Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Wisdom of Crowds

Why the Many are Smarter Than the Few and How Collective Wisdom Shapes Business, Economics, Society and Nations

By

Publisher: Little, Brown Book Group

4.1
(88)

Language:English | Number of Pages: 320 | Format: Paperback

Isbn-10: 0349116059 | Isbn-13: 9780349116051 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , eBook

Category: Non-fiction , Science Fiction & Fantasy , Social Science

Do you like The Wisdom of Crowds ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In this landmark work, NEW YORKER columnist James Surowiecki explores a seemingly counter-intuitive idea that has profound implications. Decisions taken by a large group, even if the individuals within the group aren't smart, are always better than decisions made by small numbers of 'experts'. This seemingly simply notion has endless and major ramifications for how businesses operate, how knowledge is advanced, how economies are (or should be) organised and how nation-states fare. With great erudition, Surowiecki ranges across the disciplines of psychology, economics, statistics and history to show just how this principle operates in the real world. Along the way Surowiecki asks a number of intriguing questions about a subject few of us actually understand - economics. What are prices? How does money work? Why do we have corporations? Does advertising work? His answers, rendered in a delightfully clear prose, demystify daunting prospects. As Surowiecki writes: 'The hero of this book is, in a curious sense, an idea, a hero whose story ends up shedding dramatic new light on the landscapes of business, politics and society'.
Sorting by
  • 4

    An easy-to-read and though-provoking book about collective intelligent. It stresses, provided the crowd is independent and diversified, that the crowd can deduce better decision than the average individual.


    The concept is similar to the one proposed in another book, The Starfish and the S ...continue

    An easy-to-read and though-provoking book about collective intelligent. It stresses, provided the crowd is independent and diversified, that the crowd can deduce better decision than the average individual.

    The concept is similar to the one proposed in another book, The Starfish and the Spider. The catch is that when there are too many people buying the same argument/decision, it creates the social interdependence that breaks the accuarcy of this theory.

    Why? One reason is the so called social proof. When the number of people in the bandwagon increase, the more general public it will attract, the less diverisified the group may become. Another point is called Infotmation Cascade. A few first-tryer may influence the public to a good or bad bandwagon. This is similar to the epidemics as mentioned in Tipping Point (mavens, connectors, salemen). Sometimes imatation is good, only if poeple do not follow mindlessly.

    To have a good balance, there ought to be an effective means for individual contribution be made known at the global level. Or else the crowd are not aware of it and cannot collectively decide whether it is good or not.

    Comparatively, the first half of the book on the basic advocation of crowd intelligent is more interesting than the second half on case study. Despite of this, this book gives fair perspective on different sides of the coins. It worths the time.

    said on 

  • 0

    Ho letto La saggezza della folla (The Wisdom of Crowds)

    A) Se doveste incontrare una persona a New York, dove andreste?


    B) Se sapeste il luogo dell’appuntamento, ma non l’orario, a che ora ci andreste?


    C) Chi ha scoperto la causa della Sars?


    D) Perché i migliori amministratori delegati costruiscono sempre una squadra?


    E) I ...continue

    A) Se doveste incontrare una persona a New York, dove andreste?

    B) Se sapeste il luogo dell’appuntamento, ma non l’orario, a che ora ci andreste?

    C) Chi ha scoperto la causa della Sars?

    D) Perché i migliori amministratori delegati costruiscono sempre una squadra?

    E) I cittadini comuni – disponendo delle informazioni necessarie e potendone discuterne tra loro – potrebbero essere in grado di capire situazioni complesse e prendere decisioni al riguardo?

    F) Dando per scontato che è impossibile sapere dove siano le informazioni più utili alla risoluzione di un dato problema, è più utile selezionare gli esperti giusti o gettare reti più ampie possibili?

    G) La natura di internet e di alcune sue realtà come Wikipedia o Google, non sono forse la dimostrazione continua che un sistema può funzionare bene senza bisogno di qualcuno che dia ordini?

    Risposte:

    A) – La maggior parte delle persone cui è stata posta questa domanda ha risposto: Grand Central Station B) – La maggior parte delle persone cui è stata posta questa domanda ha risposto: mezzogiorno C) – E’ stato il frutto del lavoro di 11 centri di ricerca internazionali coordinati dall’Oms, che hanno collaborato senza che nessuno dirigesse la ricerca D) Perché “in situazioni di incertezza, il giudizio collettivo di un gruppo di dirigenti batterà sempre quello del singolo dirigente più in gamba” E) Assolutamente sì. Disse Thomas Jefferson: “Se presentate un quesito morale a un contadino e a un professore, il primo lo risolverà altrettanto bene e spesso meglio del secondo, perché non si lascerà sviare da regole artificiali” F) Naturalmente, gettare reti più ampie possibili. La corsa all’esperto è una strategia dagli esiti sempre piuttosto improbabili G) Lo è. In effetti l’etica della rete rispetta la saggezza collettiva ed è ostile all’idea che il potere e l’autorità debbano rimanere nelle mani di pochi

    Il libro in una frase:

    "Diversità e indipendenza. Qualsiasi gruppo con queste caratteristiche può definire qualsiasi strategia e prendere qualsiasi decisione, come e meglio di qualsiasi esperto (o organizzazione di esperti). Se solo ne fossimo più consapevoli, che risparmio di risorse, e che crescita collettiva"

    Se penso che, quando ho visto questo affascinantissimo libro la prima volta, l’ho collegato alla scelta del telefonino da comprare…

    Se vuoi vedere il post originale su ohmymarketing.wordpress.com clicca qui:

    http://ohmymarketing.wordpress.com/2008/01/14/ho-letto-la-saggezza-della-folla/

    said on 

  • 2

    The author suggests here that a bunch of dumb people actually can do better than 1 single genius. That is, 1+1=3!

