Traducendo Hannah

Voto medio di 33
| 25 contributi totali di cui 9 recensioni , 16 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Max Kutner, un povero calzolaio ebreo polacco, emigra a Rio de Janeiro negli anni ’30. Un giorno, casualmente, viene convocato dalla polizia per tradurre lettere e documenti scritti in yiddish da sottoporre agli addetti alla censura. Entra così nell’ ...Continua
elettra
Ha scritto il 26/06/16
Molto singolare è, mio parere, il romanzo di Wrobel che offre ai lettori uno spaccato di vita e di storia che a me in particolare era sfuggito, cioè di come e quanto la propaganda nazista avesse attraversato l’Oceano per dilagare anche nel continen...Continua
Donna Elvira
Ha scritto il 29/05/16

Un ottimo mix di letteratura yiddish- sudamericana!

Aria Saracena
Ha scritto il 10/02/15
I sentimenti degli altri sono una palude che la nostra vanità tenta di vedere fiorita. Ma anche le paludi hanno i loro fiori. Un racconto epico nel Brasile degli anni ’30, ma che affonda le radici nell’Europa orientale degli inizi del novecento e con...Continua
...
Ha scritto il 08/12/14
Chi era veramente Hannah?
Hannah era una spia, una brava ebrea, una bella puttana? Questo libro hacdell' incredibile. Ad ogni piè sospinto un colpo di scena, una sorpresa. Wrobel racconta le vicende di Max il calzolaio traduttore, in modo incalzante, dal momento che scopre Ha...Continua
Chiara White
Ha scritto il 28/02/14
La storia della storia, nella storia. Una serie di scatole cinesi fanno da sfondo ed intrecciano le vite di Max ed Hannah: lui un semplice calzolaio arruolato dalla polizia per tradurre lettere private, lei... lei chi è Hannah, autrice di missive app...Continua

Denise
Ha scritto il Aug 13, 2013, 16:51
- Sa giovanotto, l'unico conforto di chi cerca è la certezza che la persona cercata non vuole essere trovata. Se avessi potuto vederla per l'ultima volta, le avrei detto cosa avevo imparato nelle strada di Santos. Che dire addio è meno difficile di s...Continua
Pag. 206
Denise
Ha scritto il Aug 13, 2013, 16:47
Le polacche avevano un modo familiare di trattare con la morte, forse perchè nelle loro vite tutto era consapevolmente provvisiorio
Pag. 179
Denise
Ha scritto il Aug 13, 2013, 15:40
...lezioni crudeli si riaffacciavano in nuove forme. E la prima di tutte - conosci i tuoi limiti - era il presupposto della seconda: attieniti ad essi. Era questa la massima delle massime del regno animale. Il leone, per esempio, sfida l'uccellino, m...Continua
Pag. 158
Denise
Ha scritto il Aug 13, 2013, 15:34
- Un vizio molto comune tra gli ingenui è confondere le cause con gli scopi. Per esempio, vede quella signora grassa con il vestito verde ? Mettiamo che decida di seguire una dieta per perdere peso. Molti diranno che la causa della sua dieta è la vol...Continua
Pag. 154
Denise
Ha scritto il Aug 13, 2013, 15:28
L'uomo che crede a ciò che gli conviene, mio caro, tende a non credere a ciò che non gli conviene, e niente è più pericoloso di fare del proprio interesse personale un fattore di convincimento. Gli interessi variano da caso a caso. Le evidenze no.
Pag. 154

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi