Tony and Susan

Di

3.3
(452)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Catalano , Olandese , Polacco , Spagnolo , Tedesco , Francese

Isbn-10: 8845970299 | Isbn-13: 9788845970290 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Tony and Susan?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Tutto è cominciato con la lettera che Susan Morrow ha ricevuto da Edward, il suo primo marito, in settembre. Lui aveva scritto un libro, un romanzo, le andava di leggerlo? L'aveva colta di sorpresa: a parte gli auguri di Natale spediti ...
Ordina per
  • 3

    Posso dire che in fondo on ho capito quanto mi sia piaciuto? La storia di Tony è intrigante e ben costruita, cupa e inquietante, mentre la parte di Susan mi sa che non l'ho capita perché non mi ha det ...continua

    Posso dire che in fondo on ho capito quanto mi sia piaciuto? La storia di Tony è intrigante e ben costruita, cupa e inquietante, mentre la parte di Susan mi sa che non l'ho capita perché non mi ha detto niente e non va da nessuna parte, si intorcina su se stessa senza scopo apparente (a me). Morale: mi ha preso e l'ho letto con interesse per capire dove volesse andare a parare, ma non ho capito dove volesse andare a parare e quindi sono stato deluso. Comunque nel mentre è stata una lettura piacevole, quindi voto Pilatesco.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Pesce fuor d'acqua... al contrario

    Non me la sento di denigrare questo libro...
    Il libro nel libro è una struttura molto originale. Il fatto che ci sia il sentore di un personaggio che non agisce direttamente sulla scena ma che lo facc ...continua

    Non me la sento di denigrare questo libro...
    Il libro nel libro è una struttura molto originale. Il fatto che ci sia il sentore di un personaggio che non agisce direttamente sulla scena ma che lo faccia (e in che modo!) dietro le quinte rende l'insieme ancora più bello.
    E che contrapposizione! Susan legge un libro e il lettore può constatare quanto sia piatta la vita di lei al cospetto delle vicissitudini del protagonista...Se poi il lettore viene a sapere che il libro in questione è stato scritto dall'ex-marito, entrano in gioco una serie di vissuti molto intriganti.
    Insomma, il personaggio "che non c'è", condiziona e parecchio tutto l'andazzo generale.

    ha scritto il 

  • 2

    L'idea di base (il doppio romanzo, quello principale e quello letto da Susan) non è male, peccato che la trama non sia un granché. Animali notturni ha diverse lacune e molte delle azioni compiute dai ...continua

    L'idea di base (il doppio romanzo, quello principale e quello letto da Susan) non è male, peccato che la trama non sia un granché. Animali notturni ha diverse lacune e molte delle azioni compiute dai vari personaggi (Tony, ma anche Andes e lo stesso Ray) sono forzate, poco realistiche. La parte che ha come protagonista Susan è piuttosto noiosa - molte riflessioni e domande fini a se stesse di cui avrei fatto volentieri a meno. La lettura scorrevole gli dà una stella in più, ma non è un libro che consiglierei.

    ha scritto il 

  • 4

    Noir caleidoscopio

    Il libro narra della lettura di un manoscritto che in breve diventa la trama principale. è complicato descriverne la struttura, ma la morale è che un libro assume forme diverse davanti ad ogni lettore ...continua

    Il libro narra della lettura di un manoscritto che in breve diventa la trama principale. è complicato descriverne la struttura, ma la morale è che un libro assume forme diverse davanti ad ogni lettore.
    Appena finito, non avevo afferrato subito questo concetto; ma una volta realizzato ho apprezzato molto il libro e mi sono immedesimato totalmente in entrambi i protagonisti.

    ha scritto il 

  • 1

    Non mi ha convinto. Il film è migliore, anche se trame con violenze gratuite non le amo per niente. Ma il libro è peggio,
    La storia non regge, i tempi sono dilatati o compressi e talvolta i passaggi s ...continua

    Non mi ha convinto. Il film è migliore, anche se trame con violenze gratuite non le amo per niente. Ma il libro è peggio,
    La storia non regge, i tempi sono dilatati o compressi e talvolta i passaggi sono illogici. Mi ha messo un'ansia inutile.

    ha scritto il 

  • 2

    meglio il film

    questo è uno dei rarissimi casi in cui la trasposizione cinematografica ha alleggerito la noia di leggere intere pagine riempite di speculazioni del tutto pleonastiche
    la storia in sè è carina e assai ...continua

    questo è uno dei rarissimi casi in cui la trasposizione cinematografica ha alleggerito la noia di leggere intere pagine riempite di speculazioni del tutto pleonastiche
    la storia in sè è carina e assai postmoderna: si tratta di un romanzo su una donna che legge un romanzo, già questo è da ascrivere al postmoderno, poi ci sono i sottintesi e le minacce che lo scrittore del romanzo che la nostra protagonista sta leggendo le invia, è un suo ex e pare assai arrabbiato con lei, gioca con la sua angoscia e le spiattella senza pensarci troppo sopra, una storia di dolore immotivato e di distruzione della vita causata da una sola e unica scelta sbagliata

    il resto è tutto un dettagliare le scene che, viste al cinema durano pochi minuti, ma descritte sono di circa una ventina di pagine ciascuna e piene zeppe di passaggi dal vago sapore onanistico...

