Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Togliamo il disturbo !! SCHEDA DOPPIA !!

By Paola Mastrocola

(95)

| Softcover

Like Togliamo il disturbo !! SCHEDA DOPPIA !! ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Scheda DOPPIA, da non aggiungere in libreria.

la scheda corretta, dotata di codice ISBN, si trova qui:

http://www.anobii.com/books/0129c07e6a76847b07

190 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La poca voglia di fare il proprio mestiere e la rivendicazione delle libertà altrui.

    Questo testo è di sicuro interesse, non perché, lo dico subito, sia condivisibile da chi abbia a cuore i destini dell'istruzione, piuttosto perché rappresenta bene una "mentalità", un modo di intendere la professione di docente e, più in generale, i ...(continue)

    Questo testo è di sicuro interesse, non perché, lo dico subito, sia condivisibile da chi abbia a cuore i destini dell'istruzione, piuttosto perché rappresenta bene una "mentalità", un modo di intendere la professione di docente e, più in generale, i compiti dell'istruzione che pur essendo fallaci, trovano largo consenso nell'opinione pubblica.
    "Sulla libertà di non studiare" rivendica il diritto dei ragazzi a non essere costretti i lunghi cicli di studio che richiedono fatica, motivazione e sacrificio; riservando invece questo tipo di formazione solo a chi ne è davvero portato. Ecco il punto centrale dell'argomentazione: non tutti sono ugualmente dotati, c'è chi eccelle in un campo e chi un altro, perché forzare allo studio del latino e delle belle lettere un soggetto non portato a questi studi? Peraltro, magari, un potenziale ottimo artigiano? Detto così suona convincente , ma solo perché l'argomentazione semplifica i compiti formativi dell'istituzione scuola. Fatta salva la considerazione, di per sé banale, che ognuno ha le sue propensioni e che possono essere valorizzate solo in una corretta scelta di indirizzo, resta il fatto che la comunità paga con le tasse un'offerta formativa che deve raggiungere il maggior numero di persone. E allora la rivendicazione della "libertà di non studiare" si rivela per quello che veramente è: la rivendicazione (indegna) della pretesa di insegnare a studenti "già" motivati allo studio, studenti per i quali basta tenere la lezione frontale che poi se la sbrigano da soli ad imparare. Spessissimo gli istituti che hanno fame di essere "buone scuole" sono il ricettacolo di questa genia di questi docenti pigri e incapaci, che mascherano la loro inettitudine professionale con una sussiegosa "severità". Docenti che pensano di essere bravi e seri perché bocciano, mentre a bocciare sono bravi tutti, è a trasmettere le competenze che ci vuole professionalità! Come quei medici che non vorrebbero vedere malati tra i loro pazienti, ma solo sani a cui redigere certificati di buona e robusta costituzione, questa Mastrocola pretende di "insegnare" solo a studenti selezionati, cosicché non debba far troppo fatica. Immaginiamola pure una scuola così, ma allora a lei, e a quelle come lei, si dia uno stipendio dimezzato, alle altre, quelle davvero brave, che si fanno carico di motivare e far crescere le qualità intellettuali e morali degli studenti paghiamole molto di più.

    Is this helpful?

    PioPollo said on Jun 6, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non adatto a buonisti e/o ipocriti. Un libro difficile da condividere, ma oggettivamente reale. Letto prima attraverso i miei occhi di studentessa, e poi attraverso quelli di mia madre, professoressa. Non fa una piega. Bisogna solo avere il coraggio ...(continue)

    Non adatto a buonisti e/o ipocriti. Un libro difficile da condividere, ma oggettivamente reale. Letto prima attraverso i miei occhi di studentessa, e poi attraverso quelli di mia madre, professoressa. Non fa una piega. Bisogna solo avere il coraggio di guardare.

    Is this helpful?

    spuntiamo said on May 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non è male, anzi, è davvero interessante, propone un quadro credibile ma forse un po' troppo dramamtico della situazione scolastica italiana.
    Suscita dibattito e riflessione e questo è ottimo per un saggio del genere.

    L'ultima parte è la migliore, c ...(continue)

    Non è male, anzi, è davvero interessante, propone un quadro credibile ma forse un po' troppo dramamtico della situazione scolastica italiana.
    Suscita dibattito e riflessione e questo è ottimo per un saggio del genere.

