Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The Yellow Wind

By

Publisher: Delta

3.8
(54)

Language:English | Number of Pages: 216 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 038529736X | Isbn-13: 9780385297363 | Publish date: 

Also available as: Hardcover

Category: Non-fiction , Political

Do you like The Yellow Wind ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
The Israeli novelist David Grossmans impassioned account of what he observed on the West Bank in early 1987not only the misery of the Palestinian refugees and their deep-seated hatred of the Israelis but also the cost of occupation for both occupier and occupiedis an intimate and urgent moral report on one of the great tragedies of our time. The Yellow Wind is essential reading for anyone who seeks a deeper understanding of Israel today.
Sorting by
  • 4

    Libro molto interessante, datato eppure, purtroppo molto attuale. La questione palestinese spiegata da un israeliano, per questo forse la riflessione che ne scaturisce è più che mai importante. ...continue

    Libro molto interessante, datato eppure, purtroppo molto attuale. La questione palestinese spiegata da un israeliano, per questo forse la riflessione che ne scaturisce è più che mai importante.

    said on 

  • 4

    scritto da chi il conflitto lo vive

    ed ha tutto l'interesse a risolverlo. da chi si chiede cosa insegnare ai propri figli che cresceranno lì. Un libro che non fornisce scontate risposte. ma che interroga

    said on 

  • 4

    Un libro pieno di dolore di uno scrittore coraggioso che si domanda quale possa essere il futuro del suo paese se gli unici mezzi di comunicazione tra israeliani e palestinesi sono l'odio e la ...continue

    Un libro pieno di dolore di uno scrittore coraggioso che si domanda quale possa essere il futuro del suo paese se gli unici mezzi di comunicazione tra israeliani e palestinesi sono l'odio e la violenza.

    said on 

  • 4

    La questione palestinese spiegata da un israeliano. Sembra di essere di fronte ad un ossimoro, ma non lo è se pensiamo che l'israeliano in questione è David Grossman, un intellettuale che si è ...continue

    La questione palestinese spiegata da un israeliano. Sembra di essere di fronte ad un ossimoro, ma non lo è se pensiamo che l'israeliano in questione è David Grossman, un intellettuale che si è sempre speso per la ricerca di una via di conciliazione tra due mentalità che sembrano essere ontologicamente in guerra tra loro, senza via di uscita.

    said on 

  • 3

    Un bel libro-intervista...

    ... del solito aperto, progressista, intellegente Grossman su quella tragedia del conflitto permanente con i palestinesi. Uno dei pochi israeliani simpatici, oltre che un grande intellettuale.

    said on 

  • 4

    David Grossmann nelle vesti di giornalista più che di scrittore gira il suo paese e i territori occupati per intervistare ebrei e palestinesi sulle loro condizioni, le prospettive di coesistenza e ...continue

    David Grossmann nelle vesti di giornalista più che di scrittore gira il suo paese e i territori occupati per intervistare ebrei e palestinesi sulle loro condizioni, le prospettive di coesistenza e di pace, il futuro, le paure, le tante ingiustizie. Gente comune. Prove di dialogo, di fare breccia in un muro spesso. L'ho letto 20 anni or sono. Poche settimane dopo esplodeva la prima grande intifada palestinese!

    said on 

  • 3

    Grossman cerca di capire e di far capire le ragioni di chi vive sulla propria pelle il conflitto tra Israeliani e Palestinesi intervistando i profughi nei campi palestinesi e i coloni ebrei. Con ...continue

    Grossman cerca di capire e di far capire le ragioni di chi vive sulla propria pelle il conflitto tra Israeliani e Palestinesi intervistando i profughi nei campi palestinesi e i coloni ebrei. Con grande onestà intellettuale, cerca di comprendere le ragioni del profondo odio che i palestinesi provano per gli ebrei giustificato dalle condizioni inumane in cui sono costretti a vivere, dal fatto di essere stati sradicati dalla loro terra, di essere delle pedine nelle mani degli altri governanti arabi, dal trattamento disumano a volte inferto dai soldati israeliani.
    E’ un libro scritto nel 1988 pochi mesi prima dell’inizio dell’Intifada ma purtroppo molto attuale. Grossman non vuole dare facili soluzioni o dire chi ha torto o ragione, ma vuole mettere in guardia tutti sul fatto che la violenza genera violenza e bisogna assolutamente fermare questa spirale di odio. Sono molto interessanti queste interviste da dove emergono le differenze tra due diverse visioni del mondo, ma è terribile la consapevolezza di come non si faccia nulla per fermare l’odio da cui non può nascere che violenza e intransigenza.

    said on