Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Way of Kings

(Stormlight Archive, Book 1)

By

Publisher: Tor Books

4.5
(550)

Language:English | Number of Pages: 1008 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , Chi traditional

Isbn-10: 0765326353 | Isbn-13: 9780765326355 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Mass Market Paperback , Softcover and Stapled , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Way of Kings ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A new epic fantasy series from the New York Times bestselling author chosen to complete Robert Jordan’s The Wheel of Time® Series.
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    “What does the story mean then?”
    “It means what you want it to mean”, said Hoid. “The purpose of a storyteller is not to tell you how to think, but to give you questions to think upon.”

    Usually, I am ...continue

    “What does the story mean then?”
    “It means what you want it to mean”, said Hoid. “The purpose of a storyteller is not to tell you how to think, but to give you questions to think upon.”

    Usually, I am not a quick reader. Since I easily get tired after one hour of reading, it takes me more or less a week to finish a 300/400 pages book. Yes, I can be done with a book in less time, but that rarely happens and when it does it’s usually due to the fact that a) I’ve loved the book so much I couldn’t put it down or b) the book had less than 250 pages.

    The Way of Kings is, actually, quite a chunky book—1007 pages! According to what I’ve just written, I should have been able to finish this book in a month or so. Still, I managed to read it in two weeks. So, as you can probably figure out, I must have really, really enjoyed it—and, in fact, I enjoyed it so much I literally flew through it and every time I picked it up I had to make myself put it down because I needed to do other things.

    I very much like the stories Brandon Sanderson tells and the way he tells them—the reader just gets involved into the story so much that he feels like he’s part of it. Or, at least, that’s what happens to me every time I read one of BS books. I also really liked the characters, who are complex and well written—well, some of them are.

    The most interesting and well written characters are Jasnah and Dalinar.

    Jasnah is the sister of the King of Alethkar. She’s a very intelligent woman – in fact she’s a leading scholar – but she’s also strong and independent. She’s portrayed as a strict woman that doesn’t easily forgive one’s mistake, but she’s actually not as strict as she wants others to believe her. I really liked the fact that, at the end, she forgives Shallan for stealing her fake fabrial and keeps her as her ward.

    Dalinar is one of the Highprinces who are fighting in the Shattered Plains. He’s also the King and Jasnah’s uncle. What I liked about him is the fact that he’s the only one among the Highprinces who is a man of honour and who doesn’t see the war as a competition between the Highprinces, but as the way to honour the Vengeance Pact and avenge his brother’s death—which is also the reason why the Highprinces declared war to the Parshendi in the first place. I also particularly enjoyed the fact that, at the end of the book, Dalinar gives his Shardblade to Highprince Sadeas to save the lives of Kaladin and his men.

    Another character that I’m very curious about is Szeth. I’m very interested in his background story but also in what will happen now that his path is going to cross both Jasnah’s and Dalinar’s. What the heck will happen now that he has the order to kill Dalinar? I mean, Dalinar has given away his Shardblade! I need to read Words of Radiance ASAP.

    Two characters I had some difficulties liking were instead Shallan and Kaladin.

    Shallan. What can I say about her? I think her background story was very interesting and I would have liked her more if she could have been able to hold her tongue now and then. I mean, was it really necessary to make all those comments that should have been ironic and funny when, in reality, they were not? All the time, she goes like:

    “Well,” Shallan said to the captain, blushing but still eager to speak, “I was just thinking this: You say that my beauty coaxed the winds to deliver us to Kharbranth with haste. But wouldn’t that simply imply that on other trips, my lack of beauty was to blame for us arriving late?”
    “Well... er...”
    “So in reality,” Shallan said, “you’re telling me I’m beautiful precisely one–sixth of the time.”
    “Nonsense! Young miss, you’re like a morning sunrise, you are!”
    “Like a sunrise? By that you mean entirely too crimson”—she pulled at her long red hair—“and prone to making men grouchy when they see me?”
    He laughed, and several of the sailors nearby joined in. “All right then,” Captain Tozbek said, “you’re like a flower.”
    She grimaced. “I’m allergic to flowers.”

    Seriously, she was one of the most irritating characters of the book. Still, I somehow enjoyed her chapters and I am very glad she’ll continue to be Jasnah’s ward because I am so very very very interested in all this Voidbringers mystery and I need to read book two sooner than ASAP!!!

