Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Tre camere a Manhattan

I grandi romanzi, 12

By Georges Simenon

(967)

| Hardcover

Like Tre camere a Manhattan ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Si era alzato di scatto, esasperato, alle tre di notte, e si era rivestito così in fretta che per poco non usciva in pantofole, senza cravatta, con il bavero del soprabito rialzato, come quelli che portano fuori il cane la sera tardi o di buon mattin Continue

Si era alzato di scatto, esasperato, alle tre di notte, e si era rivestito così in fretta che per poco non usciva in pantofole, senza cravatta, con il bavero del soprabito rialzato, come quelli che portano fuori il cane la sera tardi o di buon mattino. Poi, nell'attraversare il cortile di quella casa che, dopo due mesi, non riusciva ancora a considerare una vera casa, si era accorto, alzando meccanicamente la testa, di aver lasciato la luce accesa, ma non aveva avuto la forza di risalire.
A che punto era la situzione, lassù, da J.K.C.? Chissà se Winnie stava già vomitando... Probabile. Con il solito accompagnamento di gemiti, dapprima soffocati, poi sempre più forti, che finivano in un'interminabile crisi di pianto...

241 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un libro che si discosta,e di molto,dall'abituale produzione narrativa dello scrittore belga.la vicenda è autobiografica e parla di una relazione breve che effettivamente Simenon ebbe e che si concluse poi in malo modo tanto che l'amante di allora sc ...(continue)

    Un libro che si discosta,e di molto,dall'abituale produzione narrativa dello scrittore belga.la vicenda è autobiografica e parla di una relazione breve che effettivamente Simenon ebbe e che si concluse poi in malo modo tanto che l'amante di allora scrisse diversi libri contro Simenon dicendo alcune verità sull'uomo ma anche tante bugie per rancore nei suoi confronti.Leggendolo è come stare su un'onda,la psicologia dei personaggi vibra come corde di violino ed è a volte difficile identificarsi,però è impareggiabile la raffinatezza della scrittura e lo stile sicuro e impeccabile.Una delle storie d'amore meno banali e più moderne mai lette.

    Is this helpful?

    Monellaccio08 said on Sep 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro particolare, un Simenon particolare...Pensavo di conoscerlo bene, Simenon intendo , ma non credevo che sapesse amare così

    Is this helpful?

    Superfilo92 said on Sep 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    FOLLIA

    Premetto che "conosco" Simenon solo attraverso lo sceneggiato RAI "il Commissario Maigret" con Gino Cervi. Quello che ho trovato qui è un pazzoide! Questo libro è pura follia! Non riesco a capire come ci si possa abbandonare ad una/un sconosciuta/o ...(continue)

    Premetto che "conosco" Simenon solo attraverso lo sceneggiato RAI "il Commissario Maigret" con Gino Cervi. Quello che ho trovato qui è un pazzoide! Questo libro è pura follia! Non riesco a capire come ci si possa abbandonare ad una/un sconosciuta/o in maniera così assoluta. Credo e so che la fiducia totale che richiede tale atteggiamento ha bisogno di tempo.
    Sicuramente a causa di questa abissale lontananza da me, ho trovato il libro difficile e ruvido, una faticaccia leggerlo!!

    Is this helpful?

    Penelope48 said on Sep 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo introspettivo molto minimalista che mi ha lasciato un po' incerto.
    Non si può negare che Simenon sappia scrivere, però questi due personaggi così estremi - in particolar modo il protagonista maschile - hanno qualcosa di eccessivamente cont ...(continue)

    Un romanzo introspettivo molto minimalista che mi ha lasciato un po' incerto.
    Non si può negare che Simenon sappia scrivere, però questi due personaggi così estremi - in particolar modo il protagonista maschile - hanno qualcosa di eccessivamente contorto. La narrazione della vicenda mi è sembrata una massa gelatinosa che non è mai riuscita ad assumere una forma definita neppure al momento della conclusione.
    Probabilmente lo stile del pur esperto Simenon non mi si addice.

    Is this helpful?

    Ariano Geta said on Sep 17, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    questo romanzo mi ha completamente risucchiato nelle sue pagine facendomi conoscere un sensuale simenon.. il suo stile rende nudi i personaggi rendendo la lettura meravigliosa.

    Is this helpful?

    Ermelindina said on Sep 16, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    “Perché, nonostante le luci accecanti, si aveva l’impressione che fosse tutto grigio? Come se quelle lampade dai raggi troppo forti che ferivano gli occhi non fossero in grado di dissipare le tenebre che quegli uomini, emersi dal buio della strada..."

    ...portavano con sé..."

    Due solitudini che s’incontrano. L’una che si rispecchia nell’altra. Un rapporto speciale che nasce, che non ha bisogno di parole, ma solo di complicità, di amore, di affetto, di vicinanza.
    Simenon era stato rapito da ...(continue)

    ...portavano con sé..."

    Due solitudini che s’incontrano. L’una che si rispecchia nell’altra. Un rapporto speciale che nasce, che non ha bisogno di parole, ma solo di complicità, di amore, di affetto, di vicinanza.
    Simenon era stato rapito da una forte passione per quella che sarebbe in seguito diventata la sua consorte quando scrisse questo breve romanzo, un romanzo che racconta di solitudine, di dolore, di abbandono, di due solitudini che s’incontrano e cercano, con la forza della disperazione e dell’amore, una nuova speranza, una nuova ragione per vivere.
    Francois e Kay, un uomo e una donna. S’incontrano in un bar di un quartiere della fredda e buia Manhattan.
    Entrambi hanno alle spalle una storia fatta solo di solitudine, di crisi, d’abbandono. S’incontrano e non si lasciano mai più. Si piacciono, si amano, hanno un forte bisogno l’uno dell’altra. Si trascinano da una camera all’altra dei vari hotel della città, cercando di annegare il loro dolore, cercando un riscatto per le loro vite.
    Il loro idillio sembra spezzarsi quando Kay riceve una lettera della figlia gravemente malata che la prega di raggiungerla in Messico, ma qualcosa dentro di loro è ormai nato…due solitudini che s’incontrano e sembrano rinascere in una nuova vita, in una nuova speranza d’amore…
    Romanzo breve e molto intenso, un affascinante noir dalle atmosfere un po’ retrò e un po’ decadenti dove la protagonista assoluta è la solitudine che spinge un uomo a girare di notte per i bar della città in cerca di calore umano e una donna a stordirsi con l’alcool.
    Una storia molto triste la loro, una storia che mi ha squarciato il cuore, che mi è penetrata dentro fino al midollo.
    Simenon possedeva una capacità unica e rara, quella di saper guardare nella profondità dell’animo umano, una storia che a prima vista può sembrare banale, ma che in realtà nasconde una complessità emotiva, psicologica e narrativa non indifferente.
    C’è tanto dolore in questo romanzo, ma anche tanta speranza…la vita ci pone sempre una seconda possibilità, ci pone sempre un modo per riscattarci, l’importante è non lasciare che se ne vada via per sempre…
    Dopo “la camera azzurra” e “il gatto” un altro capolavoro di Simenon che ho avuto modo di leggere. E mi domando ancora una volta come sia possibile che a quest’autore non sia stato conferito un premio Nobel.

    Is this helpful?

    Banshee said on Sep 11, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book