Tifone

Audiolibro

Di

Editore: Il Narratore Audiolibri

3.8
(1081)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Spagnolo

Isbn-10: 8888211551 | Isbn-13: 9788888211558 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida , Paperback

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Viaggi

Ti piace Tifone?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il mare è calmo e piatto. La nave procede tranquilla verso il porto di Fu Chou. Ma a un certo punto succede qualcosa di strano: la superficie del mare comincia a muoversi in modo inatteso. Un'onda bassa, lunghissima e lenta si muove verso la nave. Poi un'altra un po' più grande... e poi altre e altre ancora, sempre più alte e forti e frequenti. E quando finalmente l'equipaggio realizza cosa sta succedendo, ormai è troppo tardi per cambiare la rotta: la nave è diretta verso un tifone tropicale d'inaudita violenza. L'unica speranza di sopravvivere, secondo il capitano Mac Whirr, è di entrarci dentro e superarlo in fretta. Ma oltre alla furia del mare, dovrà affrontare l'ostilità del suo equipaggio, e soprattutto del giovane primo ufficiale Jukes...
Ordina per
  • 4

    Con Conrad ho un rapporto di amore /odio, ho adorato alcuni romanzi e odiato altri. Questo sta nella parte 'buona'. È un romanzo breve, gradevole e la descrizione del tifone che assale la nave è fenom ...continua

    Con Conrad ho un rapporto di amore /odio, ho adorato alcuni romanzi e odiato altri. Questo sta nella parte 'buona'. È un romanzo breve, gradevole e la descrizione del tifone che assale la nave è fenomenale. I tre personaggi principali, il capitano quasi autistico per la sua mancanza di fantasia, il primo ufficiale un po' irruente e il saggio Solomon capo macchinista formano una triade molto interessante in termini narrativi.
    Le donne non compaiono che in brevi accenni all'inizio e alla fine del romanzo è soprattutto la moglie del capitano è un po' inquietante nella sua freddezza.

    ha scritto il 

  • 3

    Affronta la tempesta

    « Non esiste nulla che alletti, disincanti e renda schiavi quanto la vita di mare,
    in nessun altro tipo di vita l'illusione è più distante dalla realtà,
    in nessun altro l'inizio è soltanto illusione
    e ...continua

    « Non esiste nulla che alletti, disincanti e renda schiavi quanto la vita di mare,
    in nessun altro tipo di vita l'illusione è più distante dalla realtà,
    in nessun altro l'inizio è soltanto illusione
    e il disincanto è più rapido e la sottomissione più totale»
    Joseph Conrad

    Racconto lungo pubblicato nel 1902.
    È la storia della battaglia condotta dal Nan-Shan, piroscafo a vapore, contro un tifone; è la descrizione suggestiva della sopravvivenza in mare in condizioni estreme. Un improbabile capitano, MacWhirr, lo governa: è egli stravagante nell’aspetto, “comune, insensibile e imperturbabile”nell’animo; giovanissimo, come il nostro Conrad, ha lasciato l’agiatezza per andare in marina. La sua impassibilità non è scalfita nemmeno dall’improvvisa caduta di pressione”di natura minacciosamente profetica”e quando la furia degli elementi si abbatterà sull’imbarcazione, il suo modo di agire rimarrà improbabile, coraggioso, imprevedibile e vincente.
    La narrazione offre diversi “piani” descrittivi. In coperta, lo scatenarsi della tempesta: onde bestiali, vento, il tramonto che cede il passo a una buia e nera notte. Nella sala macchine, il febbrile tentativo di mantenere alta la pressione dei vapori, tra sinistri clangori e cigolii ad oltre quaranta gradi perché i ventilatori sono mal orientati. Il ponte intermedio a prora è occupato invece da duecento coolies rientranti in patria dopo sette anni di duro lavoro, ognuno con la propria cassetta di legno di sandalo, contenente i frutti delle loro fatiche. Tante piccole fortune destinate ad un infernale rollio e alla bolgia della mescolanza reciproca e terribilmente livellatrice. Povertà, ricchezza, vita, morte, superiorità razziale, rispetto umano, paura e speranza e su tutte il potere decisionale di un uomo modesto che affronta il pericolo di petto e non secondo manuale, impermeabile anche all’incantesimo della tempesta.
    Da leggere per “toccare il valore ideale delle cose, degli avvenimenti e degli esseri”, come nella migliore poetica conradiana. Vietato ridurlo a un semplice racconto di mare.

    ha scritto il 

  • 5

    Del 1902.
    C'è qualcosa, nei personaggi e nell'empatia che Conrad prova per loro, che è affascinante. L'avventura, di per se stessa, non è chissà che. C'è altro, più profondo, che mi ha fatto amare anc ...continua

    Del 1902.
    C'è qualcosa, nei personaggi e nell'empatia che Conrad prova per loro, che è affascinante. L'avventura, di per se stessa, non è chissà che. C'è altro, più profondo, che mi ha fatto amare ancora una volta (l'ho già letto da adolescente) questo breve romanzo.

    ha scritto il 

  • 4

    Racconto perfettamente calibrato per lunghezza e contenuti. Non contiene una parola di troppo, e ciò davvero vuol dire tanto.
    L'ho amato moltissimo nella traduzione di Alda Politzer.

    ha scritto il 

  • 4

    ... mi spiacerebbe perderla ...

    Sul finire dell’estate di un imprecisato anno di fine Ottocento, sul mar della Cina Meridionale, il piroscafo Nan-Shan arranca alla volta del porto di Fu-chou. La nave batte bandiera siamese, ma è sta ...continua

    Sul finire dell’estate di un imprecisato anno di fine Ottocento, sul mar della Cina Meridionale, il piroscafo Nan-Shan arranca alla volta del porto di Fu-chou. La nave batte bandiera siamese, ma è stata costruita solo qualche anno prima negli arsenali di Dumbarton, in Inghilterra, e la comanda il tetràgono Capitano MacWhirr, un incrocio tra Peter Sellers/Chance the Gardener di Oltre il giardino e il Gregory Peck/Capitano Achab di Moby Dick. La nave trasporta merci e un ‘carico’ di duecento coolies(1) cinesi, che tornano ai villaggi nella provincia di Fu-chien, dopo qualche anno di lavoro in varie colonie tropicali. Il tempo è sereno, ma terribilmente afoso e senza vento; la continua discesa del barometro e un mare stranamente agitato non fanno presagire nulla di buono. Jukes, il giovane primo ufficiale, prova a suggerire di porre la prora a levante, per aggirare così il maltempo che si profila all’orizzonte. Ma il capitano, preoccupato del possibile ritardo, ”più di quattro quarte fuori rotta!”, decide di andare incontro al Tifone ...
    ... «Il suo grido risuonò come uno squillo d’allarme, tra le pareti metalliche della sala macchine. Verniciate di bianco, le pareti si innalzavano, inclinate a mo’ di tetto, verso la penombra dell’osteriggio; e tutto quell’ampio spazio somigliava all’interno d’un monumento, diviso in piani da griglie di ferro, con luci vacillanti a diverse altezze, e una massa d’ombra esitante al centro, tra il verticale agitarsi del macchinario sormontato dalla mole immobile dei cilindri. Un risuonar forte e selvaggio, fatto di tutte le voci dell’uragano, incombeva sul quieto calore dell’aria. l’ambiente odorava di metallo rovente e di olio, ed era offuscato da un tenue velo di vapore. I colpi di mare lì dentro sembravano passare da parte a parte con una scossa sorda e rintronante. Sul lucido dei metalli tremavano bagliori, come bianche lingue di fiamma; dal pagliolato sbucavan fuori una dopo l’altra le enormi manovelle in un lampeggiar d’ottone e d’acciaio – quindi sparivano ancora; mentre le bielle, dalle grosse articolazioni, simili a membra di scheletro, sembravano spingerle giù e di nuovo tirarle su con una precisione irresistibile. E più in fondo nella penombra altre bielle sgattaiolavano con decisione avanti e indietro, ciondolavano teste a croce, dischi metallici, scivolavano dolcemente l’uno sull’altro, lenti e regolari, in un gioco d’ombre e di luci. Talvolta quei movimenti poderosi e sicuri rallentavano tutt’insieme, quali funzioni d’un organismo vivente, colpito da un subitaneo accesso di languore; e gli occhi del signor Rout brillavano più cupi nel volto pallido e allungato. Egli combatteva la sua battaglia in pantofole di panno. Una giacchetta corta e lucida gli ricopriva appena le reni, e i bianchi polsi gli uscivano dalle maniche corte, quasi che il pericolo l’avesse fatto crescere, gli avesse allungato le membra, aumentato il pallore, infossati gli occhi.»
    Siete pronti? Indossate la cerata e calcate bene in testa il vostro sud-ovest. Preparatevi, inizia l’Avventura ...

