Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

The intuitionist

By Colson Whitehead

(0)

| Softcover | 9781862072367

Like The intuitionist ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

This urban thriller introduces black heroine, Lila Mae Watson. It is election year in the Elevator Guild and the Empiricists would love nothing better than to bring down an Intuitionist. As Lila Mae seeks to uncover the truth she is sucked into a vio Continue

This urban thriller introduces black heroine, Lila Mae Watson. It is election year in the Elevator Guild and the Empiricists would love nothing better than to bring down an Intuitionist. As Lila Mae seeks to uncover the truth she is sucked into a violent whirlpool of conspiracy and deceit.

15 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Abbandonato a pagina 70. Noioso, non quaglia, e poi l'ho trovato eccessivamente abbondante di descrizioni di contorno e dettagli che, invece di arricchire e contestualizzare le vicende, hanno solo finito per distrarmi. Peccato perchè dalla sinossi se ...(continue)

    Abbandonato a pagina 70. Noioso, non quaglia, e poi l'ho trovato eccessivamente abbondante di descrizioni di contorno e dettagli che, invece di arricchire e contestualizzare le vicende, hanno solo finito per distrarmi. Peccato perchè dalla sinossi sembrava potesse essere interessante, ma forse mi sono abituata male con Asimov.

    Is this helpful?

    Donnamarino said on Jan 8, 2014 | Add your feedback

  • 9 people find this helpful

    Chissà se Philip Roth lo ha letto?

    E si perchè l'Intuizionista è uscito l'anno prima de La macchia umana, e qualcosa lega le due storie.
    Ma non voglio spoilerare troppo.

    L'Intuizionista è uscito anche 2 anni prima del 11 settembre a New York ( e questo non s'entra nulla con la trama) ...(continue)

    E si perchè l'Intuizionista è uscito l'anno prima de La macchia umana, e qualcosa lega le due storie.
    Ma non voglio spoilerare troppo.

    L'Intuizionista è uscito anche 2 anni prima del 11 settembre a New York ( e questo non s'entra nulla con la trama) e io dopo quegli schianti mi ero persuaso che non si sarebbero costruiti più grattacieli, ma per fortuna non è stato così, io amo i grattacieli!

    La Verticalizzazione è continuata e così la necessità di ascensori sempre più sicuri e veloci.

    Sarei veramente curioso di sapere da dove sia venuta l'idea a Whitehead di costruire un intero mondo parallelo al nostro con una sua cultura e quasi religione basata sugli ascensori, l'ho trovato geniale.
    Così' come il trattamento acuto del problema razziale.

    Strano che a un certo punto molti dei nuovi scrittori americani trovino la necessità di scrivere una storia basata sulla nostra realtà, ma in forme e modi diversi invece fantastica.
    L'ha fatto qui Whitehead, ma anche Chaubon con i suoi poliziotti ebrei in Alaska, Lethem con la sua donna astronauta in Chronic City, Wallace con Infinite jest.
    Questi autori americani quasi giovani o stanno in un altro-quando di loro scelta, o si rintanano nel ventre asfissiante della Famiglia, Frenzen su tutti.

    Nella realtà comune, fatta di high e low, di vicende personali e sociali sembrano incapaci di vivere, peccato.

    Comunque un buon libro, a tratti ottimo.

    Colonna sonora: Vabbè dai....Aerosmith - Love in an elevator!

    Is this helpful?

    Fra Rocc, potrei essere tornato... said on Mar 29, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    e la peppa, troppo caos, troppe descrizioni di ascensori e loro componentistica, non mi ha preso per nulla. interessante solo per l'idea di fondo.

    Is this helpful?

    magnus said on Mar 27, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quale ascensore arriverà

    dire originale è banalizzarlo, cerca di dare una prospettiva diversa a un momento comune a noi occidentali: aspettare un ascensore in un edifico in cui ve ne sono a almeno due. Da leggere

    Is this helpful?

    Mborzillo said on Mar 8, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Su e giù tra i grattacieli

    Romanzo sicuramente originale ma non astratto, fantasioso ma concreto. Non c'è un tempo in cui questo racconto si svolge, potrebbe essere il futuro ma forse è il passato. Il mondo comunque è sempre quello e ci sono edifici e altezze da superare. La d ...(continue)

    Romanzo sicuramente originale ma non astratto, fantasioso ma concreto. Non c'è un tempo in cui questo racconto si svolge, potrebbe essere il futuro ma forse è il passato. Il mondo comunque è sempre quello e ci sono edifici e altezze da superare. La divisione, nel clan degli ispettori degli ascensori, tra empiristi ed intuizionisti, corrisponde alla classica divisione tra chi difende il proprio quieto vivere e chi vuole andare oltre. Tra le due visioni si dipana la Storia e questo libro ce la racconta in maniera onesta ma anche con un'ottica del tutto inusuale, che inasprisce ed evidenza le contraddizioni del mondo.

    Is this helpful?

    Moltenim said on Sep 6, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    È stato il mio libro delle vacanze.
    È stata un'impresa.

    Arrivavo da mesi di Murakami, dal suo modo (o quello dei suoi traduttori) così semplice e diretto di raccontare persone, luoghi e il lento succedersi degli eventi che questo testabianca mi ha ...(continue)

    È stato il mio libro delle vacanze.
    È stata un'impresa.

    Arrivavo da mesi di Murakami, dal suo modo (o quello dei suoi traduttori) così semplice e diretto di raccontare persone, luoghi e il lento succedersi degli eventi che questo testabianca mi ha complicato un po' le cose. All'inizio mi infastidivano tutte quelle descrizioni di eventi e personaggi che non riuscivo a collocare nè temporalmente nè emotivamente all'interno dello svolgersi del romanzo, poi l'intreccio è venuto a galla e la storia ha iniziato a coinvolgermi. È stato in quel momento che ho capito che mr.treccioline mi stava bellamente prendendo per il culo: lo scopo del gioco non è la trama, non sono i personaggi, non sono i luoghi. È il messaggio. Quello cosa astratta che ricorda un po' la morale delle favole di Esopo e che non si trova più da nessuna parte. Lo scopo del gioco è portare il lettore a vedere il mondo da un'altra prospettiva. Ecco perchè quelle descrizioni.

    Insomma, romanzo difficile, ma immancabile.

    Is this helpful?

    ilariacamilla said on Sep 3, 2010 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book