Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tragedie II

I grandi classici greci e latini Bur - vol. 14

Di

Editore: Bur - RCS Corriere della Sera

4.3
(9)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 1239 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: A000186368 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Vincenzo Di Benedetto , Ester Cerbo , Enrico Medda , Luigi Battezzato , Caterina Barone , Silvia Fabbri , Guido Paduano , Franco Ferraro

Genere: Non-fiction

Ti piace Tragedie II?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Con questo volume si conclude il panorama sulla grande tradizione della tragedia greca. Sono qui raccolti i più importanti drammi di Euripide, il terzo e forse il più complesso e problematico dei tragici antichi.
Dall'Alcesti alla Medea, dall'Ecuba all'Ippolito, nella produzione superstite di Euripide si dispiega una galleria di protagonisti di statura e creatività straordinari, che portano a compimento e sviluppano fino alle estreme conseguenze la struttura drammatica e le tematiche dei tragici precedenti.
In Alcesti è messo in scena il sacrificio della protagonista per salvare la vita del marito e la contraddizione fra l'alto valore della figura femminile e l'organizzazione sociale che lo nega e lo emargina. Medea, eroina spietata e umanissima, domina solitaria la realtà scenica nella drammaticità della lotta interiore per la decisione "più empia". Il tema della vendetta e della furia distruttiva compare invece in due tragedie, l'Ippolito e l'Ecuba, mentre i grandi corali, dove a scontrarsi sono universi spesso contigui ma ostili, trionfano nelle Troiane e nelle Baccanti. All'annichilimento della volontà umana e a un inevitabile destino di pena e sofferenza i protagonisti euripidei oppongono sempre e comunque una strenua e indefettibile resistenza, che li renderà modelli insuperabili della letteratura occidentale.
Ordina per
  • 4

    1) Ippolito.
    Mi è piaciuta di meno di altre tragedie greche che ho letto, ma è comunque molto bella. E’ la trama a non avermi affascinato molto, Ippolito mi stava parecchio antipatico, e lo scontro tra dèi, anzi, dee, che ha avuto per vittime dei mortali non mi ha conquistata. Però… ...continua

    1) Ippolito.
    Mi è piaciuta di meno di altre tragedie greche che ho letto, ma è comunque molto bella. E’ la trama a non avermi affascinato molto, Ippolito mi stava parecchio antipatico, e lo scontro tra dèi, anzi, dee, che ha avuto per vittime dei mortali non mi ha conquistata. Però… quanto scrive bene Euripide! Non saprei spiegare di preciso perché, ma mentre leggevo pensavo: per quanto mi piacciano Eschilo e Sofocle, questo qui sta una spanna avanti senza dubbio!!!
    http://www.naufragio.it/iltempodileggere/4067

    2) Alcesti.
    E’ la terza tragedia di Euripide che leggo, e mi spiace dire che non mi ha emozionato eccessivamente: niente da fare, la Medea è un’altra cosa! Peccato sia stata la prima tragedia euripidea che ho letto, perché ora tutte le altre mi sembrano meno belle! :(
    Ma comunque è sempre piacevole da leggere il caro Euripiduccio! :)
    http://www.naufragio.it/iltempodileggere/5727

    3) Ifigenia in Tauride
    Pur essendo una fan della storia degli Atridi questa figlia sfortunata la conoscevo poco.
    I personaggi principali della tragedia sono Ifigenia, Oreste e Pilade, la maggior parte dei dialoghi si svolge tra loro, anche se è la nostra eroina, ovviamente, ad avere la parte più importante, compresi monologhi e dialoghi col coro. Ed è lei sicuramente il personaggio che più spicca e più coinvolge.
    http://www.naufragio.it/iltempodileggere/12558

    4) Supplici.
    Mi sa che era dalla Medea che non me la godevo così tanto con una tragedia greca!!!
    http://www.naufragio.it/iltempodileggere/14052

    ha scritto il