato un po' assurdo. Robert sarà pure stato bravo nell'intimità, ma da qui, a perdere la ragione...

    said on 

  • 4

    4 con riserva...

    la storia dei Tudor è assolutamente affasCinante... Elisabetta I un mito, una donna che non si accontenta e che mette da parte se stessa per il suo regno.
    Non ho capito la scelta della scrittrice di fare anche il punto di vista di Amy. Lo so poveretta è la sfortunata del triangolo...ma perc ...continue

    la storia dei Tudor è assolutamente affasCinante... Elisabetta I un mito, una donna che non si accontenta e che mette da parte se stessa per il suo regno.
    Non ho capito la scelta della scrittrice di fare anche il punto di vista di Amy. Lo so poveretta è la sfortunata del triangolo...ma perché buttarle addosso tanta pietà? Magari nella realtà non se ne fregava niente del marito...essendo un matrimonio combinato (nella realtà non nel libro). Quelle parti le ho trovate un po' noiose.
    Comunque credo che Robbie&Bessie si amassero davvero tanto.

    said on 

  • 3

    Non mi è dispiaciuto ma è uno di quei libri che non lasciano nulla alla fine, se non una certa tristezza.

    E' pieno di errori di battitura!!

    said on 

  • 4

    Fantastico!
    Nella pagine della Gregory rivive l'ardente storia d'amore fra Elisabetta I e il suo maestro di stalla/ amico di infanzia Robert Dudley .

    La Gregory riesce a creare atmosfere che catturano il lettore senza perdersi in descrizioni troppo lunghe e superflue riuscendo con p ...continue

    Fantastico!
    Nella pagine della Gregory rivive l'ardente storia d'amore fra Elisabetta I e il suo maestro di stalla/ amico di infanzia Robert Dudley .

    La Gregory riesce a creare atmosfere che catturano il lettore senza perdersi in descrizioni troppo lunghe e superflue riuscendo con pochi,ma sapienti tocchi, a delineare i personaggi e i luoghi in maniera splendida. Anche le figure più marginali sono descritte , con poco, in maniera da comprenderne il carattere e la psicologia.

    Un libro da leggere con calma e muniti di una matita,perchè di frasi che colpiscono e vanno la pena di essere appuntate il libro ne è pieno .

    Elisabetta Tudor,dopo la morte della sorella, diviene regina di un Inghilterra divisa e ricca di lotte interne. La sola cosa che può mettere al sicuro il suo trono è sposarsi ed avere un erede.

    Ma Elisabetta non ne vuole sapere nonostante i continui sforzi del suo consigliere Cecil che risulta essere una figura interessante e principale nella trama delle vicende che poi verranno a svilupparsi.

    In più, Elisabetta riporta a corte il suo amico di infanzia ,Robert Dudley, ambizioso e seduttore, e in breve ne diventa amante.

    In Inghilterra scoppia lo scandalo: Robert è sposato e Amy, è una donna fedele e rispettosa, una moglie amorevole e gentile, una consorte che nessun uomo si sognerebbe di mettere da parte.

    Ma Robert ha occhi solo per Elisabetta che, inesperta ed innamorata, si lascia anche comandare dal suo amante che ormai , ambisce al trono come principe consorte di Inghilterra.

    Cecil cerca in tutti i modi di convincere la giovane ad assicurare un futuro all'Inghilterra e dedicarsi a questioni ben più serie ma Elisabetta sembra non capire fin quando lei stessa si rende conto di dover scegliere fra le due cose che più ama e ha desiderato nell'arco della sua giovane vita : Robert e il trono.

    La scelta non sarà facile e le conseguenze drammatiche ....

    said on 

  • 4

    Voto 3.5/4

    Il libro non mi è dispiaciuto, ma non è al livello dei primi due.

    La storia racconta l'intreccio amoroso tra Elisabetta, Robert Dudley e la moglie Amy.
    I personaggi per quanto siano caratterizzati molto bene, hanno sfacettature negative: Elisabetta è una regina che non può regnare se ...continue

    Il libro non mi è dispiaciuto, ma non è al livello dei primi due.

    La storia racconta l'intreccio amoroso tra Elisabetta, Robert Dudley e la moglie Amy.
    I personaggi per quanto siano caratterizzati molto bene, hanno sfacettature negative: Elisabetta è una regina che non può regnare senza i suoi consiglieri, non prende mai in mano la situazione e si fa aggirare da chiunque le si trovi attorno, accecata dall'amore per Robert non riesce a staccarsene volontariamente e subisce tutte le sue decisioni, passanto per una prostituta che ha come amante un uomo sposato; Robert, molto ambizioso, porta all'esasperazione con i suoi piani e sotterfugi, troppo altezzoso e sicuro di sè si crede invincibile e ormai il futuro re d'Inghilterra; Amy, la moglie tradita e disonorata, è talmente innamorata/ossessionata dal marito che sembra accettare tutto ciò che le succede, raramente viene fatta rinsavire, ma sempre troppo tardi, per poi tornare ad essere quella donna debole, appiciccosa e smielosa che purtroppo è.
    Cecil, il consigliere e amico della regina è il personaggio con più rilevanza caratteriale; l'unico che farebbe di tutto non per la corona ma per l'Inghilterra, con un forte patriottismo e forza di carattere riesce a salvare il suo paese dalla guerra, e quella che sembra essere la fine della regina, non in modo propriamente morale ma a quei tempi la linea tra moralità e immoralità credo sia stata molto sottile.

    Nessuno saprà mai davvero cos'è successo a Amy, ma di sicuro sappiamo che Elisabetta e Robert hanno vissuto un intenso periodo ad amarsi ed essere felici.

    Infine, un libro romanzato ma con una buona dose di storia; ma non ai livelli dei due precedenti.

    said on 

  • 3

    E' una lettura leggera, molto scorrevole, ma che non cattura particolarmente il lettore. Lo spunto è - secondo me - sicuramente interessantissimo: il contesto storico dei primi anni di regno della regina Elisabetta; l'esplorazione delle difficoltà nel conquistare e poi mantenere il trono - soprat ...continue

    E' una lettura leggera, molto scorrevole, ma che non cattura particolarmente il lettore. Lo spunto è - secondo me - sicuramente interessantissimo: il contesto storico dei primi anni di regno della regina Elisabetta; l'esplorazione delle difficoltà nel conquistare e poi mantenere il trono - soprattutto con l'incombenza di una guerra con la Scozia e l'alleato francese - di una giovane regina, che ha dovuto lottare durante tutta la propria infanzia e gioventù per mantenere salva la vita; l'intreccio amoroso con un giovane Dudley innamorato e ambizioso, ma soprattutto reso debole da un'eredità fatta di "giochi" pericolosi a corte, talmente pericolosi da mandare suo padre al patibolo, espropriando tutta la sua famiglia in quanto dichiarati traditori della corona.
    Come ho detto, quindi, si sarebbe potuto trattare di un romanzo molto particolareggiato e valido per comprendere e partecipare alle difficoltà che si affrontano nel governare un Paese in un periodo in cui le casse dello Stato sono vuote, la moneta ha perso pericolosamente valore e la fiducia verso la corona è molto bassa; tanto più se a salire al trono non è un uomo, che avrebbe dato una certa sicurezza, ma una donna sola – e quindi ritenuta incapace di prendere decisioni importanti - , criticata da molti, molto giovane e non sposata. Il tutto sarebbe stato reso ancora più interessante dalla consapevolezza del lettore che si stava parlando della regina che sarebbe diventata la più amata dagli Inglesi e, probabilmente, una delle regine più apprezzate d’Europa, la regina dell’Età dell’oro inglese.
    Purtroppo già dal titolo bisognava immaginare che tutta la trama sarebbe ruotata attorno alla figura di Robert Dudley in quanto “amante” e non molto di più. L’intreccio è buono, ma la continua interruzione dei paragrafi fa perdere talvolta il filo del discorso. Lo sviluppo della trama, inoltre, è abbastanza superficiale: la politica fa solo da sfondo alla storia d’amore tra la regina e Robert, come se servisse solo a spiegare il motivo per cui non hanno potuto vivere felici insieme. Anche le scene d’amore sono un po’ banali e , devo dire, a volte anche un po’ ridicole. Per esempio fatico a credere che la grande regina Elisabetta, sebbene ancora giovane e innamorata, lasciasse le sorti del suo regno in mano al fato solamente per soddisfare un suo desiderio sessuale, nonché capriccio di gelosia (come accade nell’ultima notte trascorsa in compagnia di Dudley).
    Ciò non toglie che la scrittrice ha reso bene l’angoscia di Amy, la moglie di Robert, e molto bene quel misto di tristezza, rabbia e incredulità che si impossessa di Dudley alla fine del romanzo: a me è sembrato di vivere quella situazione orribile insieme a lui.
    Mi ha delusa moltissimo, però, il finale: viene lasciato praticamente inconcluso, non in sospeso. Lasciarlo in sospeso avrebbe voluto dire mettere il lettore di fronte all’ultima grande emozione del romanzo, cioè la reazione di Dudley di fronte alla scoperta della verità. Invece tutto finisce con qualche banale battuta tra Cecil (il consigliere di Elisabetta) e Dudley, come se si trattasse di una conversazione senza troppo valore, una delle tante, quando invece è “la conversazione” per eccellenza, dal momento che Dudley arriva finalmente a rendersi conto di...non posso dirlo, senò svelo il finale!

    said on 

Sorting by