    (1) Da Wikipedia: I "coolie" asiatici della fine del 1880 e dell'inizio del Novecento venivano utilizzati negli USA, in Australia, in Nuova Zelanda e nella Indie occidentali, come operai sfruttati nei lavori più umili e pesanti che gli occidentali non volevano fare. Lavoravano molte ore al giorno e venivano pagati poco e di rado, spesso trattati in modo ingiusto.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Una perla di rara bellezza.
    La Natura e la sua forza distruttrice raccontate con grande intensità in una prosa ricca e chiara per quanto densa di termini tipici del linguaggio marinaresco .
    Ben deline ...continua

    Una perla di rara bellezza.
    La Natura e la sua forza distruttrice raccontate con grande intensità in una prosa ricca e chiara per quanto densa di termini tipici del linguaggio marinaresco .
    Ben delineata è la figura del capitano MacWhirr, uno sciocco dalle vedute limitate che dimostra, alla fine, saggezza da vendere. Pennellati, ma con vigore, sono anche le figure del Secondo, del capo macchinista, del nostromo, dei cinesi imbarcati, tutti pezzi fondamentali all'economia del racconto. Straordinaria, infine, è la Natura, dipinta con tutte le gradazioni del nero, del blu, del grigio, del bianco, ossia con i colori tipici della tempesta: una creatura indomita che non si può combattere, solo assecondare.

    ha scritto il 

  • 4

    Prua all'onda

    «Non si lasci scoraggiare da niente», continuò il capitano, borbottando piuttosto in fretta. «La tenga con la prua al mare. Possono dire quello che vogliono, ma le onde peggiori corrono con il vento. ...continua

    «Non si lasci scoraggiare da niente», continuò il capitano, borbottando piuttosto in fretta. «La tenga con la prua al mare. Possono dire quello che vogliono, ma le onde peggiori corrono con il vento. La prua all’onda... sempre la prua all’onda... è questo il modo di cavarsela. Lei è un marinaio giovane. Affronti la tempesta. Ce n’è abbastanza per qualsiasi uomo. Non perda la testa.»

    Che si tratti di governare il timone di un piroscafo battente bandiera siamese o quello della tua vita, il consiglio è validissimo. Prua all'onda, sempre!
    Fatto questo preambolo dettato dall'emozione, devo dire che questo racconto di mare esile e turbinoso mi è piaciuto. Pur conservando tutte le mie riserve su Conrad, il quale tradotto o non tradotto conserva sempre uno stile piuttosto enigmatico, frammentato e bizzarramente imprevedibile, vedo che quando spira la brezza marina il polacco britannico dà il meglio di sè.
    Non so dire quanto mi sia piaciuto il capitano McWhirr, tarchiato quadrato e un po' fesso nella sua stolidità, certamente un personaggio originale per il quale risulta difficile parteggiare sospirosamente; risolve tutto con energia, ma senza un filo di romanticismo. Sa di pesce e di sale, non sa di avventura, ma nonostante tutto ha il suo discreto fascino antieroico.

    ha scritto il 

  • 5

    È uno splendido racconto tipicamente conradiano, dove l’Uomo e il Mare giocano a combattere ben sapendo che nessuno sconfiggerà mai l’altro, ma ciascuno deve all’avversario l’onore delle armi.
    L’”uomo ...continua

    È uno splendido racconto tipicamente conradiano, dove l’Uomo e il Mare giocano a combattere ben sapendo che nessuno sconfiggerà mai l’altro, ma ciascuno deve all’avversario l’onore delle armi.
    L’”uomo” è la straordinaria maestria dell’Autore nel creare ritratti psicologici memorabili; il “mare” è natura nel suo aspetto più materiale (si legge e si sentono gli spruzzi e l’ululato del vento), ma è al tempo stesso luogo del mistero, dell’altrove, spazio puramente immateriale di confronto con la propria interiorità, in assoluta solitudine anche se si coabita strettamente con i compagni di viaggio. L’uomo e il mare si compenetrano reciprocamente e si invadono, a volte in modo fastidioso o addirittura tragico; ma non esisterebbero l’uno senza l’altro: la vita vera è in mare, mentre sulla terraferma tutto sembra piatto, finto, vuoto.

    L’”uomo” di questo racconto è lo statico capitano MacWhirr, un personaggio enigmatico, spiazzante perché fin dall’inizio vien da chiedersi se ci fa o ci è. Parrebbe stupido, e quindi ne siamo vagamente disturbati: cerchiamo sempre l’eroe, inutile nasconderlo, e solo raramente riusciamo a tollerare l’antieroe, ma questo qui non è né l’uno né l’altro. È uno di quelli che sembrano destinati a navigare in acque calme, nella vita e nel mare, fino a finire dolcemente adagiati su una bara.
    Ma l’Autore accende un campanello d’allarme: le esistenze più banali a volte celano in sé qualcosa di imprevedibile, e un demiurgo pesca a caso nella mischia (il formicaio, splendida immagine) per assegnare i destini più avventurosi: alcune vite piatte hanno in sé un aspetto misterioso, proprio come certi tramonti afosi sul mare in bonaccia.

