Tragedie

Testo a fronte

Voto medio di 37
| 21 contributi totali di cui 6 recensioni , 15 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 06/01/12
"Oedipus: Chiamo te, te, dio profetico, dio che presiedi l’oracolo rivelatore del vero. Solo la morte del padre io dovevo pagare: due volte parricida e colpevole più di quanto temessi, anche la madre ho ucciso: è morta per mia colpa. O Febo ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 13/06/11
perchè leggere la versione tarocca di Seneca quando c'è l'originale Euripide.
Ha scritto il 21/01/11
Non amo le storie macabre o sanguinolente, ma Tieste mi ha conquistata! L'unica eccezione ai miei gusti. E così ho cominciato ad amare Seneca.
  • 3 mi piace
Ha scritto il 24/09/10
La lettura integrale è per me molto impegnativa ed in certi punti difficoltosa. Mi è utile come testo di consultazione, per esempio, per l'analisi di certi testi shakespeariani.
Ha scritto il 23/09/09
Senecano Assassinio
< ...Continua
  • 22 mi piace
  • 3 commenti

Ha scritto il Apr 30, 2010, 09:56
Dèi così benevoli, nessuno li ha mai avuti da potersi promettere il domani. Un dio vi getta, povere cose umane, in un turbine rapinoso.
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 23, 2009, 00:03
ALCMENA: E quale può essere un inganno così possente da vincere Alcide?ERCOLE: Quello, di qualunque genere sia, che possa soddisfare la collera di una femmina.---ALCMENE: Quis tantus est qui vincat Alciden dolus?HERCVLES: Quicumque, mater, feminae ...Continua
Pag. 545
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 23, 2009, 00:02
Temer di morire è grande viltà! --- O quam miserum est nescire mori!
Pag. 403
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 23, 2009, 00:02
FEDRA: O morte, unico sollievo all'infelice amore, o morte, supremo rimedio all'onore macchiato, mi rifugio in te: aprimi il tuo grembo consolatore!---PHAEDRA: O mors amoris una sedamen mali,o mors pudoris maximum laesi decus,confugimus ad te: pande ...Continua
Pag. 311
  • 1 commento
Ha scritto il Sep 23, 2009, 00:01
FEDRA: I dolori leggeri sono loquaci: i dolori più tremendi ammutoliscono. --- PHAEDRA: Curae leves locuntur, ingentes stupent.
Pag. 285
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi