Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Tras do solpor

By

Editorial: Galaxia

3.7
(5905)

Language:Galego | Number of Pages: 216 | Format: Mass Market Paperback | Noutras linguas: (outras linguas) Chi traditional , Chi simplified , Japanese , English , French , Russian , German , Spanish , Italian , Catalan , Portuguese , Dutch , Polish , Basque , Czech

Isbn-10: 8498651115 | Isbn-13: 9788498651119 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you likeTras do solpor?
Únete a aNobii para ver se o len os teus amigos, e descobre libros semellantes!

Rexístrate gratis
Descrición do libro
A nova novela dun dos grandes escritores xaponeses contemporáneos, por primeira vez traducido para o galego.

En Toquio, no tempo que vai da medianoite ao mencer, incíciansae e remátanse as historias desta novela. No seu centro, dúas irmás: Eri, ensumida no sono do esquecemento, e Mari, a lectora solitaria. Cabo delas, un mozo trombonista de jazz, as empregadas dun love hotel e un frío e escuro executivo. Xente da noite, vidas que conflúen, segredos descubertos e preguntas que ás veces non precisan resposta. Cada un dos capítulos de Tras do solpor posúe, concentrada, a mesma forza de atracción hipnótica que Haruki Murakami amosara anteriormente en Norwegian Wood ou Kafka on the Shore.
Sorting by
  • 5

    una pasada

    Este libro es una autentica pasada, corto pero intenso, sin darte cuenta te encuentras en medio de una historia de la que no puedes escapar hasta su desenlace, el cual no termina con el libro, se queda como una melodia que perdiendo el sonido gradualmente continua en tu mente aun cuando ya no est ...continuar

    Este libro es una autentica pasada, corto pero intenso, sin darte cuenta te encuentras en medio de una historia de la que no puedes escapar hasta su desenlace, el cual no termina con el libro, se queda como una melodia que perdiendo el sonido gradualmente continua en tu mente aun cuando ya no esta sonando.

    Realmente me encanto este libro, donde a veces me daba la sensacion de estar ante un film escrito.

    Dos mundos, cada una en uno intentanto reencontrarse mediante su nexo de union que no es mas que un lector atrapado por ese intento

    said on 

  • 5

    Ormai questo è il decimo libro di Murakami che leggo. Ormai ha fatto breccia nel mio cuore. :sbav:
    Ritornano i soliti elementi tipici della narrativa di questo autore, però questa volta ci mette un diverso punto di vista. La telecamera è il nostro punto di vista. Un romanzo molto cinematogr ...continuar

    Ormai questo è il decimo libro di Murakami che leggo. Ormai ha fatto breccia nel mio cuore. :sbav:
    Ritornano i soliti elementi tipici della narrativa di questo autore, però questa volta ci mette un diverso punto di vista. La telecamera è il nostro punto di vista. Un romanzo molto cinematografico e molto dolce.
    Anche questa volta 5/5

    p.s.: più e più volte leggendo questo libro mi sono chiesta come mai dalle nostre parti, nel nostro mondo, non esistano bar dove poter andare in piena notte a leggere un libro con un sottofondo jazz, senza sembrare dei cretini.

    said on 

  • 3

    Piacevole ma Gne gne gne

    Più che una recensione, riporto uno scambio di battute in merito con un'amica, credo siano abbastanza eloquenti.

    - Ho letto "after Dark" ed era carino, eccessivamente introspettivo/adolescenziale ma piacevole.
    - Ma non cio' voglia de ste robbe gne gne gne jappe, ho letto videogirl ai ...continuar

    Più che una recensione, riporto uno scambio di battute in merito con un'amica, credo siano abbastanza eloquenti.

    - Ho letto "after Dark" ed era carino, eccessivamente introspettivo/adolescenziale ma piacevole.
    - Ma non cio' voglia de ste robbe gne gne gne jappe, ho letto videogirl ai alle medie e 'mo sono apposto grazie

    said on 

  • 5

    Due parole per definire questo ennesimo capolavoro di Murakami che però prende le distanze dagli altri: "Notturno", "Intimo". Un binomio perfetto per lasciarsi scivolare in una Tokio oscura dove l'unica luce che ci sembra percepire (oltre quelle delle luci al neon) è quella che avvolge i nostri p ...continuar

    Due parole per definire questo ennesimo capolavoro di Murakami che però prende le distanze dagli altri: "Notturno", "Intimo". Un binomio perfetto per lasciarsi scivolare in una Tokio oscura dove l'unica luce che ci sembra percepire (oltre quelle delle luci al neon) è quella che avvolge i nostri protagonisti; un'aurea luminescenza.

