Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Tipi psicologici

By Carl G. Jung

(63)

| Hardcover

Like Tipi psicologici ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

21 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Abbandonato per eccesso di ignoranza, ma prima o poi ci riprovo.

    Is this helpful?

    Teofano said on Apr 29, 2013 | 2 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    estroversione/introversione

    Jung, nel suo geniale esame dei tipi umani, inventò e propose questa fondamentale dicotomia tipologica tra estroversione ed introversione, visti come i due poli psicologici entro i quali si muove l'animo umano. Termini oggi entrati nella terminologia ...(continue)

    Jung, nel suo geniale esame dei tipi umani, inventò e propose questa fondamentale dicotomia tipologica tra estroversione ed introversione, visti come i due poli psicologici entro i quali si muove l'animo umano. Termini oggi entrati nella terminologia comune ma allora rivoluzionari, nell'ambito di una scienza psicologica fondamentalmente positivistica (come poi ancora oggi in gran parte è).
    Quello che colpisce in questa trattazione è la equanimità - si potrebbe dire - con la quale Jung esamina i due fondamentali tipi umani: non vi è un tipo più "sano" o "normale"; entrambi possiedono aspetti positivi e negativi, entrambi necessari allo svolgersi della storia psicologica dell'umanità. Anzi, poiché la nostra, come Jung rileva, è fondamentalmente un'epoca "estroversa", che tende cioè a privilegiare dell'individuo le tendenze verso l'oggetto più che verso il soggetto, è giusto, come compensazione, rivalutare e sottolineare gli aspetti positivi dell'introversione.

    Is this helpful?

    myskin69 said on Apr 15, 2012 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    due tipi psicologici, quattro funzioni. Jung attua la complessità umana: così come nietsche volle andare al di la del bene e del male jung, alimentandosi dalla filosofia, dalla teologia, dalla scienza dall'arte e da numerosi affluenti culturali, impo ...(continue)

    due tipi psicologici, quattro funzioni. Jung attua la complessità umana: così come nietsche volle andare al di la del bene e del male jung, alimentandosi dalla filosofia, dalla teologia, dalla scienza dall'arte e da numerosi affluenti culturali, impone all'uomo la necessità di andare oltre la teoria sessuale di freud e la teoria sulla volontà di potenza di adler e di unificarsi, accogliendo in una comprensione superiore, conscio e inconscio

    Is this helpful?

    Demian said on Oct 9, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pochi hanno orizzonti talmente vasti da riuscire ad abbracciare i concetti nella loro totalità, Jung dà sempre l'impressione di essere in grado di farlo e approfondisce in questo testo una tematica già presente in altri suoi scritti: i tipi psicologi ...(continue)

    Pochi hanno orizzonti talmente vasti da riuscire ad abbracciare i concetti nella loro totalità, Jung dà sempre l'impressione di essere in grado di farlo e approfondisce in questo testo una tematica già presente in altri suoi scritti: i tipi psicologici.
    Secondo l'autore,una delle funzioni psichiche fondamentali (pensiero, sentimento, intuito, sensorialità)può dominare, a dispetto delle altre, la sfera psichica cosciente e determinare l'atteggiamento della stessa; in aggiunta l'orientamento di ogni individuo può essere introverso o estroverso, ne derivano otto tipi fondamentali, che come ricorda l'autore, lungi dal rappresentare la vasta gamma delle psicologia esistenti, ne traccia piuttosto i margini.
    In genere l'inconscio ha invece funzione compensatrice rispetto alla funzione conscia e dunque i moti dell'animo sarebbero opposti agli atteggiamenti esternati e visibili in superficie
    La polarità della natura, della psiche, della realtà è del resto uno dei temi più cari al maestro, tanto che anche questo libro ne contiene una descrizione ed un'anallisi. Epocale.

    Is this helpful?

    Enzo said on Aug 20, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Chiaramente non è una lettura da svago, ma è un lavoro impressionante per come convergono letteratura, filosofia, antropologia e (ovviamente) psicologia.
    Jung parte dalla distinzione dei 2 fondamentali poli personologici, introverso ed estroverso, e ...(continue)

    Chiaramente non è una lettura da svago, ma è un lavoro impressionante per come convergono letteratura, filosofia, antropologia e (ovviamente) psicologia.
    Jung parte dalla distinzione dei 2 fondamentali poli personologici, introverso ed estroverso, e ne analizza (in modo molto affascinante)l'evoluzione, partendo dall'Antica Grecia con Platone ed Aristotele per arrivare a Nieztsche e Schopenhauer. Alcuni passaggi non sono immediatamente accessibili, ma mi sento di consigliarlo anche a chi non è del settore: leggerlo non sarà una illuminazione sulla via di Damasco, ma aiuta a capire un pizzico in più di sè (e magari anche degli altri).

    Is this helpful?

    Holmes said on Jun 30, 2011 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection