Tre giorni e un bambino

Voto medio di 106
| 20 contributi totali di cui 14 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Uno studente fuori corso si trova a ospitare a casa sua, per tre giorni, il figlio della donna di cui è stato a lungo innamorato. La sua vita viene scombussolata in modo tragicomico: da un lato il giovane riversa sul bambino manifestazioni ... Continua
Ha scritto il 31/01/13
quando un libro mi colpisce così in profondità come questo breve racconto di Yehoshua, il mio più grande desiderio e piacere è condividerlo; non solo con gli amici intimi ma anche con le persone che trovo interessanti, per raccogliere punti di ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 10/07/12
persa nell'insonnia ho ripescato questo libro di Yeoshua, e dopo dieci pagine ho ricordato perchè l'avevo rimosso. L'atteggiamento del protagonista nei confronti del bimbo è crudele, ogni passaggio mi dà noia, urta la mia sensibilità. ma questa ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 13/03/12
Lettere da Gerusalemme
L'ho letto anni fa, non so quanti. Questo libro è sparito dalle librerie, ed è un pò un un peccato, perché Gerusalemme io la continuo ad immaginare come se ne parla in questo libro. Un posto anche pauroso, come lo può vedere un bambino o un ..." Continua...
Ha scritto il 10/07/11
Abraham Yehoshua scrisse Tre giorni e un bambino nel 1965. Fa parte di quel periodo della sua vita che costituisce, per stessa ammissione dell’autore, un lungo periodo di apprendistato sull’arte del racconto, prima di dedicarsi, dopo il ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 06/03/11
Mi ricorda un po' il film di Kitano (L'estate di Kikujiro) questo racconto di Yeoshua édito negli Arcipelaghi Einaudi. Questo scrittore mi è sempre sembrato prolisso e nel racconto trova la giusta misura. Un giovane fugge dal proprio Kibbutz nella ..." Continua...
  • 1 mi piace

Ha scritto il Sep 06, 2016, 12:21
"Alla finestra il ricamo di lievi germogli di luce."
Pag. 75
Ha scritto il Oct 30, 2008, 08:53
Perchè nell'amore non ci spero più.
Pag. 69
Ha scritto il Oct 30, 2008, 08:52
I nostri rapporti appartengono alla sfera del silenzio. Come se ci fossimo risvegliati da un sogno comune. Ci bastano poche parole, brandelli di frase. Solo che io so che stasera ci dovremo separare, mentre lui pensa che oggi non è che uno dei ... Continua...
Pag. 83
Ha scritto il Oct 29, 2008, 08:09
Adesso, non c'è dubbio, la mia solitudine è più pesante della sua.
Pag. 45
Ha scritto il Oct 28, 2008, 08:35
Perchè qui sono tutti legati ai simboli. Quelli di Gerusalemme hanno tanto entusiasmo per i simboli che pensano di essere loro stessi dei simboli. Perciò parlano in via simbolica e si incontrano in modo simbolico. Alle volte, quando la loro ... Continua...
Pag. 19

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi