Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Thus Spoke Zarathustra

A Book for Everyone and Nobody

By

Publisher: Oxford University Press

4.2
(3998)

Language:English | Number of Pages: 384 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Chi traditional , German , French , Italian , Korean , Portuguese , Japanese , Swedish , Dutch , Farsi , Romanian , Polish , Greek , Catalan , Turkish , Chi simplified , Croatian , Russian

Isbn-10: 0199537097 | Isbn-13: 9780199537099 | Publish date: 

Translator: Graham Parkes

Also available as: Hardcover , Audio CD , Unbound , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Religion & Spirituality

Do you like Thus Spoke Zarathustra ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
'The profoundest book there is, born from the innermost richness of truth, an inexhaustible well into which no bucket descends without coming up with gold and goodness.' Thus Spoke Zarathustra (1885) was Nietzsche's own favourite among all his books and has proved to be his most popular, having sold millions of copies in many different languages. In it he addresses the problem of how to live a fulfilling life in a world without meaning, in the aftermath of 'the death of God'. Nietzsche's solution lies in the idea of eternal recurrence which he calls 'the highest formula of affirmation that can ever be attained'. A successful engagement with this profoundly Dionysian idea enables us to choose clearly among the myriad possibilities that existence offers, and thereby to affirm every moment of our lives with others on this 'sacred' earth. This translation of Zarathustra (the first new English version for over forty years) conveys the musicality of the original German, and for the first time annotates the abundance of allusions to the Bible and other classic texts with which Nietzsche's masterpiece is in conversation.
Sorting by
  • 5

    Zarathustra "il profeta della Terra"

    "Un libro per tutti e per nessuno" recita la copertina. Nietzsche è uno dei filosofi più citati e conosciuti al mondo, tuttavia le sue opere portano con sé ancora delle ombre per l'uomo moderno. "Chissà quante generazioni dovranno trascorrere per produrre alcune persone che riescano a sentire de ...continue

    "Un libro per tutti e per nessuno" recita la copertina. Nietzsche è uno dei filosofi più citati e conosciuti al mondo, tuttavia le sue opere portano con sé ancora delle ombre per l'uomo moderno. "Chissà quante generazioni dovranno trascorrere per produrre alcune persone che riescano a sentire dentro di sé ciò che ho fatto [...]" così Nietzsche si esprimeva a proposito del suo Zarathustra. Lo stesso filosofo faticava a stare al passo del profeta che, ad un certo punto, appare come crescere, staccarsi dal suo creatore, acquistare un'anima e vivere di vita propria. Questo Superuomo che nella sua solitudine aveva meditato le cose del mondo ed era passato oltre, al di là del bene e del male, adesso è ridisceso tra gli uomini per condividere con loro le visioni e gli enigmi della conoscenza universale, per aprire finalmente gli occhi dei "dormienti"...tuttavia, egli non è la bocca per quegli orecchi.

    "Così parlò Zarathustra" è un opera che cambia, si trasforma, sfugge ad ogni lettura e ad ogni lettura la sua poesia si rivela a noi attraverso l'intuizione...

    "Al di sopra di voi stessi dovrete amare un giorno! Perciò imparate prima di tutto ad amare! E per questo foste costretti a bere il calice amaro del vostro amore! " 

    said on 

  • 5

    Volere libertà: questa è la vera dottrina della volontà e della libertà - così ve la insegna Zarathustra.
    Non più volere e non più valutare e non più creare!ah rimanga sempre da me lontana questa grande stanchezza!
    Anche nel conoscere io sento solo la mia volontà che gode di genera
    ...continue

    Volere libertà: questa è la vera dottrina della volontà e della libertà - così ve la insegna Zarathustra.
    Non più volere e non più valutare e non più creare!ah rimanga sempre da me lontana questa grande stanchezza!
    Anche nel conoscere io sento solo la mia volontà che gode di generare e di divenire; e se nella mia conoscenza è innocenza, ciò accada perché in essa è volontà di generare.
    Via a Dio e dagli dèi mi ha allettato questa volontà; che cosa mai resterebbe da creare, se gli dèi - esistessero!