    But, it is with certain conditions:
    1. The mass got to be big enough
    2. Each person need to make independent decision, to avoid decision cascade
    3. The mass shou ...continue

    The author suggests here that a bunch of dumb people actually can do better than 1 single genius. That is, 1+1=3!

    But, it is with certain conditions:
    1. The mass got to be big enough
    2. Each person need to make independent decision, to avoid decision cascade
    3. The mass should be diversify enough, to avoid group think.

    This sound very good, and actually explained why deomcratic makes good sense, and why we should act as selfish as we can to create good market in this capitalist economy!

    BUT, I am not convinced, at all!

    The author able to quote a lot of very interesting examples to backup his book, but this is far from enough. I suppose any arguement can give quite some example if you are dig them out serious enough. What the author need to do is to provide a hypothesis! An explaination why 1+1=3 is working! This is something the author cannot do at all in this very thick book. But, this book should be published after "Fooled by Randomness", the author should know that seeing 20 million white swan does not rule out the possibility of black swan.........

    Just smooth talk does not help to convince me.

    said on 

  • 4

    Reading this for my work. It is one of these popular books which explain current social phenomena in plain English supported by a lot examples. This book however has some academic underpinnings (unlike The Long Tails) which make it a good read. I got a lot of useful references out of it.

    said on 

  • 3

    E' il classico libro nel quale condividi in pieno la tesi di fondo, ma assolutamente non condividi come ci si è arrivati.

    L'autore ha riempito una tesi corretta di esempi assolutamente opinabili, imprecisi e casuali. Esempi che con difficoltà riescono a dimostrare la tesi sostenuta.

    said on 

  • 3

    I or the Book ran out of steam

    I enjoyed the book but ran out of steam a little during the later chapters about democracy and financial markets.


    I did however, have many sparks of recognition when he was talking about the dynamics of meetings and how small groups emphasize consensus over dissent, leading to group think ...continue

    I enjoyed the book but ran out of steam a little during the later chapters about democracy and financial markets.

    I did however, have many sparks of recognition when he was talking about the dynamics of meetings and how small groups emphasize consensus over dissent, leading to group think and poor decisions.

    said on 

  • 4

    Wow

    Libro affascinante.


    Sotto date condizioni dei suoi componenti (autonomia di pensiero, diversità di sentire, decentralizzazione e esistenza di un aggregatore efficiente), un gruppo, anche piccolo, è saggio.


    Nel senso che, in media (!), ci azzecca, cioè risolve problemi cognitivi (qua ...continue

    Libro affascinante.

    Sotto date condizioni dei suoi componenti (autonomia di pensiero, diversità di sentire, decentralizzazione e esistenza di un aggregatore efficiente), un gruppo, anche piccolo, è saggio.

    Nel senso che, in media (!), ci azzecca, cioè risolve problemi cognitivi (quanti fagioli ci sono nel barattolo?), problemi di coordinazione (fruire di beni limitati nel modo migliore) e problemi di cooperazione (contribuire al bene comune senza immolarsi). Soprattutto nel primo caso, è ben difficile che il singolo, per quanto esperto, riesca a fare meglio della prestazione media (!) del gruppo.
    Il tutto è dimostrato in un vorticoso susseguirsi di esperimenti di economia comportamentale e di teoria dei giochi.

    Ma, ancora più interessanti degli esempi a suffragio dell'effettiva saggezza delle folle, sono le analisi di tutti i controesempi che ci possono venire in mente da buoni, vecchi intellettuali di sinistra quali siamo.
    Io -lo ammetto- ho storto il naso la prima volta che ho letto il titolo del libro.

    Spesso quella che è la evidente stupidità delle masse, nasce proprio dal non soddisfacimento dei quattro pre-requisiti appena detti.
    Gruppi di gente dal sentire troppo simile (yes-men aziendali, oligarchie politiche, ecc.) falliscono per mancata diversità; gruppi troppo dipendenti da qualcuno (un leader, un esperto, un guru, un papa) falliscono per mancata indipendenza; gruppi potenzialmente saggi falliscono se non c'è qualcosa (google, la quota di un bookmaker, un sistema politico) che ne possa raccogliere efficacemente, cioè semplicemente, la saggezza.

    Nel complesso, particolarmente illuminanti sono stati i passaggi relativi l'analisi dei processi decisionali all'interno di una grande azienda (in cui, detto in francese, il pararsi il culo distrugge tutto ciò che di positivo il team-working potrebbe creare), la futilità della caccia all'esperto e la demolizione "definitiva" dell'utilità dei bonu$$ alle performance dei singoli piuttosto che al gruppo.

    Non so se tutto ciò è rassicurante o preoccupante, ma sicuramente è interessante e, almeno per me, nuovo e stimolante. Buona lettura.

    said on