Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tra due guerre e altre storie

Di

Editore: Einaudi

4.0
(102)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 248 | Formato: Altri

Isbn-10: 8806157116 | Isbn-13: 9788806157111 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Tra due guerre e altre storie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una raccolta di racconti, fulminei eppure ricchi di narrazione com'è nello stile dell'autore, dove s'intersecano più piani temporali e diversi luoghi geografici. Una silloge di articoli, inediti e non, dedicati al tema principe degli scritti di Mario Rigoni Stern: la guerra. Nella dimensione del ricordo, accanto a riflessioni su particolari insoliti o poco noti (come i cosacchi mercenari al soldo dei tedeschi), si snodano cronache di viaggi fra le terre d'Europa.
Ordina per
  • 4

    Ho due fratelli con molta vita sulle spalle, / Nati all’ombra delle montagne. / Hanno imparato l’indignazione / Nella neve di un paese lontano, / Ed hanno scritto libri non inutili. / Come me, hanno tollerato la vista / Di Medusa, che non li ha impietriti. / Non si sono lasciati impietrire / Dall ...continua

    Ho due fratelli con molta vita sulle spalle, / Nati all’ombra delle montagne. / Hanno imparato l’indignazione / Nella neve di un paese lontano, / Ed hanno scritto libri non inutili. / Come me, hanno tollerato la vista / Di Medusa, che non li ha impietriti. / Non si sono lasciati impietrire / Dalla lenta nevicata dei giorni.
    Primo Levi, A Mario e Nuto

    ha scritto il 

  • 4

    Semplice ed eccezionale

    Ho recuperato questo volume svuotando la libreria del mio povero suocero, a cui l'avevo regalato dieci anni fa. Spero che abbia potuto leggerlo perché dalla pur semplice raccolta di articoli per la Stampa ed inediti, emerge la sincerità delle riflessioni di questo autore vero e mai banale. Da mem ...continua

    Ho recuperato questo volume svuotando la libreria del mio povero suocero, a cui l'avevo regalato dieci anni fa. Spero che abbia potuto leggerlo perché dalla pur semplice raccolta di articoli per la Stampa ed inediti, emerge la sincerità delle riflessioni di questo autore vero e mai banale. Da memorie anche senza epopea il Sergente sa tirare fuori una scintilla che ci illumina.

    ha scritto il 

  • 4

    in ogni suo libro ritrovo la verità della sua umanità, il suo sentire , le sue ferite, il suo ricordare , il suo percepire, raccogliere e conservare ricordi umani. la sua pronfoda umanità, il suo pronfondo sentire ogni passo della sua vita e allo stesso tempo sentire il respiro di ciò che lo circ ...continua

    in ogni suo libro ritrovo la verità della sua umanità, il suo sentire , le sue ferite, il suo ricordare , il suo percepire, raccogliere e conservare ricordi umani. la sua pronfoda umanità, il suo pronfondo sentire ogni passo della sua vita e allo stesso tempo sentire il respiro di ciò che lo circonda. La sua pronda esperienza di sofferenza che viene mitigata nel tempo dal passo della vita, mai troppo consolatorio, mai troppo duro o disperato, la sua voce risuona limpida e profonda

    ha scritto il 

  • 0

    Un uomo bello come una quercia

    Primo Levi tratteggiò uno splendido ritratto dell'amico Mario Rigoni Stern nel libro La ricerca delle radici. Non c'è altro da aggiungere, io credo.


    "Che Mario Rigoni Stern esista, ha qualcosa di miracoloso. In primo luogo, perché ha del miracolo la sua stessa spravvivenza: quest'uo ...continua

    Primo Levi tratteggiò uno splendido ritratto dell'amico Mario Rigoni Stern nel libro La ricerca delle radici. Non c'è altro da aggiungere, io credo.

    "Che Mario Rigoni Stern esista, ha qualcosa di miracoloso. In primo luogo, perché ha del miracolo la sua stessa spravvivenza: quest'uomo così lontano dalla violenza è stato costretto dalla sorte a fare tutte le guerre del suo tempo, ed è uscito indenne e incorrotto dai fronti francese, albanese e russo, e dal Lager nazista. Ma è altrettanto miracoloso che Rigoni sia quello che è, e che sia riuscito a conservarsi autentico e schivo in quest'epoca di inurbamento suicida e di confusione dei valori".

    Lunga vita a quest'uomo forte, pulito e saggio: ne abbiamo un immenso bisogno.

    ha scritto il