Trattato di culinaria per donne tristi

Voto medio di 152
| 29 contributi totali di cui 23 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 25/07/14
Ciò che cura è l'aria che esalano le parole. (p. 12)
"Solo i buoni poeti ci curano dalla saturazione di parole. Solo il cibo semplice ed essenziale ci cura dai peccati di gola." (p. 22)
  • 3 mi piace
Ha scritto il 03/04/14
Gli ingredienti principali di questo piccolo "Trattato di culinaria per donne tristi" sono: una buona manciata di autoironia, qualche lacrima molto salata, un pizzico di stregoneria e innumerevoli, buoni, innocenti consigli. Da regalare alle ...Continua
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 09/09/13
Non esiste la ricetta per la felicità, ma la lettura di questo libricino qualche sorriso te lo regala e per un momento la tristezza te la fa passare.
  • 2 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 30/08/13
Delizioso. Il libro che vorrei regalare a tutte le donne della mia vita.
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 14/03/13
Trattato di culinaria per donne tristi
http://www.chronicalibri.it/2013/03/trattato-di-culinaria-per-donne-tristi/

Ha scritto il Sep 06, 2011, 17:39
Ma quale stanchezza. Ma quale "non ha nemmeno un minuto". Menzogne. Quello che non ha sono le forze per pensare alla vita, la calma per sentire come trascorre. Quando lui non ha tempo, quando lui lavora molto e misura i secondi come gli altri le ore ...Continua
Pag. 114
Ha scritto il Sep 06, 2011, 17:37
Quando cambi posto (geografico), la memoria subisce una crisi di ricordi. Il pensiero, quasi sempre, ha un percorso che segue il movimento degli occhi, e siccome i tuoi occhi vedono eventi che quasi non riconoscono né distinguono, avrai in testa un ...Continua
Pag. 110
Ha scritto il Sep 29, 2010, 07:44
E per degustare la tua tristezza devo consigliarti anche un piatto malinconico; cavolfiore nella nebbia. Si tratta di cuocere quel fiore bianco e triste e consistente, col vapore acqueo. Lentamente, con lo stesso odore dell'alito che emana la bocca ...Continua
Pag. 15
Ha scritto il Sep 06, 2010, 07:34
L’unica notte, disse qualcuno, è quella della veglia, la notte passata in bianco. Non si ha memoria delle notti di sonno. Così è l’amore: il più indimenticabile è quello che non è mai esistito.
Pag. 24
Ha scritto il Sep 06, 2010, 07:31
Se vuoi che altre labbra siano con te generose, apri anche le tue.
Pag. 19

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi