Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

The corrections

By

Publisher: HarperCollins

4.2
(5167)

Language:English | Number of Pages: 568 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) French , Spanish , German , Italian , Finnish , Portuguese , Swedish , Danish , Slovenian , Catalan , Dutch , Czech , Chi traditional

Isbn-10: 0002005093 | Isbn-13: 9780002005098 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Mass Market Paperback , Audio CD , Audio Cassette , School & Library Binding , Unbound , eBook , Others , Softcover and Stapled , Library Binding

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like The corrections ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Enid had felt wrong all her life and now she had a chance to tell her husband Alfred how wrong he was.
    No man worked harder than Alfred and if nothing else, he had discipline and the power to refuse. ...continue

    Enid had felt wrong all her life and now she had a chance to tell her husband Alfred how wrong he was.
    No man worked harder than Alfred and if nothing else, he had discipline and the power to refuse.
    He had worked for thirty years to make the Midland Pacific a strong system, but when he retired, he began to suffer from Parkinson and dementia.
    At first, he seemed to refuse to have Parkinson: he had imagined that retirement would bring a radical transformation. He had imagined himself hunting and fishing, he had
    imagined a ridiculous and improbable life of recreation for himself.
    However, her wife went on living in her fantasy world, in her perfect life, where everything was faultless.
    Enid's mother had married a man who didn't earn and died young.
    Avoiding such a husband was a priority with Enid: she intended to be comfortable in life as well as happy.
    And now, she had to tell her Alfred while she still had time, how wrong he had been and how right she had been. How wrong not to love her more, how wrong not to cherish her and have sex at every opportunity, how wrong not to trust her financial instincts, how wrong to have spent so much time at work and so little with the children, how wrong to have been so negative, how wrong to have been so gloomy, how wrong to have run away from life, how wrong to have said no, again and again, instead of yes: she had to tell him all of this, every single day.
    He was wrong to attempt to hang himself with bed sheets in the night. He was wrong to hurl himself against a window. He was wrong to try to slash his wrist with a dinner fork.
    Even if he wouldn't listen, she had to tell him.
    All of her correction had been for naught. He was as stubborn as the day she'd met him. And yet when he was dead, when she'd pressed her
    lips to his forehead and walked out withDenise and Gary into the warm spring night, she felt that nothing could kill her hope now, nothing.
    She was seventy-five and she was going to make some changes in her life and perhaps in her children's life.
    Enid's children didn't match. They didn't want the things that she and all her friends and all her friends' children wanted. Her children wanted radically, shamefully other things:
    there were plenty of things about her daughter Denise's life that were disagreeable to Enid.
    Denise wanted above all to be a private person, an independent individual. She didn't want to belong to any group. She didn't want a label, she didn't want a lifestyle.
    She acquires a rep as an ice queen and lesbian and moreover she was fired for sleeping with her boss's wife. After becoming a chef, she believed it was better to work hard and see nobody.
    She thought she couldn't hurt anybody as long as she was only working.
    For fifteen years she'd tried to pass for a
    perfectly responsible and careful daughter, and her father had known all along that she
    was not.
    She'd never really known her father. Probably nobody had. With his shyness and his formality and his tyrannical rages he protected his interior so ferociously that if you loved him, as she did, you learned that you
    could do him no greater kindness than to respect his privacy.
    To Chip, her younger brother, unfortunately, it seemed that Alfred cared about his children only to the degree that they succeeded. Chip was so busy feeling misunderstood that
    he never noticed how badly he himself misunderstood his father. To Chip, Alfred's inability to be tender was the proof that Alfred didn't know, or care, who he was.
    Chip couldn't see what everyone around him could: that if there was anybody in the world whom Alfred did love purely for his own sake, it was Chip. Denise was aware of not delighting Alfred like this; they had little in common beyond formalities and achievements. Chip was the one whom Alfred had called for in the middle of the night, even though he knew Chip
    wasn't there.
    Chip seemed beloved to the old man. He'd been arguing with Alfred and deploring Alfred and feeling the sting of Alfred's disapproval for most of his life, and his personal failures
    and his political views were, if anything, more extreme than ever now, and yet it was Gary who was fighting with the old man, it was Chip who brightened the old man's face.
    Gary was their oldest brother, vice president at CenTrust Bank, married to Caroline with three children.
    Her wife always told him how tired she was to
    live with a depressed old man like him.
    He had promised her that he would never again ask her to go to St. Jude for Christmas;
    although he disapproves of his mother's obsession with "last Christmas together "—it seemed to him a symptom of a larger malaise, a painful emptiness in Enid's life—he could hardly blame his parents for wanting to stay home that year.
    Gary believed parents have an overwhelming Darwinian hard-wired genetic stake in their children's welfare. But children, it seemed to him, have no corresponding debt to their parents.
    He was familiar with Occam's razor, that invites us to choose the simpler of two explanations for a phenomenon.
    In fact he wanted his parents to sign up for assisted living and to sell their house and move to Philadelphia as he thought Philadelphia made sense because he was there and Denise was there and Chip was in New York.
    But there came a time, however, when death ceased to be the enforcer of finitude
    and began to look, instead, like the last opportunity for radical transformation, the only plausible portal to the infinite.
    Alfred was remembering the nights he'd sat upstairs with one or both of his boys or with his girl in the crook of his arm, their damp bath-smelling heads hard against his ribs as he read aloud to them from Black Beauty or The Chronicles of Narnia. How his voice alone, its palpable resonance, had made them drowsy. These were evenings, and there were hundreds of them, maybe thousands, when nothing traumatic enough to leave a scar had befallen the nuclear unit. Evenings of plain vanilla closeness in his black leather chair; sweet evenings of doubt between the nights of bleak certainty. They came to him now, these forgotten counterexamples, because in the end, when you were falling into water, there was no solid thing to reach for but your children.

    said on 

  • 5

    Equilibri

    Un fronte freddo autunnale arrivava rabbioso dalla prateria. Qualcosa di terribile stava per accadere, lo si sentiva nell'aria. Il sole era basso nel cielo, una stella minore, un astro morente. Raffi ...continue

    Un fronte freddo autunnale arrivava rabbioso dalla prateria. Qualcosa di terribile stava per accadere, lo si sentiva nell'aria. Il sole era basso nel cielo, una stella minore, un astro morente. Raffiche su raffiche di entropia
    Questo è l'incipit del controverso romanzo “Le correzioni”. Un avvio arduo che sprona il lettore ad un'ardua attenzione.
    Si entra a casa di Alfred ed Enid e s'intuisce subito un disagio:
    In tutta la casa risuonava un campanello d’allarme che nessuno poteva udire eccetto Alfred e Enid. Era il campanello d’allarme dell’ansia.
    Ho amato questo libro fondamentalmente per come è scritto. Franzen gioca con le parole: sminuzza, mescola, amalgama generando nuovi suoni.
    Il tema della famiglia disfunzionale unito ad un contesto socio-economico instabile è ritrito nel romanzo postmoderno nord-americano. L'autore, tuttavia, riesce, anche nel contenuto, ad essere originale; passa dallo zoom sulla vita dei personaggi alla visione più allargata della famiglia. Correggere è equivalente del tentativo di trovare un equilibrio, una stabilità. Anche in questo senso c'è ambivalenza: si può correggere il proprio ruolo all'interno del nucleo famigliare ma si parla anche di correzione in ambito economico quando si vuole riportare su un piano favorevole un investimento.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Stavo per iniziare anche questa recensione dicendo che per me è difficile parlare di questo libro, raccogliere le idee e trovare una visione univoca, ma mi rendo conto che questo è quello che dico più ...continue

    Stavo per iniziare anche questa recensione dicendo che per me è difficile parlare di questo libro, raccogliere le idee e trovare una visione univoca, ma mi rendo conto che questo è quello che dico più o meno ad ogni recensione, e dunque che valore potrebbe avere? È anche vero che, in questo caso più che in altri, sento di non sapere quanto ho apprezzato e quanto invece non mi è piaciuto di questo romanzo.
    Sento parlare di "Le correzioni" da tanti anni, ho letto commenti entusiasti che inneggiavano ad un capolavoro contemporaneo destinato ad entrare a far parte del novero dei classici, di un moderno Tolstoj, di Letteratura con la maiuscola, e al tempo stesso ho letto critiche ferocissime che stroncavano in pieno il romanzo definendolo un mucchietto di nulla. Be', solitamente davanti a situazioni del genere io mi getto a capofitto nella lettura, curiosa di scoprire da che parte mi schiererò, e così ho fatto anche questa volta. Ebbene, ripensando ai commenti così disparati, mi rendo conto di trovarmi esattamente nel mezzo, o per lo meno mi sembra che entrambi i fronti abbiano le loro ottime ragioni.
    "Le correzioni" è un grande romanzo che narra la vita dei Lambert, "tipica" famiglia del midwest americano: troviamo Alfred, uomo dispotico, rigidissimo nelle sue regole di disciplina che non concedono mai un gesto d'affetto evidente per le persone che ama, e troviamo il suo lento degradare a causa del Parkinson, della depressione e della demenza incombente. Incontriamo poi l'odiosissima Enid, moglie di Alfred, una donnetta insignificante, morbosamente attaccata all'apparenza e piena di vergogna per tutto quello che non rientra nei suoi canoni di normalità, tutto ciò che non riesce a correggere, mi verrebbe da dire. A contendersi il premio di personaggio più odioso incontriamo poi il primogenito Gary e tutta la sua famigliola: un uomo visceralmente attaccato ai soldi, che monitora la sua depressione senza voler ammettere di avere un problema (o meglio, crogiolandosi al pensiero di avere una malattia mentale per la quale potersi autocommiserare), soggiogato all'arrogantissima moglie Caroline, manipolatrice, e circondato da figli adolescenti vogliono, comandano e possono tutto. C'è poi Chip, il figlio di mezzo, il figlio pseudotrasgressivo che scrive e riscrive una sceneggiatura squallida, pontifica contro il sistema capitalistico senza fare mezzo passo per uscirne, non si occupa della famiglia, scappa di fronte ad ogni minima responsabilità e si imbarca in un tragicomico e improbabile viaggio di (truffaldino) lavoro in Lituania per poi subire una sorta di redenzione ancora più imbrobabile nelle ultime pagine del romanzo. Sì, insomma, lo stereotipo fatto a personaggio. Infine c'è Denise, la figlia minore, l'unico personaggio per cui abbia provato un minimo di simpatia: donna glaciale ed ambiziosa, che si difende dalle aspettative altrui rifugiandosi in un mondo fatto di lavoro, lavoro e ancora lavoro fino al momento in cui le sue barriere inevitabilmente cedono sotto la pressione della vita, e tutta la sua umanità, le sue contraddizioni, i suoi difetti e il suo dolore fanno irruzione.
    È molto interessante come Franzen approfondisca ogni figura in un capitolo, e come ogni parte del romanzo getti una luce diversa sia sul protagonista che, soprattutto, sugli altri membri della famiglia, che inevitabilmente si ritagliano la propria identità partendo dal modo in cui gli altri li riconoscono. Proprio come in un gioco di specchi, non esiste identità, esistono prospettive, che possono distorcere un fatto, piegarlo e snaturarlo, ma anche aprire nuove possibilità di interpretazione, illuminare angoli bui, mostrare lati nascosti. E il lettore stesso si trova a far parte di questo gioco di specchi, a muoversi in questo gioco di specchi, cosicché, arrivato in fondo alle seicento pagine del romanzo, non esistono visioni unilarerali, non esiste nessuna epifania di realtà nascoste, ma solo un fascio di diversi punti di vista con cui cercare di fare i conti. Perché, sì, i personaggi sono veramente insopportabili, ma al tempo stesso sono tremendamente piccoli nelle loro infelicità, e i loro difetti, nel momento in cui non vengono più considerati come singoli personaggi ma in quanto inseriti in una rete di relazioni, diventano quasi parte di un sistema, hanno delle cause e delle conseguenze che creeranno nuove ondate di rezione negli altri elementi che costituiscono il sistema.
    Vero è che forse questo voler mostrare tutti i dubbi, il dolore, la solitudine, gli errori e le correzioni (ma davvero si può parlare di errori e correzioni) di quella che in apparenza dovrebbe essere una tipica famiglia, andando a scavare sotto le apparenze per portare alla luce tutto il marcio non è esattamente quanto di più originale si possa fare in un romanzo. Per tutta la durata della lettura ho avuto l'impressione di leggere qualcosa di già sentito, una bella variazione su un tema ormai un po' troppo sfruttato. Davvero è necessario ribadire che anche dietro la facciata più canonica si possono nascondere anfratti oscuri e dolore? Forse sì, ma questa sensazione di ripetere qualcosa già detto mi ha accompagnata per tutto il romanzo.
    Romanzo che si lascia leggere con estrema semplicità, molto scorrevole, accattivante, ma a tratti ho avuto la sensazione che di alcune pagine si sarebbe potuto tranquillamente fare a meno. Quasi che Franzen fosse stato consapevole di voler scrivere un "librone" importante, e abbia a tutti i costi voluto allungare il brodo con elementi che sul momento non infastidiscono, perché a pensarci bene durante la lettura non ho mai trovato noioso qualche passaggio, ma che a conti fatti non aggiungono proprio niente alla struttura generale, se non un buon numero di pagine.
    In fine dei conti, mi ritrovo ad aver speso un gran numero di parole per trovarmi alla fine di questa recensione più confusa di prima: ho apprezzato questo romanzo? Se devo essere sincera, non lo so. Mi è passato addosso molto velocemente, come velocemente l'ho letto, e mi rendo conto che alcuni passaggi che normalmente mi avrebbero scossa profondamente (come quelli sul degrado della malattia di Alfred, e soprattutto il suo ultimo dialogo con Chip) mi hanno lasciata quasi (badate bene, quasi) indifferente. E mi sto ancora chiedendo se la colpa sia di Franzen oppure mia.

