The Witches

By

Publisher: Penguin Books Ltd

4.3
(4656)

Language: English | Number of Pages: 224 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , French , Italian , Catalan , Portuguese , Dutch , German , Norwegian , Czech

Isbn-10: 0141322640 | Isbn-13: 9780141322643 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , School & Library Binding , Audio Cassette , Softcover and Stapled , Audio CD , Library Binding , Others , eBook

Category: Children , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like The Witches ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A book about 'real witches' - the ones that absolutely loathe children and are always plotting to get rid of them. Great Quentin Blake illustrations throughout. Roald Dahl, the best-loved of children's writers, was born in Wales of Norwegian parents. His books continue to be bestsellers, despite his death in 1990, and worldwide sales are over 100 million! Quentin Blake is one of the best-known and best-loved children's illustrators and it's impossible now to think of Roald Dahl's writings without imagining Quentin Blake's illustrations.
Sorting by
  • 5

    luca albani

    mi è piaciuto molto perché il protagonista si imbatte in tante avventure emozionanti ed avvincenti poi mi è piaciuta la parte dove la nonna del protagonista costruisce degli accessori per lui perché e ...continue

    mi è piaciuto molto perché il protagonista si imbatte in tante avventure emozionanti ed avvincenti poi mi è piaciuta la parte dove la nonna del protagonista costruisce degli accessori per lui perché era diventato un topo !!!!! è stato uno dei libri che mi è piaciuto più di tutti .

    said on 

  • 5

    Martina
    l'inizio del libro non mi è piaciuto, poi il racconto è diventato più interessante anche se il genere fantastico non mi piace.Il protagonista è un ragazzo che incontra tante disavventure lungo ...continue

    Martina
    l'inizio del libro non mi è piaciuto, poi il racconto è diventato più interessante anche se il genere fantastico non mi piace.Il protagonista è un ragazzo che incontra tante disavventure lungo la storia ma riesce sempre a superarle o a trovare una soluzione. Il libro l'ho letto velocemente sia perché ero curiosa di arrivare in fondo e sia perché è ricco di dialoghi. Questo libro lo consiglio anche ai non appassionati di storie fantasy.

    said on 

  • 3

    Non è certo un brutto libro, ma stavolta la sensazione di essere troppo fuori età è stata costante (mentre era del tutto assente quando mesi fa ho letto "Gli Sporcelli").
    D'altra parte so per certo ch ...continue

    Non è certo un brutto libro, ma stavolta la sensazione di essere troppo fuori età è stata costante (mentre era del tutto assente quando mesi fa ho letto "Gli Sporcelli").
    D'altra parte so per certo che se l'avessi letto a sette anni mi avrebbe terrorizzato.
    Il fatto è proprio questo: da un lato è una storia agghiacciante (e a sette anni avrei badato solo a quella), dall'altro il protagonista e la nonna hanno un atteggiamento che va ben oltre il coraggioso e m'è parso anzi scellerato (cosa che irrita la me adulta).
    Ho comunque molta voglia di rivedere il film.

    said on 

  • 5

    C'era una volta una bambina.
    Aveva otto anni, i capelli a caschetto con la frangetta, gli occhiali, e tutti i venerdì sera si fermava a dormire a casa della nonna.
    Un venerdì, passò a salutarla la cu ...continue

    C'era una volta una bambina.
    Aveva otto anni, i capelli a caschetto con la frangetta, gli occhiali, e tutti i venerdì sera si fermava a dormire a casa della nonna.
    Un venerdì, passò a salutarla la cuginetta, la quale aveva con sè un libro da leggere per compito: era "Le streghe" di Roal Dahl.
    Chissà cosa scattò nella testa della bambina n° 1... Lei che non era mai stata colpita dai libri, dalle storie, sì, ma quelle lette ad alta voce, e mai aveva preso in mano un libro per leggerlo da sola.
    Quella bambina trascorse tutta la notte con la luce accesa, a leggere, leggere, leggere... E scoprì così la magia della lettura. Quel libro non lo dimenticò mai, quella notte neppure, e ogni tanto, racconta la leggenda, la notte la trova ancora lì, su quelle pagine, pensando al genio di Roald Dahl, e quanto sia magico che segni grafici, stampati vicini, possano portare a viaggiare, a pensare, a vivere storie in mondi lontani con persone sconosciute ma che alla fine trattiamo alla stregua di amici: una magia che si replica ogni volta, riga dopo riga.

    said on 

  • 5

    Dahl-dipendente

    Un altro fantastico libro di Dahl, sono ormai diventato assuefatto al suo modo di raccontare e descrivere storie straordinarie. Anche questo come quelli precedentemente letti è davvero valido.

    said on 

  • 5

    Questo agile racconto di un ragazzino che si imbatte in un raduno nazionale di streghe e viene a conoscenza dei loro loschi piani per sterminare tutti i bambini e che viene trasformato in topo proprio ...continue

    Questo agile racconto di un ragazzino che si imbatte in un raduno nazionale di streghe e viene a conoscenza dei loro loschi piani per sterminare tutti i bambini e che viene trasformato in topo proprio dalla Strega Suprema è una straordinaria favola moderna che insegna a riconoscere il male e a sconfiggerlo anche quando sembriamo troppo piccoli per opporci ad esso.
    Non è il miglior romanzo di Roald Dahl, che con Matilde ha forse toccato l'apice, ma resta un libro adatto ad ogni bambino e una tappa imprescindibile nel pellegrinaggio lungo i testi di Dahl.
    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2016/10/le-streghe-dahl.html

    said on 

Sorting by
Sorting by