    ALSO I am very proud of myself because I understood that she was the one who killed her father. Like I knew it from the very first time she said she had to deal with her guilt. And this is another reason why I'm glad she's staying because I need to find out more about this!

    Kaladin. I did like him, eventually. I liked the fact that, after losing his entire family and all the men in his troop, he keeps going and keeps caring about and helping everyone that's suffering. Still, he gave me the idea of the stereotyped hero who can do anything and that's the reason why I had trouble connecting with him. I'm interested in seeing how his story goes on, though, especially now that he's in the Cobalt Guard, and I really hope I'll be able to connect with him more in the next book.

    said on 

  • 4

    world building di ampio respiro

    In questo romanzo Sanderson porta a compimento (o forse all'estremo) le idee che erano in nuce in precedenti opere come the warbreaker e la trilogia mistborn sul worl-building e caratterizzazione "pro ...continue

    In questo romanzo Sanderson porta a compimento (o forse all'estremo) le idee che erano in nuce in precedenti opere come the warbreaker e la trilogia mistborn sul worl-building e caratterizzazione "profonda" della magia dal punto di vista narrativo. Il respiro dell'opera e' ampio (tanti personaggi, tanti punti di vista differenti, non sempre immediatamente accessibili) e il risultato e' di sicuro valore. Il difetto principale e' quello di essere solo il primo capitolo di una lunga saga e la storia non e' per niente autoconclusiva, in questo senso chiede al lettore molta fiducia che l'autore la portera' a termine con soddisfazione: ma stiamo parlando di aspettare una ventina d'anni, ha davvero senso? Se siete fanatici dello scoprire come va a finire, consiglio di starne lontani.

    said on 

  • 4

    4 stelle e mezzo

    Commento solo la qualità della versione e-book: le immagini sono leggibili più del solito (sicuramente su un tablet ancora meglio), ma ci sono numerosi refusi, incluse almeno un paio di inversioni dei ...continue

    Commento solo la qualità della versione e-book: le immagini sono leggibili più del solito (sicuramente su un tablet ancora meglio), ma ci sono numerosi refusi, incluse almeno un paio di inversioni dei nomi dei personaggi, che non so se siano presenti in tutte le edizioni. Di sicuro in quella per Kindle.

    said on 

  • 4

    7/10

    Regalo mezza stellina perché non voglio inserirlo nello stesso scaffale di romanzi oggettivamente più brutti di lui, anche se solitamente i romanzi a cui do quattro stelle mi coinvolgono più di quanto ...continue

    Regalo mezza stellina perché non voglio inserirlo nello stesso scaffale di romanzi oggettivamente più brutti di lui, anche se solitamente i romanzi a cui do quattro stelle mi coinvolgono più di quanto abbia fatto questo. L'ambientazione (eccezion fatta per gli spren, che sinceramente mi puzzano di Winx lontano un miglio) è sia interessante e originale che ben costruita, e non è facile trovare entrambe queste cose; è di sicuro il punto di forza di questo romanzo, perché a ben guardare in ottocento pagine c'è gente che ha inserito intere trilogie, mentre di fatto Sanderson è riuscito appena appena a infilarci un prologo, per la quantità di cose che succedono e per la rilevanza che hanno sull'andamento della storia nel suo complesso. I personaggi di per sé sono "meh", anzi, da circa metà romanzo in poi quando il punto di vista passava a Kaladin ero tentata di saltare i suoi capitoli e proseguire con quelli degli altri.

    said on 

  • 5

    Dopo avere concluso La ruota del tempo di Jordan il buon Sanderson decide di scrivere la sua ruota e il primo volume trasuda fascino ed epicità. L'inizio è un po' complicato per l'ambientazione aliena ...continue

    Dopo avere concluso La ruota del tempo di Jordan il buon Sanderson decide di scrivere la sua ruota e il primo volume trasuda fascino ed epicità. L'inizio è un po' complicato per l'ambientazione aliena ma in poco tempo ci si immerge nella storia e si assimilano i piccoli accorgimenti per seguire il contesto anche se a fine libro sono ancora molti i misteri irrisolti

    said on 

  • 5

    ......figli di Mistborn.....

