Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Thunder + Lightning

Di

Editore: Casini

3.9
(23)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 544 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8879052101 | Isbn-13: 9788879052108 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Romance , Science Fiction & Fantasy , Teens

Ti piace Thunder + Lightning?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
«Luna affascinante stanotte! Qualcuno ci rimetterà la pelle per essersi lasciato sedurre!».

La nebbia e il freddo rendono Redlie nervosa e triste… e il giaguaro sta cambiando pelle. Gli amici vorrebbero stringere entrambi nel loro abbraccio pieno di calore, ma tutto è confuso, sbagliato. I ricordi per Sean e Redlie sono terribili… e poi c'è un diario, e i parenti in Italia, e un misterioso quadro, e ci si mette anche un gruppo di energumeni a complicare le cose.

Se si è diversi non si può essere amati.

Dunque, chi è il vero mostro?

La rivoluzione è solo agli albori. Serve energia straordinaria. Servono tuoni e fulmini!

Ordina per
  • 3

    Recensione su Fantasy Magazine

    La recensione su questo libro è stata pubblicata sul sito di Fantasy Magazine quasi un mese fa. Perdonate la mia lentezza, sono stata impegnata con gli esami.


    Qui il link che porta direttamente alla recensione che ho scritto---> ...continua

    ">http://www.fantasymagazine.it/libri/16837/thunder-light…

    La recensione su questo libro è stata pubblicata sul sito di Fantasy Magazine quasi un mese fa. Perdonate la mia lentezza, sono stata impegnata con gli esami.

    Qui il link che porta direttamente alla recensione che ho scritto---> http://www.fantasymagazine.it/libri/16837/thunder-lightning/

    Buona lettura!! ^_^

    ha scritto il 

  • 4

    Sequel di 436, Thunder + Lightning è il secondo romanzo della bravissima autrice Anna Giraldo, pubblicato da Casini Editore lo scorso 27 febbraio.


    Siete amanti del fantasy che racchiude anche storie d'amore che fanno battere forte i cuori? Thunder + Lightnig, come 436, è il romanzo giusto ...continua

    Sequel di 436, Thunder + Lightning è il secondo romanzo della bravissima autrice Anna Giraldo, pubblicato da Casini Editore lo scorso 27 febbraio.

    Siete amanti del fantasy che racchiude anche storie d'amore che fanno battere forte i cuori? Thunder + Lightnig, come 436, è il romanzo giusto per voi.

    Particolarità di questo romanzo e del precedente è che è abbellito da una coverflip, una doppia copertina che può essere utilizzata da entrambi i lati. Su di un lato, oltre alle splendide immagini, troverete tutti i dati tecnici del romanzo (codice a barre, prezzo, etc...) sull'altro invece avrete una vera e propria opera d'arte. Personalmente adoro queste soluzioni.

    Il sequel di 436 ci proponeuna nuova Redlie. Conscia del fatto che la sua anima sia vissuta per migliaia di anni nel corpo di una donna forte e saggia, prima di reincarnarsi in lei, per tutto il romanzo dovrà combattere per accettare la sua immortalità.
    «Loro invecchieranno, noi no.»
    «Io non posso sostenere il peso di ciò che era lei. Di ciò che sono io.»

    Un cruccio che la attanaglierà dando vita ad una serie di battibecchi con il suo amato Sir Dowell, pronti a sfociare in veri e propri incontri e duelli dove se le daranno di santa ragione.

    Caratteristica particolare dello stile di Anna Giraldo è l'ironia che riesce a regalare alle battute dei suoi personaggi, anche durante i vari battibecchi, che rendono la lettura davvero piacevole:
    «- Chiedile se ha portato il latte - mi fa Sean. Sta componendo un numero sul cellulare.
    - Puoi farlo tu, parla la tua stessa lingua, sai? - lo apostrofo pungente»
    e ancora
    «Saresti così gentile da portare il bicchiere? E la botiglia, se le tue delicate manine, che mollano sberle da stendere un elefante, ce la fanno.»
    Senza pensare a come ha tratteggiato la zia Desy incinta: un personaggio che vi stupirà.

    E se la prima parte del romanzo sarà caratterizzata dall'angoscia persistente di Redly per aver acquisito i suoi nuovi poteri e per il peso che deriva da essi, la seconda sarà molto più ricca di azione e colpi di scena. Comunque ben alternate le situazioni di vita quotidiana alle scene di suspense con una maestria ed un magnetismo perfetti. Davvero brava l'autrice a celare il seguito ed a sorprendere il lettore: è vero che ha dato la dote a Nate di avere visioni che predicono il futuro, ma con ciò nulla è dato per scontato.

    Anche in questo romanzo non mancherà il cattivo della situazione da sconfiggere, insieme alla sua banda di animali tramutati in esseri dalle sembianze umane, mostri (vi dico solo che ci sarà un coccodrillo di 30 metri nel Po) e persino personaggi mitologici.

    Più spazio in questo secondo capitolo della serie anche agli amici di Redly: Tree, Elliot, Lucas, Anthony, Honey, Nate e Desy. Avrete modo di conoscere meglio anche le sorelle di Redly, Epiphany e Breathless, come il padre James.

    Tutti i personaggi hanno il loro spessore e le loro peculiarità e sono in grado di farsi amare dai lettori. In particolar modo, se nel primo capitolo sono rimasta affascinata dal temperamento di Redly e dall'aplomb di Sean, al termine di questa lettura mi sono affezionata molto a tutti, e forse Tim è ancora quello che mi fa più tenerezza ed a cui va tutto il mio affetto. Ho trovato Sean un pò troppo pieno di sè all'inizio di questo sequel ed un pò troppo zuccheroso nei confronti del suo amore, ma tutto sommato, alla fine del romanzo ha avuto modo di riscattarsi.
    Davvero tanti i personaggi che intervengono, oltre ai principali, e che mi auguro Anna ci presenti meglio nel prossimo capitolo: Alessandra, la madre di Redly con il suo nuovo compagno Andrea e la figlia Costanza; Jennifer, la fidanzata di Lucas; Christine la ragazza che sembra aver fatto colpo su Tree.

    Molto particolareggiate le descrizioni dei personaggi e soprattutto molto fantasiosa la caratterizzazione dei "cattivi".

    È una scrittura rilassante; l'armonia che si crea nel gruppo di questi personaggi "strambi" e così particolari è la stessa che giunge a noi leggendo le sue parole. Vi farà trascorrere ore serene e piacevoli e vi regalerà un finale con i fiocchi e ricco di colpi di scena.

    Un romanzo che ho amato e che è sicuramente adatto a tutti: ai giovani ma anche agli adulti perchè l'insegnamento che trasmette è universale: l'amicizia è uno dei valori più ricercati, belli e preziosi.

    ha scritto il 

  • 5

    Già nel primo libro avevo notato la grammatica, la prosa e la sintassi dell’autrice…ricercate credo sia il termine più appropriato. Mi ricordo che fin dalle prime righe mi sono detta: ” Finalmente una che scrive in italiano!”.
    E anche in questo secondo capitolo troviamo una scrittura fluida ...continua

    Già nel primo libro avevo notato la grammatica, la prosa e la sintassi dell’autrice…ricercate credo sia il termine più appropriato. Mi ricordo che fin dalle prime righe mi sono detta: ” Finalmente una che scrive in italiano!”.
    E anche in questo secondo capitolo troviamo una scrittura fluida, completa e accurata.
    Prendendo in mano il libro possiamo quindi da subito concentrarci sulla trama senza rischio di incappare in parole o frasi ammazza italiano (o come si dice qui da me, di incappare nell’italiano correggiuto XD).
    Il libro si apre con una scena molto evocativa di Redlie e le sorelle nell’anima, Breathless ed Ephipany, durante un incontro con il re primigenio…colui che le aveva “create” e che aveva dato loro i rispettivi ciondoli e poteri.
    E nonostante la situazione richieda serietà e una certa “pompa magna”, dovuta per l’appunto al grande personaggio che Redlie stà incontrando per la prima volta, Redlie è…bè…Redlie! e l’ironia e l’irrequietezza tornano di prepotenza.
    Il bello di questo volume è che riprende esattamente da dove avevamo lasciato i nostri protagonisti in 436, ma non lo fa partendo alla riscossa con nuove avventure, bensì rinsaldando la nostra conoscenza di Redlie e Sean e di tutti gli amici della coppia: Honey, Anthony, Elliot, Tree, Lucas, James, Daisy, Nate…
    Le nuove difficoltà di Redlie ad accettare la sua immortalità e i vecchi ricordi che affiorano…le vecchie, ma sempre nuove, difficoltà di Sean a vivere, amare ed essere riamato dagli altri.
    La necessità di trovare un equilibrio nella loro nuova vita.
    Perchè anche questo volume è un calderone ricchissimo di sentimenti: amicizia, amore, sacrificio, forza, fiducia. Dolore, paura, insicurezza, rabbia. Due brevi battute che mi sono piaciute particolarmente…

    “-Devo avere forza, vero?- Conosco la risposta.
    -Devi lottare per ciò che sei, Redlie. Perché tu sei splendida e splende tutto ciò che è in grado di irradiarsi dalla tua luce e non ci sarà dote o ricordo in grado di ostacolare il tuo cammino.-”

    “Il mio tormento viene da te, ma si alimenterebbe della tua assenza. Il fatto che ti ami in tutto questo è marginale e assieme dannatamente importante. Il mio tormento viene dal nostro segreto e comprende te e il nostro segreto a sua volta.”

    E’ decisamente un romanzo di crescita. Crescita per l’autrice, che migliora sempre più le sue capacità affiorate già in 436 e nei vari racconti brevi pubblicati in giro tra riviste e web, e di crescita dei personaggi che seguono di pari passo l’evoluzione di chi li ha creati. Personaggi che si dimostrano sempre più fuori dall’ordinario.
    Per quello che sono, data l’ambientazione fantasy, e per come si comportano…sempre affiatati, legati più di fratelli, di un altruismo infinito. Tutte cose che ai nostri giorni sono sicuramente molto rare.
    E poi ovviamente si entra nel clou del libro e arrivano le nuove avventure. Tra mito e fantasia, battaglie e viaggi Redlie e la sua compagnia di freak dovranno scoprire nuove magie e combattere vecchi e nuovi nemici.
    Perchè tutto dipende dalla pelle del giaguaro.
    Altra cosa che mi è piaciuta moltissimo in 436 e che ritorna a anche qui, anche se un pò meno, è la presenza di frasi e modi di dire inglesi (data l’ambientazione londinese) che, oltre ad essere utili in sè per farsi un pò di cultura linguistica ;) , rendono ancor più realistico, e quindi ci fa entrare con immagini vivide, il background della storia.
    Signora Giraldo, ancora complimenti.
    http://azurestrawberry.altervista.org/?p=3899

    ha scritto il 

  • 4

    TUONI E FULMINI....

    Raramente titolo fu più "azzeccato" di questo.
    Nelle oltre 500 pagine di "Thunder & Lightning" è proprio quello che "vediamo" ; che percepiamo...
    Le sensazioni che ci fa provare sono proprio quelle che possiamo avere durante un temporale...
    ECCITAZIONE ...continua

    TUONI E FULMINI....

    Raramente titolo fu più "azzeccato" di questo.
    Nelle oltre 500 pagine di "Thunder & Lightning" è proprio quello che "vediamo" ; che percepiamo...
    Le sensazioni che ci fa provare sono proprio quelle che possiamo avere durante un temporale...
    ECCITAZIONE, PAURA, EUFORIA, TENSIONE....
    INQUIETUDINE...
    "Thunder & Lightning" del temporale ha l'INTENSITA'...
    E come in un temporale, quando il cielo è scuro e minaccioso e l'ATMOSFERA E' CUPA, MALINCONICA, TRISTE, aleggia pur sempre la SPERANZA di rivedere il Sole; una sorta di consapevolezza che per quanto brutto, per quanto forte, per quanto minaccioso possa essere alla fine arriverà sempre il sereno.
    "Thunder & Lightning" è roboante COME IL TUONO...
    e IL SUO ECO PERSISTE ben oltre la luce del LAMPO, che comunque c'è, ed è ABBAGLIANTE!
    E come il lampo COLPISCE, lascia il segno; e il suo parafulmine non è altro che il mio cuore.

    ...Perchè ormai è assodato... una semplice conferma alle mie ben salde convinzioni...la consapevolezza di essere totalmente e inesorabilmente innamorata del mondo fantastico creato dall'ABILE PENNA e dal GRANDE ANIMO di Anna Giraldo.

    Come posso riuscire quindi ad offrirvi un opinione il più possibile obbiettiva quando ciascun personaggio è diventato così vivo nel mio immaginario, tanto da diventare quasi un amico in carne ed ossa a cui voglio bene? Non può essere altro che un piacere trovarmi di nuovo in mezzo a loro non solo in un'AVVENTURA ma anche in una QUOTIDIANITA' che l'autrice descrive così bene e che contribuisce a farmi sentire una di loro?!?
    Immagino che questo potrebbe essere uno dei difetti imputabili alla Giraldo da un lettore un pochino più distaccato ( traduci che non ha le pupille a cuoricino per Redley, Seann, Honey, Tree & Company come la sottoscritta e che avrebbe gradito anche un romanzo lungo il doppio pur di continuare a stare in loro compagnia...); E' indubbio che l'autrice indugi in descrizioni minuziose di scene domestiche che un pochino possono distogliere "l'attenzione" dalle scene più "focali" della trama, che si regge e si costruisce su scene di azione e mistero, che forse - e dico forse - sarebbero potute essere analizzate meglio o spiegate di più. Ma a mio avviso ( e non solo per gusto personale ) è proprio questa la forza di Anna Giraldo! La sua maestria nel portarci per mano nei suoi libri, come la migliore delle padrone di casa... Ci porta nei suoi luoghi, nella sua mitologia, nel suo mondo catapultandoci direttamente fra le righe... Ci fa toccare i tessuti, annusare gli odori, gustare i sapori... Siamo dentro il libro... In compagnia di Redley e Sean e tutti gli altri.
    Facciamo parte del gruppo.

    E' bello respirare questa sorta di ARIA HIPPY PARANORMALE...
    Peace & Love...
    L'Amore e l'Amicizia sono le forze che fanno girare il mondo.
    Questo Redley e i suoi libri ce lo gridano forte e chiaro...
    E se vi piace il concetto...
    Non indugiate oltre e unitevi alla compagnia di questi straordinari personaggi.
    Non ve ne pentirete!
    ...Vi entreranno nel cuore.
    Sarà un colpo di ...FULMINE!!!!
    http://sognandotralerighe.blogspot.it/2012/03/thunder-lightning-di-anna-giraldo.html

    VOTO: Quattro stelle e mezzo. Ma solo perchè 436 per me era stato "ESAGERATO"; uno di quei libri che mi hanno più colpito ed emozionato fra quelli letti finora. ...E vi assicuro che sono un bel po'!!! ^_^
    La trama e i colpi di scena sono stati davvero notevoli; sia in senso assoluto, sia se la consideriamo opera prima dell'autrice.
    Dignitosissimo seguito comunque altrettanto bello. Solo che "non è stata una sorpresa"...ma semplicemente una grande riconferma di una scrittrice di talento che non smetterò mai di seguire!!

    C.O.N.S.I.G.L.I.A.T.I.S.S.I.M.O.
    http://sognandotralerighe.blogspot.it/2012/03/thunder-lightning-di-anna-giraldo.html

    E se ancora non avete letto 436... Cosa state ancora aspettando????!!!???

    ha scritto il 

  • 0

    Avete presente quando alla chiusura di un libro, soprattutto dopo un lieto fine, non desiderate altro che ci siano altre pagine, anche infarcite di piccole e poco significanti quotidianità e ordinari episodi, per godere ancora della presenza dei protagonisti e soprattutto della felicità che hanno ...continua

    Avete presente quando alla chiusura di un libro, soprattutto dopo un lieto fine, non desiderate altro che ci siano altre pagine, anche infarcite di piccole e poco significanti quotidianità e ordinari episodi, per godere ancora della presenza dei protagonisti e soprattutto della felicità che hanno finalmente raggiunto? E avete presente anche quando, in assenza di queste pagine, continuate a sognare costruendo voi il seguito della storia incapaci di abbandonare essa e i personaggi? Qualcuno più artistico e dotato di altri mette per iscritto questi “sogni”, che diventano fanfictions; e del resto il fine della maggior parte delle fanfic, per quanto queste possano essere fedeli allo stile e alla caratterizzazione originali, è riempire i “vuoti” lasciati dagli autori, rendere reale (sulla carta, of course) quello che si sarebbe desiderato l’autore scrivesse, ma che non ha scritto e che probabilmente mai scriverebbe, per amore di coerenza, per rispetto della trama, per la conservazione dell’equilibrio.

    Ecco, Thunder + Lightning farà felici coloro che hanno amato il suo prequel e che hanno sofferto, si sono emozionati con i suoi protagonisti e hanno poi sognato o scritto di loro perché, in un certo senso, gran parte del libro ha le sembianza di una fanfic,

    Continua su: http://www.diariodipensieripersi.com/2012/03/recensione-thunder-lightning-di-anna.html

    ha scritto il 

  • 3

    Tre stelline e mezza


    Avete presente quando alla chiusura di un libro, soprattutto dopo un lieto fine, non desiderate altro che ci siano altre pagine, anche infarcite di piccole e poco significanti quotidianità e ordinari episodi, per godere ancora della presenza dei protagonisti e s ...continua

    Tre stelline e mezza

    Avete presente quando alla chiusura di un libro, soprattutto dopo un lieto fine, non desiderate altro che ci siano altre pagine, anche infarcite di piccole e poco significanti quotidianità e ordinari episodi, per godere ancora della presenza dei protagonisti e soprattutto della felicità che hanno finalmente raggiunto? E avete presente anche quando, in assenza di queste pagine, continuate a sognare costruendo voi il seguito della storia incapaci di abbandonare essa e i personaggi? Qualcuno più artistico e dotato di altri mette per iscritto questi “sogni”, che diventano fanfictions; e del resto il fine della maggior parte delle fanfic, per quanto queste possano essere fedeli allo stile e alla caratterizzazione originali, è riempire i “vuoti” lasciati dagli autori, rendere reale (sulla carta, of course) quello che si sarebbe desiderato l’autore scrivesse, ma che non ha scritto e che probabilmente mai scriverebbe, per amore di coerenza, per rispetto della trama, per la conservazione dell’equilibrio.

    Ecco, Thunder + Lightning farà felici coloro che hanno amato il suo prequel e che hanno sofferto, si sono emozionati con i suoi protagonisti e hanno poi sognato o scritto di loro, perché in un certo senso gran parte del libro ha le sembianza di una fanfic, pur essendo assolutamente originale.

    Come se l’autrice fosse una lettrice tra le tante altre sognatrici romantiche e amasse visceralmente i suoi personaggi, regala a questi pagine e pagine di piccole cose quotidiane (vero che le dissemina di indizi, ma questi spesso non appaiono determinanti) prima che inizi la “vera a e propria” storia; e soprattutto regala loro un legame saldo e saturo d’amore per tutto il libro e un lieto fine che rende tutti, ma proprio tutti, felici, sereni, speranzosi nel futuro (della cui luminosità hanno qualche discreta certezza, viste le doti premonitive di alcuni di loro).

    L’autrice insomma realizza un sogno. Quello del far parte di un gruppo strettamente e indissolubilmente legato, dell’essere amati per quello che si è senza condizioni e ristrettezze; nello specifico di Redlie anche quello dell’avere accanto un padre che ci stima enormemente e da stimare altrettanto e dell’avere poteri straordinari (nonché una bellezza e un’intelligenza invidiabili). E soprattutto, quello di avere accanto, e per l’eternità, l’essere che ci completa e che valorizza i nostri pregi e i nostri difetti rendendoci migliori, paghi, felici.

    Per spezzare questo idillio, che in certi brani del libro può apparire eccessivo e, a tratti, persino patetico, l’autrice inserisce furiose, accese, ma brevi litigate tra i due protagonisti, Redlie e Sean, e, in uno o due casi, alterchi irrazionali nel gruppo di amici. Se questi ultimi appaiono un poco forzati perché difficilmente conciliabili con la natura amabile e luminosa dei personaggi, i litigi e le incomprensioni tra i due amanti sono spesso feroci e rispecchiano le loro nature selvatiche e indipendenti. E sono ulteriormente giustificati dal dramma che i due stanno vivendo, vero antagonista nella storia. Perché nel libro compaiono nemici (anche se, come detto, forse un po’ tardivamente nell’economia della narrazione), che ordiscono piani complessi, coinvolgono nei loro progetti innocenti, progenie incapace, mostri e persino i personaggi mitologici di un quadro, mettono in difficoltà i protagonisti e a repentaglio le loro vite. Ma il vero nemico da sconfiggere, quello capace di allontanare tutti, di ferire la fratellanza e di spegnere l’amore, è quello contro cui combattono Redlie e Sean. L’immortalità: le scelte che comporta, le rinunce che pretende, le paure che scoperchia.