    ( http://dellecigliailfremitorespiri.blogspot.it/2015/04/le-correzioni-di-j-franzen.html )

    said on 

  • 4

    Prendete un blocco di pietra, un parallelepipedo liscio e intero: non vi dice niente. Cominciate a dargli qualche colpo di mazza: ancora non vi dice niente. Poi con strumenti via via sempre più sensib ...continue

    Prendete un blocco di pietra, un parallelepipedo liscio e intero: non vi dice niente. Cominciate a dargli qualche colpo di mazza: ancora non vi dice niente. Poi con strumenti via via sempre più sensibili e raffinate cominciate a dare una forma al blocco, ecco che qualcosa prende forma, comincia a vedersi. Come gli scalpellini di una volta, con pazienza e pervicacia Franzen costruisce i suoi personaggi, gli dà anima e forma; ciò che all’inizio era una insipida massa di materia diventa corpo sempre più complesso, intricato ed insieme anche fragile. Ad ogni colpo dello scalpellino, si aggiunge un particolare nuovo, fino a raggiungere un senso compiuto e completo. Per far questo l’Autore non usa iperboli o enfasi, non troverete in questo racconto gli “ipse dixit” che tanto piacciono ai lettori da farne il titolo di un social o di un profilo. Solo il muto trascorrere degli eventi fino all’inevitabile mattino di Natale. Dite un po’: quanti di voi leggendo quelle pagine della riunione avranno sentito nell’aria Eduardo e le sue commedie ?

    said on 

  • 2

    Non abbastanza brutto per abbandonarlo, non abbastanza bello per stimolarmi alla lettura. Sono passati Natale, carnevale e anche una buona parte della quaresima, talmente tanto tempo che sul finale no ...continue

    Non abbastanza brutto per abbandonarlo, non abbastanza bello per stimolarmi alla lettura. Sono passati Natale, carnevale e anche una buona parte della quaresima, talmente tanto tempo che sul finale non ricordavo più cosa fosse stato narrato quasi 600 pagine prima. Di una cosa sono però sicura: odio Enid ma soprattutto Gary.

    said on 

  • 5

    ◤關於回家的故事◥

    無論你承不承認,回家對每個人來說都是意義重大的事。
    那些不被承認的過往乃至愛恨糾結,皆始於家的緣故﹔若不得和解,即便遠走他鄉,心中仍不免有遺憾。
    世間沒有十全十美,家也是一樣。
    我們總是期待著家能帶給個人最棒的呵護,往往卻令人失落與感傷,很多關係的破碎和疑惑,家給了人們不同的見解,人生因而有了不同的選擇。

    想回真正的家。
    關係何以正常,家給不了的答案,我們只能從事實判斷。
    從無法接受到 ...continue

    無論你承不承認,回家對每個人來說都是意義重大的事。
    那些不被承認的過往乃至愛恨糾結,皆始於家的緣故﹔若不得和解,即便遠走他鄉,心中仍不免有遺憾。
    世間沒有十全十美,家也是一樣。
    我們總是期待著家能帶給個人最棒的呵護,往往卻令人失落與感傷,很多關係的破碎和疑惑,家給了人們不同的見解,人生因而有了不同的選擇。

    想回真正的家。
    關係何以正常,家給不了的答案,我們只能從事實判斷。
    從無法接受到被迫接受,心裡總有個疑問,何時家才能因此有歸屬。
    特定的節日,家變得很重要,回與不回,常在猶疑之間。

    陌生是家,熟悉也是家,混雜著不同的情緒,心念至此,家就是這樣令人牽腸掛肚。
    在平常不過的家居生活中,家中成員有了變故(生老病死)離家之後,異常想念,卻在某個時刻, 極欲排斥,對家漠不關切,甚至心中生出恨來,巴不得就此切割,一刀兩斷,老死不相往來。

    家無論是大是小,有家歸不得,無家可歸的異鄉遊子,心中思念甚篤,日漸加深。

    said on 

  • 4

    Non so se vi capita mai di ricordare con precisione quando stavate leggendo un dato romanzo. Io per esempio ricordo di aver letto il precedente della saga della Ferrante in un sabato pomeriggio un po’ ...continue

    Non so se vi capita mai di ricordare con precisione quando stavate leggendo un dato romanzo. Io per esempio ricordo di aver letto il precedente della saga della Ferrante in un sabato pomeriggio un po’ obliquo, passato a letto per inerzia. Ho poi (ri)scoperto proprio mentre finivo The Corrections di Jonathan Franzen di aver letto il suo Libertà durante la mia precedente influenza. A questo punto non so se è così affidabile la mia impressione di Franzen, che avevo adorato in Zona Disagio (letto senza febbre) e altrettanto apprezzato nei suoi romanzi, che però mi sembrano dei vortici impazziti che richiedono davvero un bell’impegno nella lettura. Sarà anche la lettura in lingua originale…

    Prosegue qui:

    https://abrightshininglie.wordpress.com/2015/01/24/memento-mori/

    said on 

  • 0

    Per la serie Grande Romanzo Americano

    Le correzioni cui allude il titolo sono tutte quelle che possono aver luogo in una vita o, come in questo caso, in una famiglia.
    Unità e diaspora (unità malgrado la diaspora) permettono ai genitori e ...continue

    Le correzioni cui allude il titolo sono tutte quelle che possono aver luogo in una vita o, come in questo caso, in una famiglia.
    Unità e diaspora (unità malgrado la diaspora) permettono ai genitori e ai tre figli di declinare il vocabolo in tutte le sue sfaccettature.
    Provando a citarne alcune, le correzioni sono gli aggiustamenti che ciascun apporta alla sua visione della realtà, in modo da renderla sopportabile. Sconfinano nell’inautenticità, ma stiamo parlando, la maggior parte delle volte, di pura sopravvivenza.
    In questo libro incontriamo inoltre le correzioni come punizione e mezzo di coercizione da parte del più forte in una relazione su chi è più debole. Genitori sui figli, quindi, ma non solo.
    Infine, incontriamo anche le correzioni come buoni propositi: nel finale “Enid sentì che niente più poteva uccidere la sua speranza. Aveva 75 anni e intendeva cambiare alcune cose nella sua vita”
    Il libro è duro e chiuso come la famiglia, la società e i nodi di fondo che racconta. Non apporta gioia, piacere o divertimento se non alla mente. Quello, grande.

    said on 

Sorting by
Sorting by