    Dire che sono rimasto affascinato da questo romanzo breve è poco!... Difficile non immergersi nella delicata fragilità psichica delle sorelle Meri ed Eri; le scene del televisore (inquietanti) mi hanno portato alla mente il cinema di Lynch (di cui Murakami è grande fan); il finale mi ha trasmesso una sorta di leggerezza e poesia, uno spiraglio nell'oscurità.
    Leggendolo ho trovavo una netta somiglianza al romanzo di Banana Yoshimoto "Sonno profondo" (altro piccolo capolavoro!).

    "After Dark" rimarrà tra i miei imprescindibili di Murakami. 5 stelle.

    said on 

  • 2

    Dopo il buio....?

    Non c'è niente. Almeno non in questo libro. Manca di qualcosa, forse più di una cosa. La trama è molto debole e molti punti (forse deliberatamente) sono lasciati al caso: sono talmente poco approfonditi che mi hanno dato l'impressione di essere stati messi lì a caso, tanto per riempire qualche pa ...continuar

    Non c'è niente. Almeno non in questo libro. Manca di qualcosa, forse più di una cosa. La trama è molto debole e molti punti (forse deliberatamente) sono lasciati al caso: sono talmente poco approfonditi che mi hanno dato l'impressione di essere stati messi lì a caso, tanto per riempire qualche pagina. L'inizio era buono e anche l'idea che lega tutto il romanzo; si legge con facilità, ma avvicinandosi sempre di più verso la fine sentivo che tutto si stava perdendo, come un ologramma che si disintegra pezzo per pezzo. Non so se sono io, se è il periodo, se è la storia, ma l'ho trovata inconcludente. Non me lo aspettavo, perché in tutti gli altri libri di Murakami credo di essere riuscita ad andare più in fondo, a raggiungere "l'altro mondo", qui no. Forse perché Murakami stesso non l'ha voluto.

    said on 

  • *** ¡Este comentario revela partes da trama! ***

    0

    No, questo no

    Non mi è piaciuto. Mi ha infastidito l'occhio fuori campo che siamo "noi" e che racconta gli spostamenti fra le varie scene, autocitandosi. Voleva forse creare qualcosa di cinematografico, originale, non so, ma è soltanto grottesco. Ci sono rimasta male !

    said on 

  • 2

    Non un gran ché

    Le due stelle sono dovute al fatto che Murakami scrive indubbiamente bene. La narrazione è un continuo di cose iniziate e lasciate in sospeso, a volte anche molto noiosa. Condivido con altri che il successo di questo libro sia in gran parte dovuto al blasone dell'autore.

    said on 

  • 3

    Bellezza=felicità?

    Non il mio preferito ma certamente bello, anche se il concetto e' ridotto rispetto ad altri suoi libri dove si spazia di più. La scrittura e' impalpabile, quasi piatta, ma lo stesso si ritrova ad avere a che fare con sentimenti profondi, con concetti tutt'altro che superficiali. Murakami e' così, ...continuar

    Non il mio preferito ma certamente bello, anche se il concetto e' ridotto rispetto ad altri suoi libri dove si spazia di più. La scrittura e' impalpabile, quasi piatta, ma lo stesso si ritrova ad avere a che fare con sentimenti profondi, con concetti tutt'altro che superficiali. Murakami e' così, e questa e' arte. Chiunque abbia provato a scrivere lo sa.

    said on 

  • 3

    Una misteriosa notte in una metropoli giapponese, tra dubbi adolescenziali, motel a ore e crimini veri o presunti. Ogni personaggio ha un dolore segreto, un passato burrascoso o un animo borderline, eppure tutto è lieve e nulla è volgare o forzato.
    L'epilogo, e non è una novità per Murakami ...continuar

    Una misteriosa notte in una metropoli giapponese, tra dubbi adolescenziali, motel a ore e crimini veri o presunti. Ogni personaggio ha un dolore segreto, un passato burrascoso o un animo borderline, eppure tutto è lieve e nulla è volgare o forzato.
    L'epilogo, e non è una novità per Murakami, lascia l'amaro in bocca perchè non definisce, né chiude niente, ma si sa che è un autore che elargisce suggestioni, non risposte, e il piacere della lettura è dato dalle sfumature, dalle evocazioni e dalle domande che dipana lungo il racconto.

    said on 

Sorting by
Sorting by