    “Sto vivendo, anziché sopravvivere, per la rima volta. Ti ho incontrata e credevo che avrei amato te e solo te. Invece tu hai portato il sole e hai illuminato tutti coloro che ti circondano.”

    Forse il problema, che scuote nel profondo Redlie e Sean e riesce a fare vacillare persino il loro amore, fa capolino un poco prematuramente, visto che i due amanti hanno appena ottenuto il dono di stare insieme per sempre, dopo essersi persi 436 anni prima senza la speranza di ritrovarsi, hanno da poco scoperto l’intimità (della quale pare non siano mai sazi, in modo spesso imbarazzante) e sono nel pieno della fase sognante, un po’ folle e un po’ cieca, dell’innamoramento. Ma il tema rimane profondo, ed è la ricerca di una possibile verità da rendere come risposta alla domanda “Cosa significa vivere per sempre, se non si ha nessuno con cui condividere l’eternità?”. Nessuno basta a se stesso. E spesso nemmeno un’altra persona può bastare all’altra, per quanto questa sia speciale, unica e irrinunciabile per lei (e infatti, il leitmotiv di Sean, che trafigge il cuore di Redlie ogni volta, è lo struggente “Tu non sei mia”). Perché l’amore è come un sasso gettato nell’acqua, che per legge di natura genera infiniti cerchi che increspano la superficie, sempre più ampi, sempre più generosi, sempre più abbraccianti. E Redlie e Sean hanno già allargato i loro cerchi, comprendendo numerosi cuori e volti che la loro immortalità li costringerà ad abbandonare. Queste le parole di Redlie:

    “L’amore è un sentimento vigliacco. Non si basta mai. Non puoi fermarti a un solo essere umano, se hai cominciato ad amare. Devi allargare il cerchio e comprendere gli altri perché il tuo amore vuol crescere e prosperare. Ma se una parte della cosa sola che siete tu e il tuo amato crede di non meritare tanto? Se l’amore è cresciuto più velocemente di quanto non siano cresciuti gli amanti? Perché il nostro amore è esploso, ma noi siamo rimasti due piccoli diciottenni impauriti e ci siamo accorti d’un tratto che ogni strada percorribile ci avrebbe condotti lontani anni luce dalla felicità.”

    Come già detto, Redlie e Sean troveranno la strada giusta invece; il lieto fine è assicurato per tutti, e l’autrice lascia aperte le porte per proseguire la storia almeno con un altro romanzo, assolutamente auspicabile. Perché nonostante un talvolta eccessivo e sdolcinato buonismo; nonostante una certa leggerezza narrativa (ma è da rilevare che linguaggio e temi sono per la fascia young adult); nonostante i numerosi capitoli che, pur dando parecchia soddisfazione ai lettori più romantici, obiettivamente sono di troppo, perché rallentano il ritmo della narrazione e ledono l’equilibrio della trama; nonostante la dimensione magica rimanga un poco farraginosa e indefinita (ad esempio, non mi è ancora chiaro se la se trasmissione dei poteri avvenga per via genetica oppure per metempsicosi, anche se rispetto al primo libro il background soprannaturale ha acquisito contorni più precisi; il libro lascia quel senso di indeterminata nostalgia, che lega ai suoi personaggi e alle sue atmosfere anche nei giorni che seguono al ritorno del tomo sullo scaffale. E soprattutto trasmette qualcosa di importante, di buono, di luminoso, di caldo… il desiderio di amare e di essere amati in modo puro, senza condizioni, riserve, limitazioni. E il desiderio di migliorarsi, per se stessi e per gli altri.

    Recensione anche qui:
    http://www.diariodipensieripersi.com/2012/03/recensione-thunder-lightning-di-anna.html

    ha scritto il 

  • 0

    Thunder + Lightning, di Anna Giraldo, il seguito di 436

    http://www.booksblog.it/post/9499/thunder-lightning-di-anna-giraldo-il-seguito-di-436

    Thunder + Lightning, di Anna Giraldo, è il seguito di 436, romanzo d’esordio dell’autrice mantovana.

    ha scritto il