Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ti prendo e ti porto via

Di

Editore: Mondadori

4.0
(12102)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Olandese , Tedesco

Isbn-10: A000061660 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Ti piace Ti prendo e ti porto via?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    P.s. Preparati, che quando passo da Bologna ti prendo e ti porto via.

    http://diariodiunadipendenza.blogspot.it/2015/08/recensione-ti-prendo-e-ti-porto-via-di.html

    ha scritto il 

  • 3

    Rischio spoiler

    Dopo la Mazzantini, leggere Ammaniti e' come mangiare le ricola al limone e miele. Bello. In particolare la descrizione della tipica donna del Sud alle prese con i fornelli: letteralmente da lacrime a ...continua

    Dopo la Mazzantini, leggere Ammaniti e' come mangiare le ricola al limone e miele. Bello. In particolare la descrizione della tipica donna del Sud alle prese con i fornelli: letteralmente da lacrime agli occhi per le risate, risuonate in un aereo pieno di tedeschi educatissimi! Da leggere

    ha scritto il 

  • 3

    Madonna che botta.

    Ok, Ammaniti si legge davvero bene, almeno questo, è il primo che leggo di lui. Il libro l'ho divorato, ma mi ha lasciato molto, troppo amaro in bocca. C'è chi dice "Sì, ma è quest ...continua

    Madonna che botta.

    Ok, Ammaniti si legge davvero bene, almeno questo, è il primo che leggo di lui. Il libro l'ho divorato, ma mi ha lasciato molto, troppo amaro in bocca. C'è chi dice "Sì, ma è questa la realtà". Mi chiedo se non ci sia in questa storia un eccesso di realtà e di... negatività. Per me è un peccato.

    ha scritto il 

  • 2

    Arrivata a pagina 300 mi sono chiesta dove volesse andare a parare l'autore e ciò mi ha spinta a finirlo (anche se con fatica).
    Il finale devo ammettere che non me lo aspettavo poiché sviluppato tropp ...continua

    Arrivata a pagina 300 mi sono chiesta dove volesse andare a parare l'autore e ciò mi ha spinta a finirlo (anche se con fatica).
    Il finale devo ammettere che non me lo aspettavo poiché sviluppato troppo in fretta e capisco che sono passati 6 mesi tra gli eventi narrati ma l'ho trovato assurdamente insensato...
    Sono rimasta davvero perplessa anche dai comportamenti dei personaggi stessi e dalla loro caratterizzazione, leggendo il libro non sono riuscita ad emozionarmi nemmeno una volta né a provare empatia verso uno di loro.
    Non credo che lo rileggerò!

    ha scritto il 

  • 3

    Dopo tanti anni l'ho riletto . All'inizio ero delusa,non capivo cosa ci avessi trovato di interessante la prima volta ma poi mi sono fatta prendere completamente. Flora Palmieri è talmente ben disegna ...continua

    Dopo tanti anni l'ho riletto . All'inizio ero delusa,non capivo cosa ci avessi trovato di interessante la prima volta ma poi mi sono fatta prendere completamente. Flora Palmieri è talmente ben disegnata che potresti dire di conoscerla

    ha scritto il 

  • 4

    magistrale

    Scritto magistralmente, semplice, ma appassionante. Un ragazzino e la bocciatura a scuola dovuta ai soprusi di un gruppo di ragazzi che lo coinvolgono in un casino, tante storie si intrecciano con al ...continua

    Scritto magistralmente, semplice, ma appassionante. Un ragazzino e la bocciatura a scuola dovuta ai soprusi di un gruppo di ragazzi che lo coinvolgono in un casino, tante storie si intrecciano con al sua, nel piccolo paese di Ischiano scalo, tutto il racconto si conclude con una grande assunzione di responsabilità, maestria di consapevolezza.

    ha scritto il 

  • 2

    E' il mio primo libro di Ammaniti e non lo so. Deluso non è la parola giusta, sufficiente forse (ma senza cattiveria). Diciamo che non mi ha preso molto durante la lettura; scritto un po' così con la ...continua

    E' il mio primo libro di Ammaniti e non lo so. Deluso non è la parola giusta, sufficiente forse (ma senza cattiveria). Diciamo che non mi ha preso molto durante la lettura; scritto un po' così con la trama un po' cosà. Lo consiglio? Forse in questi giorni che fa caldo, in spiaggia, sotto l'ombrellone, tre giorni durante il weekend.

    ha scritto il 

Ordina per