    Impossibilè è la vita, il divenire, se Dio è.

    Così parlò Zarathustra.

    said on 

  • 2

    Non so bene cosa mi aspettassi ma certo non quello che ho trovato. Un libro illeggibile assolutamente privo di logica. Certo che su questo si sono basati per il Mito del Superuomo ... erano propri ben messi!

    said on 

  • 2

    Distante

    Con il suo stile e il suo contenuto così fuori dal tempo, per me non è stata una lettura semplice. Tutto appare distante, intangibile, e prolisso, in una misura che esce dalla mia concezione di piacere, coinvolgimento e interesse.
    Ho iniziato la lettura di questa preziosa opera a più ripres ...continue

    Con il suo stile e il suo contenuto così fuori dal tempo, per me non è stata una lettura semplice. Tutto appare distante, intangibile, e prolisso, in una misura che esce dalla mia concezione di piacere, coinvolgimento e interesse.
    Ho iniziato la lettura di questa preziosa opera a più riprese, determinata a non abbandonarla a metà, proprio perché già conoscitrice della filosofia nietzschiana, e consapevole dalla sua importanza. Volevo toccare con mano il suo pensiero, estrapolarlo senza filtri se non quelli della sua parola, dialogare con lui attraverso la lettura della sua opera prima, conoscere di persona l’antico profeta persiano Zarathustra e lasciarmi raccontare la sua storia. Ma la noia ha preso il sopravvento ed ogni tentativo di lettura è stato un gioco al massacro per la mia (dis)attenzione.
    Impossibile poi non notare le similitudini, quantomeno strutturali, con “Il profeta” di Kahlil Gibran, il quale, quest’ultimo, ha tratto dichiaratamente ispirazione da Nietzsche nella stesura di quello che per me, a suo tempo, fu un vero e proprio Vangelo di vita.

    said on 

  • 2

    La scrittura di Così parlò Zarathustra sembra sia, per Nietzsche, un modo per superare la difficile metabolizzazione della fase edipica: il padre -predicatore- è infatti morto lasciando un Nitzsche bambino di soli 5 anni, ed è inevitabile che il figlio lo idealizzi; liberarsi di questo pad ...continue

    La scrittura di Così parlò Zarathustra sembra sia, per Nietzsche, un modo per superare la difficile metabolizzazione della fase edipica: il padre -predicatore- è infatti morto lasciando un Nitzsche bambino di soli 5 anni, ed è inevitabile che il figlio lo idealizzi; liberarsi di questo padre idealizzato comporta vestire i panni di Zoroastro erigendosi Messia. Nizsche, all'inizio della seconda parte, nel paragrafo "Dei Preti", se ne occupa affrontando la questione di petto, e rivolto ad immaginari discepoli scrive: "Ecco i preti: e se anche sono miei nemici, passate davanti a loro in silenzio e con la spada a riposo", escludendo con ciò una interpretazione troppo letterale del mito edipico; mentre più in là aggiunge: "Ma il mio sangue è imparentato con il loro; ed io voglio saper onorare il mio sangue anche nel loro", facendo così del padre il figlio e viceversa.

    L'opera è pesantemente legata all'epoca e all'ambiente dell'eroe iper romantico d'impronta wagneriana. In veste di Zoroastro Nitzsche si sforza di rovesciare i principi presumibilmente contenuti nella predicazione paterna; ma se A+B da come risultato C, allora B+A non darà un risultato diverso: Così parlò Zarathustra è intriso dell'idea conflittuale degli opposti che caratterizza la nostra cultura ebraico-cristiana-islamica. E il Zoroastro di Nietzsche torna per mescolare le carte, ma sono sempre le medesime carte.

    Come raccolta di aforismi se ne trova alcuni eccelsi. Troppo poco.

    said on 

Sorting by