Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Trattato teologico-politico

Testo latino a fronte

Di

Editore: Bompiani

4.2
(85)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 766 | Formato: Altri

Isbn-10: 8845290972 | Isbn-13: 9788845290978 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Paperback

Genere: Philosophy , Political , Religion & Spirituality

Ti piace Trattato teologico-politico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Libro che rappresenta il fiorire delle luci della libertà nell'età moderna in quanto ebbe un peso enorme storicamente parlando, un inno alla libertà di pensare e di fare ciò che si desidera che ha ben pochi eguali nella storia, tutti dovremmo essere riconoscenti a Spinoza se viviamo in una seppur ...continua

    Libro che rappresenta il fiorire delle luci della libertà nell'età moderna in quanto ebbe un peso enorme storicamente parlando, un inno alla libertà di pensare e di fare ciò che si desidera che ha ben pochi eguali nella storia, tutti dovremmo essere riconoscenti a Spinoza se viviamo in una seppur limitata libertà.

    ha scritto il 

  • 0

    conosco uno che anni fa andava a vedere in stazione
    partire di sera l'intercity per trieste o forse il

    romulus non ricordo (se era il romulus). comunque era una cosa
    abbastanza comica, per noi. lo guardava partire perché

    sognava trieste e per tutti noi era un coglione e ...continua

    conosco uno che anni fa andava a vedere in stazione
    partire di sera l'intercity per trieste o forse il

    romulus non ricordo (se era il romulus). comunque era una cosa
    abbastanza comica, per noi. lo guardava partire perché

    sognava trieste e per tutti noi era un coglione e basta.
    l'altra sera, giovedì, ero in stazione e aspettavo il treno da

    milano in ritardo. me ne stavo nella stazione ovest, erano le 20.oo, neanche tardi ma non c'era nessuno - giustamente pioveva

    e stavo sul marciapiede del binario e me ne andavo in fondo in fondo e non c'ero stato mai a un certo punto c'è una specie di

    casa dei ferrovieri forse quasi casa cantoniera come c'è
    in un testo di montale ma era buio e avevo un po' di paura

    allora ritorno indietro il treno da milano era in ritardo
    ma ne partiva un altro, sempre da lì era l'intercity mi pare

    per trieste e mi ha messo una malinconia incredibile
    è toccato a me, giovedì sera alle 20.oo, fare la parte

    del coglione ma non c'era nessuno lì, sul marciapiede,
    a cui dire che cos'è via ghega, piazza oberdan, via venezian,

    il signor kruml, via istria, stare sull'autobus per il centro
    e sbagliare fermata e alzare la mano per dire sono stato io

    (io e tullio, di mestre), cercare la scritta su un muro di
    anni prima "natale ga roto le bale" e non trovarla più.

    Ma rimane sempre vera.
    natale ga roto le bale.

    ha scritto il 

  • 4

    Lettura impegnativa, ma estremamente attuale (benché in altri contesti). Per Spinoza l'Antico Testamento appartiene alla storia e ha una storia; una storia legata alle vicende e alla mentalità del popolo ebraico. Spinoza rende le Sacre Scritture un qualcosa di meramente umano magnificando ...continua

    Lettura impegnativa, ma estremamente attuale (benché in altri contesti). Per Spinoza l'Antico Testamento appartiene alla storia e ha una storia; una storia legata alle vicende e alla mentalità del popolo ebraico. Spinoza rende le Sacre Scritture un qualcosa di meramente umano magnificando l'opera massima di Dio, cioè l'uomo, in contrasto con i teologi che spacciano per parola di Dio le loro invenzioni e non badano ad altro che a costringere gli altri, col pretesto della religione, a essere del loro parere.

    ha scritto il