    ha scritto il 

  • 1

    Il niente

    Il romanzo si compone di due storie. Prese singolarmente, la storia di Susan non vale un cazzo (una sciura complessata dell'America bene, divorziata, risposata con un medico pieno di soldi che le mett ...continua

    Il romanzo si compone di due storie. Prese singolarmente, la storia di Susan non vale un cazzo (una sciura complessata dell'America bene, divorziata, risposata con un medico pieno di soldi che le mette le corna, un cane, un gatto e dei bei bambini) e pure "Animali Notturni" (il romanzo che l'ex marito di Susan le invia affinchè la sciura legga e commenti) non vale un cazzo (a questo proposito trovo pure furbetta la scelta di adottare la formula del thrillerino).
    Dunque niente+niente= 2niente.

    Le ultime 100 pagine poi sono noiose, fastidiose, insignificanti.
    Commento scritto a pagina 404 (il romanzo termina a pagina 408) . Cazzo, me ne restano ancora 4.

    ha scritto il 

  • 3

    Susan, un insegnante, riceve dal suo ex marito Edward un suo libro: Animali Notturni. È dedicato a lei e Edward vuole riceverne un giudizio. Mentre Arnold, il nuovo marito di Susan, è a New York per l ...continua

    Susan, un insegnante, riceve dal suo ex marito Edward un suo libro: Animali Notturni. È dedicato a lei e Edward vuole riceverne un giudizio. Mentre Arnold, il nuovo marito di Susan, è a New York per lavoro ella si dedica alla lettura. Leggendo si rende conto della violenza del libro, un rapimento e due omicidi a danno di Tony, un insegnante universitario, un uomo timido e riservato che in una notte perde moglie e figlia e viene lasciato in mezzo al nulla. Per trovare gli assassini che hanno prima violentato e poi ucciso sua moglie e sua figlia viene aiutato da Andes, un investigatore della polizia. Egli cerca in tutti i modi di aiutare Tony, anche se quest'ultimo perde, col tempo, l'interesse di trovare i colpevoli.
    “Tony & Susan” sono due libri, e tra due libri ce n’è sempre uno migliore dell’altro. In questo caso la storia di Tony è molto coinvolgente e lascia molte volte con il fiato sospeso mentre le pause della lettura con Susan sono parti più tranquille che permettono un intervallo di lettura senza abbandonare il libro. La narrazione non è delle migliori e andando avanti il racconto, da thriller diventa drammatico e si concentra su ricordi e eventi passati.
    Di questo libro esiste anche un film, “Animali Notturni”, che è molto meglio del libro. Esso presenta diverse differenze, soprattuto nel personaggio principale, Susan, che nel film è una donna più giovane che soffre di insonnia, un animale notturno insomma.
    Consiglierei questo libro? Probabilmente no, anche se la lettura è semplice e, nonostante le quattrocento pagine, si legge velocemente.

    ha scritto il 

  • 2

    Non ho visto “Animali notturni”, il film che Tom Ford ha tratto da questo libro. Non posso quindi valutare se questa storia possa essere stata degnamente utilizzata almeno come soggetto per un film. S ...continua

    Non ho visto “Animali notturni”, il film che Tom Ford ha tratto da questo libro. Non posso quindi valutare se questa storia possa essere stata degnamente utilizzata almeno come soggetto per un film. Sicuramente come romanzo non regge. C’è una non storia (una donna che riceve un romanzo dal suo ex) al cui interno si incastra la storia del romanzo, che è un thriller che cambia registro strada facendo. In mezzo, intercalato, il racconto della storia tra la donna e il suo ex, e dei rapporti della donna con l’attuale marito. In sintesi, in questo libro non accade nulla. Tutto è già accaduto, o accade in un romanzo nel romanzo. Difficilissimo appassionarsi a Susan, condividerne passioni, speranze o paure, perché nulla di tutto ciò emerge. Un freddo elenco di pensieri e sensazioni, che non convince, non coinvolge. Il romanzo nel romanzo parte bene, è duro, difficile da digerire. Poi si perde, sia in termini narrativi (ci sono troppi va e vieni del protagonista prima che si arrivi alla resa dei conti), sia per gli interminabili, inutili e assurdi dialoghi dell’ultima parte. Categoria “libri inutili”, quelli che senza apparentemente commettere nessuna grave offesa alla letteratura ti dimentichi appena hai finito di leggere, e che non ti lasciano nemmeno una piccola sensazione positiva.

    ha scritto il