Those Who Leave and Those Who Stay

By

Publisher: Europa Editions

3.9
(2478)

Language: English | Number of Pages: 400 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Portuguese , Catalan , Spanish

Isbn-10: 160945233X | Isbn-13: 9781609452339 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like Those Who Leave and Those Who Stay ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Tutti mi avevano detto che era il più bello dei 4, ma in realtà preferisco ancora il secondo.
    A volte mi ha dato l'impressione di essere un'autoanalisi di Elena e basta. Anche le lotte sindacali mi so ...continue

    Tutti mi avevano detto che era il più bello dei 4, ma in realtà preferisco ancora il secondo.
    A volte mi ha dato l'impressione di essere un'autoanalisi di Elena e basta. Anche le lotte sindacali mi sono sembrate un resoconto di cronaca più che un racconto vivo. Comunque rimane un bel libro, soprattutto mi piace che la vita del rione sia un microcosmo che rispecchia il macrocosmo, e dove i tempi di reazione ed evoluzione devono essere più veloci che altrove se si vuole sopravvivere.

    said on 

  • 4

    Questo è il volume della quadrilogia che mi è piaciuto di più. Forse perché la storia italiana (e mondiale) degli anni '60 e '70 mi ha sempre appassionato e averla vissuta di striscio mi ha sempre fat ...continue

    Questo è il volume della quadrilogia che mi è piaciuto di più. Forse perché la storia italiana (e mondiale) degli anni '60 e '70 mi ha sempre appassionato e averla vissuta di striscio mi ha sempre fatto rosicare.
    C'è solo una cosa che non sono riuscita a mandar giù: quando il personaggio principale (Elena) si preoccupa che la sorella sposi un uomo rozzo e ignorante perché potrebbe tradirla e farla soffrire e non perché è un delinquente mafioso.
    So che la Ferrante si è strettamente attenuta ai quadri storici che narrava senza interferenze di consapevolezze acquisite in epoche successive e che quindi doveva restituire il fatto che a quei tempi si pensava che la mafia non esistesse e che fosse solo un'invenzione di certi giornalisti (cfr "I Cento Passi") e so, avendo già letto il volume successivo, che più avanti la voce narrante si giustifica dicendo che per lei quei ragazzi erano sempre stati solo coetanei sbruffoni e irruenti e non delinquenti e assassini, ma io non sono riuscita a perdonarla lo stesso. Da quel momento in poi ho pensato che Elena Greco fosse un'emerita cretina ma che comunque Elena Ferrante (o chi per lei) rimanesse una scrittrice geniale.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Commento all'audiolibro

    Sempre più telenovela, ormai vado avanti solo per sapere come finisce e perché Anna Bonaiuto è una bravissima lettrice.

    Elena, anche se la Ferrante la spaccia per intelligentona (come ha fatto ad entr ...continue

    Sempre più telenovela, ormai vado avanti solo per sapere come finisce e perché Anna Bonaiuto è una bravissima lettrice.

    Elena, anche se la Ferrante la spaccia per intelligentona (come ha fatto ad entrare alla Normale, mah!), è una mezza scema che pensa di essere chissà chi, non ha un pensiero suo, scopiazza idee e modi presuntamente moderni, diventa sempre più odiosa. Lasciare marito (che ha sposato liberamente) e figlie per il classico ometto ignobile e vile, uno che lascia figli in giro, uno che è la brutta copia del padre già ignobile e vile e che lei disprezza... Non è la cecità dell'amore, è idiozia pura, è mancanza di intelligenza.

    Comunque rido dai tempi delle scarpe di Lila, una storia assurda.

    said on 

  • 4

    Leggendo le recensioni pensavo che questo volume mi avrebbe presa di meno. Invece, anche se molto meno denso di eventi, mi é piaciuto forse piu degli altri. Come sempre, il finale spinge a iniziare co ...continue

    Leggendo le recensioni pensavo che questo volume mi avrebbe presa di meno. Invece, anche se molto meno denso di eventi, mi é piaciuto forse piu degli altri. Come sempre, il finale spinge a iniziare con urgenza il libro successivo!

    said on 

  • 4

    Ho appena letto che dai quattro volumi di "l'amica geniale" verrà tratta una miniserie tv. Questi racconti mi hanno tenuta incollata alla pagina come di rado succede. Magari mi si chiudevano gli occ ...continue

    Ho appena letto che dai quattro volumi di "l'amica geniale" verrà tratta una miniserie tv. Questi racconti mi hanno tenuta incollata alla pagina come di rado succede. Magari mi si chiudevano gli occhi per il sonno ma volevo assolutamente "vedere" cosa sarebbe successo dopo. Altre volte, invece, smettevo di leggere proprio perchè preferivo, almeno momentaneamente, non sapere. Ora inizierò l'ultimo volume e non so cosa aspettarmi se non una serie di emozioni altalenanti come nei precedenti. E' incredibile il livello di coinvolgimento che la scrittrice è riuscita a creare.

    said on 

  • 4

    Il terzo volume della saga è molto più lento e introspettivo degli altri, sicuramente perché tratta temi più politici e le stesse protagoniste abbandonano definitivamente la giovinezza per diventare a ...continue

    Il terzo volume della saga è molto più lento e introspettivo degli altri, sicuramente perché tratta temi più politici e le stesse protagoniste abbandonano definitivamente la giovinezza per diventare adulte. Mi è dispiaciuto molto che Lila sia stata una figura marginale in tutto il libro ma d'altra parte essendo tutto il racconto dettato dalla voce di Elena non poteva essere diversamente. Mi è piaciuto molto come la scrittura della Ferrante si sia modificata in questi tre libri rendendosi più matura e articolata man mano che le protagoniste diventavano esse stesse più mature e impegnate in eventi più grandi di quelli affrontati nel rione fino a quel momento.

    said on 

  • 3

    Amiche o nemiche?

    Le nostre eroine in questo penultimo capitolo della saga mostrano il volto dell'affanno, il cammino è chiaro ormai, pieno di biforcazioni, ma limpido. Da un lato c'è la solita Lila arroccata alle ven ...continue

    Le nostre eroine in questo penultimo capitolo della saga mostrano il volto dell'affanno, il cammino è chiaro ormai, pieno di biforcazioni, ma limpido. Da un lato c'è la solita Lila arroccata alle vene sanguigne del rione come un veleno mortale, sembra una megera che cova invidia, ma poi in realtà si scoprirà che la sua genialità stava nel nascondere quanto fosse inadatta al mondo? Non ho ancora finito l'altro libro. Lenuccia dal suo canto, procede spedita verso un mondo proto chic fatto di comunisti e letteratura che mi annoia solo immaginarlo. A volte sembra lei , quella geniale, come da titolo. Ma poi ci rifletti e ti rendi conto che avere successo nella vita non ti fa essere automaticamente un genio, e lo capisce anche lei, che marito o meno, figlie al seguito e quant'altro, è sempre ad uno specchio che cerca la sua immagine: quello dove compare sempre il riflesso indescrivibile di Lila.

    said on 

  • 4

    Ferrante Ferrante....

    Naturalmente nessuno mette in dubbio la perfezione nella prosa di questa scrittrice.
    La adoro.
    Ma questo terzo volume mi ha decisamente preso meno degli altri, nella storia. Forse perchè più incentra ...continue

    Naturalmente nessuno mette in dubbio la perfezione nella prosa di questa scrittrice.
    La adoro.
    Ma questo terzo volume mi ha decisamente preso meno degli altri, nella storia. Forse perchè più incentrata su Lila e non sulla Greco. Non so. Posso però dire che si riprende TANTISSIMO negli utlimi capitoli.
    Metto 4 stelle e non 5, e consiglio caldamente la lettura di questo terzo volume dell'Amica Geniale.

    said on 

Sorting by
Sorting by