Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tragedie I

I grandi classici greci e latini Bur - vol. 13

Di ,

Editore: Bur - RCS Corriere della Sera

4.4
(9)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 1369 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: A000183616 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Franco Ferrari , Enrico Medda , Maria Pia Pattoni , Luigi Battezzato

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Tragedie I?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In questo volume sono raccolte le tragedie di Eschilo e Sofocle che sono state trasmesse intatte. Protagonisti, gli eroi del mito che proprio con la grande tradizione tragica assumono le forme immortali che li consegneranno alla letteratura universale. Tra tutti, l'Edipo di Sofocle, segnato fin dalla nascita da un destino di colpa e atrocità; il leggendario Eracle, figura esemplare dei limiti invalicabili imposti al genere umano; Antigone, orgorgliosa e indomita portavoce delle leggi divine della pietà e devozione familiare; Cassandra, divina interprete degli dei destinata all'oblio e alla dimenticanza.
Qui la maledizione sulla condizione umana e sul rapporto tra l'uomo e degli dei assume per la prima volta nella letteratura occidentale i caratteri di riflessione sistematica e universale. In Eschilo, che plasmò la tragedia nella forma che noi conosciamo, il rapporto tra l'ineluttabilità del destino e la responsabilità dell'uomo e della sua stirpe diventa il centro nodale da cui scaturisce il sublime; in Sofocle protagonista assoluto è l'uomoisolato dalla famiglia e dalla comunità, fedele a se stesso fino alle estreme conseguenze, impegnato in una lotta perenne e spesso vana con le sue contrastanti tensioni interiori e con il mondo.
Ordina per
  • 4

    1) Filottete (Sofocle) - 4 stelle.
    Mi è piaciuta molto questa tragedia! Pur essendo nel complesso piuttosto statica, si è fatta leggere con interesse ed emozione!
    Belli i personaggi, bello il tema trattato, bello anche lo scenario dell’isola selvaggia e deserta! :)
    http://www.naufragio.it/ ...continua

    1) Filottete (Sofocle) - 4 stelle. Mi è piaciuta molto questa tragedia! Pur essendo nel complesso piuttosto statica, si è fatta leggere con interesse ed emozione! Belli i personaggi, bello il tema trattato, bello anche lo scenario dell’isola selvaggia e deserta! :) http://www.naufragio.it/iltempodileggere/2635

    2) Agamennone (Eschilo) - 4 stelle Sempre affascinante leggere un testo così antico. E’ proprio l’espressione di un altro modo di pensare. Come dice Enrico Medda in una delle note, in questa tragedia, ancor più nel seguito della trilogia, non c’è una contrapposizione tra giusto e ingiusto, ma tra diverse concezioni di giustizia. http://www.naufragio.it/iltempodileggere/3407

    3) Coefore (Eschilo) - 4 stelle Come quasi tutti i capitoli di mezzo delle trilogie, è un po’ appeso, meno incisivo del primo (il terzo devo ovviamente ancora leggerlo), ma comunque interessante. http://www.naufragio.it/iltempodileggere/3558

    4) Eumenidi (Eschilo) - 4 stelle Da quando a scuola lessi il riassunto di questa trilogia, mi venne il desiderio di leggerla perché una cosa in particolare mi aveva grandemente affascinato: la scena d’inizio di questa tragedia. La Pizia si prepara ad accogliere i pellegrini in cerca di profezie, e si ritrova davanti Oreste, con le mani ancora insanguinate, circondato dalle Erinni che dormono. Penso che sia una scena fantastica, non so come potevano essere i costumi all’epoca, ma anche solo con la fantasia è un’immagine spettacolare, questo ragazzo che per forza di cose si trova a familiarizzare con questi esseri mostruosi! :) http://www.naufragio.it/iltempodileggere/3904

    5) Aiace (Sofocle) - 4 stelle Ma sapete che Sofocle era proprio bravo a scrivere? ;) Anche questa tragedia mi è piaciuta molto, nonostante la storia, stavolta, non fosse particolarmente interessante. http://www.naufragio.it/iltempodileggere/4014

    ha scritto il