Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Titeuf. La voce dell'innocenza

I Classici del fumetto di Repubblica Serie Oro 55

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso

3.7
(52)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 253 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000019443 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Andrea Toscani , Luca Basenghi , Andrea Rivi

Genere: Children , Comics & Graphic Novels , Humor

Ti piace Titeuf. La voce dell'innocenza?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dall'arte del Grand Prix d'Angoulême 2004 - Zep - arrivano le avventure di un ometto di dieci anni in cui si parla di preservativi, di prostituzione, di Aids, di omosessualità, di spermatozoi, di ovuli e di quant'altro rientri nella sfera della curiosità, dell'educazione o della diseducazione sessuale. E ancora di handicap, emarginazione, bullismo et similia, con assoluta spregiudicatezza e sincerità. Insomma, qualcuno potrebbe anche rimanere scandalizzato. Ma la grandezza di questo fumetto (e una delle ragioni del suo straordinario successo in Francia, con due milioni di copie vendute), sta anche nel dire le cose con franchezza, nel sollevare, ridendo, il velo sul vero volto dei ragazzini in quel punto di svolta della vita in cui certe cose, soprattutto l'amore e quindi la piena coscienza di sé, si desiderano senza sapere ancora dove e cosa siano.
Ordina per
  • 4

    Ilarità moderna

    Non gli dò 5 stelle perchè dopo un po' mi ero stancato di sentire e vedere sempre le stesse cose, ma indubbiamente è un umorismo molto più moderno di altri, in cui si parla tranquillamente di sesso, di droga, di rapporti genitori-figli...
    Insomma, forse non esilarante come un Lupo Alberto, ma div ...continua

    Non gli dò 5 stelle perchè dopo un po' mi ero stancato di sentire e vedere sempre le stesse cose, ma indubbiamente è un umorismo molto più moderno di altri, in cui si parla tranquillamente di sesso, di droga, di rapporti genitori-figli... Insomma, forse non esilarante come un Lupo Alberto, ma divertente quello è sicuro!

    ha scritto il 

  • 5

    Un fumetto francese che non conoscevo, trovato fortuitamente e che mi ha fatto ridere come pochi.


    Il ragazzino Titeuf assieme ai suoi compagni di scuola vive quella tumultuosa stagione della vita che ognuno di noi ha affrontato e che si chiama preadolescenza: stagione in cui si scopre che ...continua

    Un fumetto francese che non conoscevo, trovato fortuitamente e che mi ha fatto ridere come pochi.

    Il ragazzino Titeuf assieme ai suoi compagni di scuola vive quella tumultuosa stagione della vita che ognuno di noi ha affrontato e che si chiama preadolescenza: stagione in cui si scopre che esiste “qualcosa” (la sessualità) di cui tutti, soprattutto gli adulti, sanno molto, ma parlano poco e dato che anche gli ormoni dello sviluppo ancora tacciono, appare come un grandissimo mistero - tanto più affascinante quanto più sembra che tutti lo considerino un segreto inviolabile e imbarazzante. Il tutto risulta ancora più divertente per il fatto che viene impietosamente sbertucciata la pretesa degli adulti - soprattutto genitori ed educatori - di conservare il più a lungo possibile la presunta “purezza” infantile, pur sapendo che ben presto mondo e natura la faranno brutalmente, e giustamente, a pezzi.

    Un plauso ai traduttori, che devono aver avuto non poche difficoltà a rendere in italiano la montagna di allusioni, doppi sensi ed espressioni gergali presenti nell’originale francese.

    ha scritto il