    Non starò a dire delle meravigliose descrizioni, veri pezzi di grande letteratura dove ancora una volta l’interazione fra uomo e natura è potente e inscindibile: la tempesta condiziona il carattere dei marinai, il vento isola l’uomo dai propri simili, l’uragano –questa forza che sradica alberi e fa impazzire i mari- si scontra con un uomo taciturno dal pensiero elementare, che però si rivelerà un grande capitano.

    Da ultimo, in questo connubio fra uomo e natura, non può mancare un’altra essenziale protagonista: la nave, meccanismo perfetto che si umanizza nella tempesta, raccoglie il rombo della burrasca e lo trasforma in urla di uomini impazziti, mentre il cuore pulsante della sala macchine sembra arrestarsi di fronte al pericolo, per poi ricominciare la sua corsa, impaziente di riprendere la lotta.

    Gruppo di lettura divertente, veloce e istruttivo. Lo si trova qui:
    http://www.anobii.com/forum_thread?topicId=3269823#new_thread

    ha scritto il 

  • 4

    Ha affrontato un tifone, ma è il cretino di sempre, come tutti noi.

    In questo romanzo c'è un mirabile equilibrio tra situazioni comiche e situazioni drammatiche che mi ricorda le commedie di Eduardo De Filippo.
    Questo equilibrio comico/drammatico viene proposto da sub ...continua

    In questo romanzo c'è un mirabile equilibrio tra situazioni comiche e situazioni drammatiche che mi ricorda le commedie di Eduardo De Filippo.
    Questo equilibrio comico/drammatico viene proposto da subito. Nelle prime pagine ci viene raccontato il capitano McWhirr che vede l'imbarcazione per la prima volta. Ha davanti un piroscafo, e lui cosa nota? La maniglia difettosa. E come se ne lamenta! Viene preso per pignolo e ottuso.
    Arriva il tifone, e lui? Va a consultare l'Enciclopedia della navigazione alla voce "Typhoon", ma non è ridicolo?
    Per non parlare della faccenda relativa alla bandiera. Per Jukes è degradante che un ufficiale della marina britannica sia costretto a navigare in un piroscafo battente bandiera del Siam. Ne parla a McWhirr, sperando di trovare in lui un complice: eh, capitano? Questa bandiera! Non c'è più mondo! Ma il capitano fa l'indiano: cos'ha che non va, questa bandiera? C'è l'elefante inscritto nel cerchio, è tutto a posto mi pare. E Jukes se ne va via infuriato.
    A un certo punto attacca un discorso motivazionale al timoniere: non è un gioco da ragazzi, solo tu puoi farcela, chiunque altro non riuscirebbe a condurre il piroscafo, pensi di farcela ad andare avanti? E il timoniere, con gli occhi di fuori e la mascella serrata, senza girarsi risponde: Perdio Capitano! Posso andare avanti per sempre, se nessuno mi parla! E McWhirr balbetta qualcosa e lo lascia in pace.

    Abbiamo questi momenti francamente ridicoli, che delineano un capitano antieroe. Esistono veramente poi, gli eroi? Conrad sembra suggerire di no: esistono i boriosi, i saccenti, i mediocri, i dimessi, i vanagloriosi, gli idealisti (e nota bene, gli idealisti di Conrad fanno sempre grosse stupidaggini, alla prova dei fatti si rivelano inadeguati, vedi Jukes e Lord Jim). Eroi senza macchia in fulgida armatura e vincenti, non ce n'è in Conrad.

    Ma succede che McWhirr, in situazioni particolarmente drammatiche, si ritrovi ad essere quello che rimette la nave sulla rotta. Lo fa diverse volte, con tocchi quasi impercettibili. Il ko al terzo ufficiale disfattista, una frase di incoraggiamento a Jukes, uno stop alla sala macchine.
    Li notano in pochi, questi gesti, ma sono là.
    Poi, di solito arriva la situazione ridicola, per sdrammatizzare, per riportare tutto su un piano antieroico.

    Alla fine di tutto, quando la barca è in porto, i coolies salvi, i soldi redistribuiti e il secondo va via sconfitto, quando è maggiore il rischio di glorificare McWhirr, che fa il nostro? Piazza la scena della moglie che è, come accade, una nobile decaduta bisognosa di sistemazione, che ha sposato un capitano non certo per amore. Mrs McWhirr è terrorizzata dalla possibilità che questo sconosciuto che manda i soldi a casa, tutt'a un tratto si ripresenti e si piazzi nel SUO letto. Questa vanitosissima signora legge distrattamente la lettera del marito, una riga qua, una là, perdendosi sistematicamente le parti più drammatiche. Me la vedo sbadigliare: yahwn, un'altra lettera di quel noiosone di tuo padre! Andiamo a fare shopping, va'!

    Come a dire: ha riportato la barca in porto, ma è il cretino di sempre, come lo siamo tutti noi. Non lo scordare, o lettore.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per