Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Topi

Di

Editore: Giunti (A - Narrativa)

3.6
(662)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Olandese , Spagnolo , Chi tradizionale , Tedesco , Portoghese

Isbn-10: 8809758919 | Isbn-13: 9788809758919 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Silvia Rota Sperti

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Topi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Miti, impaurite e remissive, Shelley e sua madre sono abituate a subire: dal padre che le ha abbandonate scappando con una ventenne, dalle compagne di scuola che con le loro violenze hanno rovinato il volto di Shelley, dai colleghi di lavoro della madre. Per questo decidono di ritirarsi fuori città, in una tranquilla casa di campagna lontana da tutto e da tutti: in fondo sono topi e i topi hanno bisogno di un nascondiglio per sottrarsi agli artigli dei gatti. Ma in una notte apparentemente come le altre un balordo entra in casa, le lega e le minaccia per ore. La rabbia per l'ennesimo sopruso fa esplodere in Shelley una ferocia mai provata: la ragazza riesce a liberarsi, insegue il ladro che si allontana nel bosco e lo pugnala più e più volte, fino ad ammazzarlo con l'aiuto della madre. Nello spazio di una notte, le due donne si trovano trasformate da vittime in carnefici. Da topi in gatti. In un crescendo sbalorditivo di colpi di scena, madre e figlia decidono di seguire il nuovo corso degli eventi. Fino a che punto saranno disposte a spingersi per occultare l'omicidio e restare impunite?
Ordina per
  • 4

    完整書評:http://olive821.pixnet.net/blog/post/197262198

      作者先將母女的處境放置到最難堪的位置,再讓她們搭承高速電梯一路提升到高樓層的景觀座位,呈現出極端落差的對比照片,隨著故事走向氣氛也逐漸上揚。《2隻老鼠》敘事手法清晰簡扼,節奏明快流暢,過程中高低波折牽動著緊張情緒,一口氣從頭讀到結尾有種痛快淋漓的快感,不老套、比預期中好看。

    ha scritto il 

  • 2

    Un libro che si fa leggere veloce: semplice, anche troppo, nella scelta linguistica; ripetitivo nelle descrizioni; spesso inutilmente pulp...Uno di quei libri che leggi ma che non ti lasciano nulla, n ...continua

    Un libro che si fa leggere veloce: semplice, anche troppo, nella scelta linguistica; ripetitivo nelle descrizioni; spesso inutilmente pulp...Uno di quei libri che leggi ma che non ti lasciano nulla, non ti fanno affezionare ai protagonisti, non ti fanno riflettere, non ti coinvolgono. Complessivamente abbastanza negativo!

    ha scritto il 

  • 2

    Non ci siamo, signor Reece

    La prima di copertina riporta il parere di Repubblica: “Topi è un thriller psicologico di magistrale fattura”. Ma anche no. Prego definire thriller psicologico, magistrale fattura e poi, forse, ne pos ...continua

    La prima di copertina riporta il parere di Repubblica: “Topi è un thriller psicologico di magistrale fattura”. Ma anche no. Prego definire thriller psicologico, magistrale fattura e poi, forse, ne possiamo parlare. Ma per ora, anche no. Mi dispiace, ma per me questo libro non sa di niente e, soprattutto, non ha né capo né coda. A cominciare dal titolo, estrapolato dalla psicologia spicciola (di chi poi) e adoperato fastidiosamente ed alternativamente per indicare persone timide, ritrose, incapaci di reagire, vittime e chi più ne ha più ne metta. Dopo essere cresciuta con uno come King e avere letto i libri di un tale di nome Jo Nesbo, queste 316 pagine di Gordon Reece mi hanno lasciato…. Basita. Normalmente cerco di capire quale possa essere l’idea di base, cosa voglia comunicarmi l’autore, frugando aldilà dell’apparenza, ma in questo caso, questo tipo di ricerca, mi ha fatto smarrire peggio di prima. Rinuncio.

    Inghilterra. Periferia di Londra. Giorni nostri. Shelley Rivers ha avuto un’infanzia normale. Figlia di due avvocati, benestante, ottima studentessa, ha avuto una vita serena e tranquilla fino all’età di dodici anni, fino a quando la differenza tra le sue amiche d’infanzia e lei (apparentemente sempre uguale a se stessa) non ha cominciato a renderla bersaglio di odiosi scherni. Poco interessata ai ragazzi, un po’ cicciottella e dedita allo studio, diventa lo zimbello delle sue amiche Teresa, Emma e Jane. Proprio loro, con le quali ha condiviso gioie e scoperte di bambina e si è ripromessa mille volte di non lasciarsi mai, diventano il suo tormento, le sue instancabili aguzzine. In un crescendo che comincia con delle battute, che diventano offese verbali, attraverso i primi spintoni ed i primi calci, passando attraverso veri e propri pestaggi. Nel frattempo, i suoi genitori si sono separati, hanno dato vita ad una furente lotta per l‘affidamento conclusasi solo con la decisione autonoma di Shelley di rimanere con la madre. Da quel momento, il padre, semplicemente ha smesso di considerarla. È forte il disagio di Shelley, che si considera una persona debole (un topo), incapace di reagire alle cattiverie ed ai soprusi, in preda alla vergogna, quasi fosse colpa sua. Questo suo senso di inadeguatezza le rende impossibile confidarsi con la madre (che lei considera un altro topo) e negli anni impara sempre più scaltramente a camuffare lividi e tagli, a smacchiare abiti ripulire le proprie cose costantemente imbrattate. Tuttavia trova il proprio sfogo personale nell’annotare minuziosamente ogni giorno le angherie di cui è vittima. Un diario crudo, schietto, tutto fatti e niente commenti. Shelley avrebbe voglia di farla finita (ma d’altronde è un topo e non ha nemmeno il coraggio d suicidarsi) eppure non lo fa. Rinunciando all’idea d’impiccarsi nel garage di casa va incontro, inconsapevole, al peggior giorno della sua vita: le sue aguzzine, le danno fuoco.
    Tristemente devastata, la vita di Shelley esce allo scoperto con la stessa forza con la quale era stata repressa, con una sorta di spinta di Archimede emotiva. Ma, al contrario di ciò che potreste pensare, la reazione non è di rabbia o di forza, ma solo di paura (lei è un topo cosa potete aspettarvi di diverso?). Il ritrovamento del diario apre gli occhi (forzatamente) alla povera Elizabeth, ignara fino a quel momento degli abusi subiti dalla figlia negli anni precedenti. Vista l’impossibilità di perseguire le ragazze che con forza negano ogni coinvolgimento, Shelley decide e ottiene di studiare privatamente a casa, dopo che assieme alla madre si è trasferita in un’isolatissima casa di campagna. Solo il padre, i professori privati e la polizia conoscono l’indirizzo. I topi hanno trovato un luogo sicuro nel quale rintanarsi e prosperare, nel quale riprendere in mano la loro vita. Ora potranno vivere in pace.
    Una notte però, la notte del sedicesimo compleanno di Shelley, la loro tranquillità viene scossa brutalmente: un ladro, fatto e completamente ubriaco, si è introdotto nella loro casa per rubare. Le sveglia, le minaccia, le lega. Poveri piccoli topi in trappola.
    Il topo in trappola, però, è il ladro.

    Svelarvi il seguito sarebbe come dire: inutile che lo leggiate, è tutto qui. Chiariamo una cosa: la storia non è male, in sé. Il problema è ‘impronta che Reece da alla storia… un thriller? Ma scherziamo??? Psicologico poi? Se qualcuno di voi ha mai letto Misery non deve morire ha ben presente cosa si provi quando uno scrittore crea una tensione psicologica nella quale il lettore si trova invischiato. Siamo lontani anni luce. Senza nemmeno considerare il fatto che, se la prima parte può essere assolutamente verosimile (quella sul bullismo) la seconda comincia a fare acqua da tutte le parti: un ladro, armato di un coltello, fatto, ubriaco, che non sta letteralmente in piedi davanti a due donne (DUE!) perfettamente lucide e reattive, riesce a gestirle senza il minimo sforzo. Stiamo già esagerando, secondo me. Ciò che avviene nella terza parte poi, da quando il topolino si è trovato in trappola, sfocia addirittura nel ridicolo. Totalmente inverosimile.

    Non è una cattiva lettura, ma se ne poteva fare decisamente qualcosa di meglio a mio parere. Sarebbe bastato evitare di strafare. Reece ha un’ottima capacità descrittiva, una buona scorrevolezza e fluidità d scrittura; peccato, peccato davvero.

    ha scritto il 

  • 2

    Era come se tutto quello che c’era di artificiale nella mia vita fosse scomparso all’improvviso, come entrare fuggevolmente in contatto con una verità primordiale, una realtà più antica della vita ste ...continua

    Era come se tutto quello che c’era di artificiale nella mia vita fosse scomparso all’improvviso, come entrare fuggevolmente in contatto con una verità primordiale, una realtà più antica della vita stessa. E mi sentivo come un gigante, come un dio!

    ha scritto il 

  • 1

    Alla quindicesima descrizione delle abitudini giornaliere della protagonista (mi riferisco a interi paragrafi del tipo: «Alle sette mi alzo, vado in bagno, poi faccio colazione, poi studio, faccio i c ...continua

    Alla quindicesima descrizione delle abitudini giornaliere della protagonista (mi riferisco a interi paragrafi del tipo: «Alle sette mi alzo, vado in bagno, poi faccio colazione, poi studio, faccio i compiti, leggo un libro, aspetto che torni la mamma, poi prepariamo la cena. Stasera solo insalata perché vogliamo stare a dieta!»), personalmente mi sono rotta i cosiddetti. Anziché "allungare il brodo" con tutta questa inutilità da lista della spesa, perché non concentrarsi di più sull'approfondimento della psicologia dei personaggi?
    Il tema della violenza in tutti i suoi risvolti, in quello attivo e in quello passivo (cioè nella violenza subita), non viene davvero approfondito, ma messo nelle mani di due protagoniste inverosimili alle prese con una storia altrettanto improbabile.

    ha scritto il 

  • 3

    Thriller psicologico elettrizzante, letto in una notte.
    Ogni tanto l' autore esagera con la sfiga, ma mi è piaciuto molto. Decisamente aspetto il prossimo!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Buono l'inizio

    Romanzo con un inizio veramente buono. E resta buono fino all'avvenimento principale della storia. Da lì in poi perde decisamente interesse. Mamma e figlia sono ottime protagoniste di un romanzo che ...continua

    Romanzo con un inizio veramente buono. E resta buono fino all'avvenimento principale della storia. Da lì in poi perde decisamente interesse. Mamma e figlia sono ottime protagoniste di un romanzo che sul lungo si sgonfia.
    Inoltre mi ha ricordato troppo Il talento di Mr Ripley della Highsmith.

    ha scritto il 

Ordina per