    Non è un libro per tutti, se non avete ancora letto Sanderson consiglio caldamente di cominciare con la trilogia dei Mistborn, l'inizio come tutte le sue opere è lento e difficoltoso , ma poi va tutt ...continue

    Non è un libro per tutti, se non avete ancora letto Sanderson consiglio caldamente di cominciare con la trilogia dei Mistborn, l'inizio come tutte le sue opere è lento e difficoltoso , ma poi va tutto in discesa, perciò non vi fate spaventare dalla mole massiccia e andate avanti fiduciosi, scoprirete un mondo tutto nuovo !!

    said on 

  • 5

    C'è un nuovo sceriffo in città!

    Eccellente, epico, con un ottimo ritmo nonostante la mole, Sanderson mostra i muscoli con un opera portentosa in ogni aspetto.
    Splendida ambientazione, culture e società tratteggiate con maestria, una ...continue

    Eccellente, epico, con un ottimo ritmo nonostante la mole, Sanderson mostra i muscoli con un opera portentosa in ogni aspetto.
    Splendida ambientazione, culture e società tratteggiate con maestria, una vera ventata di aria fresca che rivitalizza il genere.
    Ottimi personaggi, ben caratterizzati, profondi, credibili, empatici.
    Azione adrenalinica, (il 1° capitolo da solo, vale il prezzo del romanzo), scontri campali, sistema magico profondo ed accurato, armi magiche avvincenti e tanta epicità.
    Di carne al fuoco non ne manca ne per quantità ne per qualità, qualsiasi cosa stiate cercando in un fantasy, ne "La via dei re" la troverete!

    said on 

  • 5

    un fantasy eccellente, capace di rilanciare l'intero settore!

    recensione completa su:

    http://evasioneletteraria.blogspot.it/2014/08/ebook-la-via-dei-re-brandon-sanderson.html

    said on 

  • 4

    Lunghissima l'attesa per leggere questo libro in ebook, ma quando stavo per perdere le speranze e acquistarlo in lingua originale, Fanucci finalmente si è decisa.
    Iniziando la lettura, fin da subito s ...continue

    Lunghissima l'attesa per leggere questo libro in ebook, ma quando stavo per perdere le speranze e acquistarlo in lingua originale, Fanucci finalmente si è decisa.
    Iniziando la lettura, fin da subito si percepisce che l'autore ha creato un mondo *davvero* originale e complesso, le prime pagine sono tra le più evocative della letteratura fantasy. E poi...
    E poi si arranca. I protagonisti sono introdotti in maniera molto graduale (d'accordo, se l'intera vicenda andrà avanti per 10.000 pagine è *quasi* perdonabile) e forse un po' ripetitiva, ma quello che ho trovato più fastidioso è che quasi tutti i personaggi sono tagliati con l'accetta: nobili e con un forte senso dell'onore oppure negativi senza speranza di redenzione. Per centinaia (lo voglio ripetere: centinaia) di pagine nessuna sorpresa, qualche sbadiglio e persino una punta di iperglicemia. Tanto che stavo per lasciarlo perdere, questo libro, anche se dopo mesi di attesa la cosa mi avrebbe fatto rodere il fegato.
    E quindi ho resistito. Dalla metà in poi, in effetti, inizia a muoversi qualcosa, ma bisogna aspettare il 70% circa del libro (che su un volume di più di 1000 pagine vuol dire tante, forse troppe) per sentirsi davvero coinvolti.
    Il finale (in senso lato, visto che parliamo di decine e decine di pagine) è col botto, ma ci si rende subito conto che quella che viene inanellata non è una serie di colpi di scena - o meglio, non solo - ma una ventaglio di promesse. Speriamo vengano mantenute.
    Un'ultima nota sulla traduzione: non è all'altezza. Non dell'originale, ma della lingua italiana: espressioni tradotte letteralmente che in traduzione perdono del tutto significato, ausiliari un po' zoppicanti... Chi può legga in inglese. Io di certo leggerò *Words of Radiance* e non *Parole di Luce*.

    Voto: 8/10

    said on 

  • 5

    Bello, bello, bello!
    Inizia piano, ma poi ti accorgi di trovarti in un mondo assolutamente originale e complesso ma, nel limite del fantasy, plausibile.
    Il romanzo è raccontato attraverso tre (e mezzo ...continue

    Bello, bello, bello!
    Inizia piano, ma poi ti accorgi di trovarti in un mondo assolutamente originale e complesso ma, nel limite del fantasy, plausibile.
    Il romanzo è raccontato attraverso tre (e mezzo) punti di vista, con la parte di Kaladin una spanna sopra le altre.

    said on 

Sorting by