    L'ultima parte è la migliore, con la sua proposta per una scuola attenta a tutti.

    Is this helpful?

    Xander Lavelle said on Apr 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tasso mon amour!

    Ho iniziato questo libro con entusiasmo e curiosità. Per le prime 30 pagine mi ha trascinato in questo mondo scolastico che, diciamocelo, sappiamo non godere di buona salute. E fin qui tutto bene, anzi male. Sì perchè nel momento in cui una professor ...(continue)

    Ho iniziato questo libro con entusiasmo e curiosità. Per le prime 30 pagine mi ha trascinato in questo mondo scolastico che, diciamocelo, sappiamo non godere di buona salute. E fin qui tutto bene, anzi male. Sì perchè nel momento in cui una professoressa mi dice che è impossibile insegnare la lingua italiana ad un quattordicenne perchè è oramai tardi... allora mi cadono le braccia. La domanda sorge spontanea: Ma cosa insegni a fare? Se il sunto di tutto è: il mondo di oggi fa schifo.. è tutto sbagliato.. internet ed il web sono il Male quindi domani farà ancora più schifo... allora Le suggerisco di andare in pensione subito!!
    Alcuni spunti di riflessione ci sono e non tutto quello che dice è sbagliato.. del resto ha accumulato tanti anni di esperienza e forse è un pò stanca la nostra professoressa.
    Io personalmente ho avuto - ahimè!- un terribile maestro elementare ed uno peggiore alle medie. Nonostante questo credo di riuscire a scrivere frasi di senso compiuto "azzeccando" quasi sempre i tempi verbali. Allora prima di puntare il dito su tutto e tutti.. forse è anche il caso di farsi una domanda: se la Sua priorità è Tasso (o chi per lui) allora forse è giunto il tempo di dedicarsi alla ricerca e non più all'insegnamento.

    Is this helpful?

    Corbyflo *anche e-books* said on Mar 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    illuminante

    Questo libro è molto interessante, contiene riflessioni intelligenti sui mali della nostra scuola, e sui motivi che impediscono ai ragazzi di appassionarsi e impegnarsi nello studio. L'autrice è preparata e ha vissuto in prima persona le difficoltà d ...(continue)

    Questo libro è molto interessante, contiene riflessioni intelligenti sui mali della nostra scuola, e sui motivi che impediscono ai ragazzi di appassionarsi e impegnarsi nello studio. L'autrice è preparata e ha vissuto in prima persona le difficoltà di insegnare. E' un balsamo per tutti gli insegnanti frustrati.

    Andrebbe letto insieme a "gli sdraiati" di Michele Serra.
    Attenzione però, se siete sia insegnanti che genitori di un figlio adolescente non ne uscirete vivi.

    Is this helpful?

    millericcioli said on Dec 13, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    E’ difficile, lavorando nella scuola, non essere d’accordo con questa analisi, spesso però un po’ troppo deprimente, dello stato dell’istruzione nel nostro paese. Io non sono così pessimista, forse perché i mie studenti sono, semplificando al massimo ...(continue)

    E’ difficile, lavorando nella scuola, non essere d’accordo con questa analisi, spesso però un po’ troppo deprimente, dello stato dell’istruzione nel nostro paese. Io non sono così pessimista, forse perché i mie studenti sono, semplificando al massimo il concetto, più ‘bravi’ di quelli della mia illustre collega. Quello su cui sono assolutamente d’accordo è che la responsabilità di questo sfacelo è solo ed esclusivamente degli adulti (genitori, insegnanti, presidi..): chi ha convinto gli studenti che la scuola deve soprattutto ‘divertire’? Chi li ha convinti che la responsabilità del loro successo formativo stia in qualcun altro, fuori da loro? Chi, soprattutto, ha inculcato loro che il successo deve essere sempre e comunque garantito a tutti, nella stessa forma e con gli stessi tempi?
    Invece, non mi sembra né praticabile né utile la soluzione da lei prospettata nella parte finale; mi ricorda un po’ ‘Una barca nel bosco’: acuto e incalzante per tre quarti, e poi si perde verso…altri mondi.

    Is this helpful?

    Alessandra said on Sep 4, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (95)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Softcover 271 Pages
  • Publisher: Guanda
  • Publish date: 2011-01-01
  • Also available as: Paperback , Hardcover , Others , eBook
Improve_data of this book