Con poche pennellate precise, Amos Oz ricrea il microcosmo di un kibbutz israeliano negli anni cinquanta. Dal giardiniere timido e solitario che ha la passione di dare brutte notizie alla donna lasciata dal marito per un'altra che le vive praticament ...Continua
RobbieB
Ha scritto il 06/04/18

Attraverso immagini di persone che ci vivono, il ritratto della vita in un kibbutz, aspra, claustrofobica, contraddittoria.

Pizia
Ha scritto il 21/03/17
"Durante la guerra mi sono nascosto dai nazisti, ma ogni tanto mi veniva voglia di vederli da vicino. Erano ragazzi normali, mica dei mostri."
Ormai tutti voi sarete al corrente che la mia predilezione si divide equamente tra gli scrittori italiani e quelli israeliani; il che non significa ovviamente che ami tutti gli scrittori italiani (c'è D'Avenia, ad esempio....) o tutti quelli israelia...Continua
CriSting
Ha scritto il 04/01/16
Tutti sono compagni ma ben pochi sono amici veri. Io, ad esempio, qui ho solo due o tre amici personali. Quelli con cui mi va persino di tacere insieme.
Martin Wandberg (…) ad Osnat che ogni sera gli portava dal refettorio un piatto coperto ed una tazza coperta diceva: “L’uomo è buono e generoso e ragionevole per natura, è l’ambiente che lo degenera” Osnat diceva: “Ma cos’è l’ambiente? In fondo sono...Continua
jonnybegood
Ha scritto il 29/12/15

l'importanza di essere amati, amati da chi?

Giogio53
Ha scritto il 13/12/15
Quel pazzo di Amos - 13 dic 15
In questo lungo viaggio nel mondo di Oz, stiamo andando, seppur di poco, in calando. Anche se questo non è il miglior Amos che ho letto, riprende un motivo che mi rende cari i libri imperniati su racconti. Perché di racconti si tratta, un po’ alla ma...Continua

lonely_pepper...
Ha scritto il May 27, 2015, 11:35
(...) quasi tutti hanno bisogno di più calore e più affetto di quanto gli altri sono capaci di dare, e che questo scarto fra richiesta e offerta non ci sarà mai nessun comitato del kibbutz che riuscirà a colmarlo.
Trilly
Ha scritto il Mar 09, 2015, 19:36
"Tutti noi nasciamo liberi ma poi ci creiamo dei vincoli a vicenda". " Dobbiamo pure badare l'uno alla'altro"
Pag. 120
Trilly
Ha scritto il Mar 09, 2015, 19:34
"quasi tutti hanno bisogno di più calore e più affetto di quanto gli altri sono capaci di dare"
Pag. 118
Sarawendy
Ha scritto il Feb 24, 2015, 20:52
Le cose irrisolte lo attraevano molto di più delle soluzioni.
Pag. 55
Sarawendy
Ha scritto il Feb 24, 2015, 20:52
Fra il resto aveva anche letto un romanzo in traduzione che si intitolava Si muore da soli , di David Howarth. Da quanto letto nei libri è giunto alla banale conclusione che quasi tutti gli uomini hanno bisogno di più affetto di quanto ne sia reperib...Continua
Pag. 49

Niccolò
Ha scritto il Dec 26, 2017, 19:14

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi