Tre racconti

I grandi della narrativa, 6

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso (La biblioteca di Repubblica)

3.6
(783)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 127 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Spagnolo , Catalano , Olandese

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giovanni Raboni ; Prefazione: Alessandro Baricco

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida , Copertina rinforzata per biblioteche

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Religione & Spiritualità

Ti piace Tre racconti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Contiene:Un cuore sempliceLa leggenda di san Giuliano l'OspitaliereErodiade
Ordina per
  • 5

    L'immaginifico trittico di Flaubert

    *Un cuore semplice*
    Forse il miglior Flaubert. Di certo il più commovente. Quella nuvola di farfalle che esce dall'armadio della bimba defunta e l'abbraccio tra serva e padrona che ne segue è tra i pa ...continua

    *Un cuore semplice*
    Forse il miglior Flaubert. Di certo il più commovente. Quella nuvola di farfalle che esce dall'armadio della bimba defunta e l'abbraccio tra serva e padrona che ne segue è tra i passaggi più ricchi di pathos di tutta la letteratura. Sono fiero di aver visto di persona, a Rouen, il pappagallo impagliato che lo scrittore francese ebbe davanti agli occhi mentre scriveva questo racconto lungo: animale che Félicité - la povera, sventurata, alienata Félicité - riveste di significati mistici al limite del grottesco. In fondo anche lei, nonostante l'instabilità mentale, muore da santa - come Giuliano Ospitaliere e Giovanni Battista, personaggi su cui si imperniano gli altri due racconti del trittico.

    *La leggenda di san Giuliano ospitaliere*
    In questo racconto del papà di Emma Bovary, Proust vedrà "la più perfetta delle sue opere". Rielaborazione di alcune fonti, agiografia e apparente illustrazione del soggetto delle vetrate della Cattedrale d Rouen, in esso risplende, con il suo catalogo di animali selvatici e le sue miriadi di particolari incredibilmente precisi, lo spettacolare stile flaubertiano, che definirei "uno stile fatto di immagini". E' la storia di un pentimento questo centro eccessivo del trittico flaubertiano, e un'immaginifica agiografia intessuta di contrappunti. Dopo il peccato, il pentimento; dopo una vita piena di ripugnanze, un'oltrevita in cui risiede la salvezza.

    *Erodiade*
    Per lo scrittore di Rouen, dei "Tre racconti", "San Giuliano" rappresentava l'epica, "Un cuore semplice" il moderno e "Erodiade" l'antico. Ha scritto Nicola Muschitiello, a proposito di quest'ultimo, che "ha la condensazione dei sogni". Ed è senz'altro vero. Flaubert vi ha messo a frutto uno studio indefesso delle fonti fino a ricavarne una quintessenza intrisa di Arte. E' una concatenazione di immagini talvolta ardua da seguire, ma che sempre suscita un'alta ammirazione, sia per l'abilità nell'architettare la sostanza teatrale degli episodi, sia per il gusto squisitamente preziosistico con cui condisce l'opera, così decadente e voluttuosa, superbo frutto della Weltanschauung degli ultimi decenni del XIX secolo. Un piccolo capolavoro che preannuncia Gustave Moreau, J.-K. Huysmans, Oscar Wilde... Una delle migliori realizzazioni dello "stile fatto di immagini" di Flaubert, grazie al quale un episodio evangelico si amplifica fino a diventare poema simbolista.

    ha scritto il 

  • 5

    Votre objectif a été atteint, Monsieur Flaubert

    « Heureux ceux qui ne sont pas affligés par la folie de la Perfection ! J'ai, en fait de style, la sensibilité exacerbée »

    Fortunati quelli che non sono afflitti dalla follia della Perfezione. Ne comp ...continua

    « Heureux ceux qui ne sont pas affligés par la folie de la Perfection ! J'ai, en fait de style, la sensibilité exacerbée »

    Fortunati quelli che non sono afflitti dalla follia della Perfezione. Ne comprendo tutta la vanità, ma non riesco a guarirne.
    Gustare Flaubert a George Sand

    ha scritto il 

  • 3

    Ma che razza di italiano è quello della traduzione di Camillo Sbarbaro ???? Dev'essere una traduzione dei primi del novecento ( non mi sono informata) , può essere l'unica scusante ... Povero Flauber ...continua

    Ma che razza di italiano è quello della traduzione di Camillo Sbarbaro ???? Dev'essere una traduzione dei primi del novecento ( non mi sono informata) , può essere l'unica scusante ... Povero Flaubert lui che passava anni a curare la musicalità della lingua ecc... ritrovarsi tradotto a questo modo ! A parte la traduzione particolare , i racconti risultano interessanti, io volevo legger specialmente il primo ( Un cuore semplice) , in vista di un'altra lettura ,( "Il pappagallo di Flaubert" di Barnes), ora che l'ho fruito mi pare proprio un contraltare alla Bovary ...
    Del secondo ( Leggenda di San Giuliano Spedaliere) dico solo : Hanno fatto santi cani e porci nel tempo !
    Il terzo ( Erodiade) interessante, per un'altra versione della decollazione di Giovanni letta .

    Riporto le prime righe della traduzione di " Un cuor semplice " :
    Cinquant'anni durante le massaie di Pont l'Eveque invidiarono alla signora Aubain la domestica Felicita.
    Per cento franchi l'anno , Felicita faceva da cucina, teneva in ordine la casa , ....

    Io di mio avrei messo :
    Cinquant'anni durante I QUALI le massaie ....
    .... Felicita faceva da CUOCA , teneva ....
    P.S.
    Due informazioni a seguito del primo commento sotto su Camillo Sbarbaro :
    Camillo Sbarbaro : 1888 - 1967 , poeta, scrittore, aforista italiano ... oltre a Flauber ha tradotto altri letterati francesi es. Balzac, Maupassant, Zola , Stendhal .... Che dire ... rispetto per questo professionista in ogni caso .... e poi un' espressione come questa :" raggiava di felicità " ( in " Leggenda di San Giuliano ...") ti fa capire subito lo stato d'animo ... quindi non so ... forse da leggere ( come ho detto sotto) per scoprire una versione italiana particolare , come documento storico / letterario, a tratti poetico ...

    ha scritto il 

  • 4

    Le parcours sur lequel Flaubert s'est acheminé avec ses Trois contes est une sorte de voyage à rebours. Il part de son présent, l'inoubliable Félicité et ses promenades infinies à travers les rues et ...continua

    Le parcours sur lequel Flaubert s'est acheminé avec ses Trois contes est une sorte de voyage à rebours. Il part de son présent, l'inoubliable Félicité et ses promenades infinies à travers les rues et les gazons de Normandie, pour arriver aux légendes médiévales, à travers le conte sur Julien, exemple à la fois du côté belliqueux et de celui religieux et miséricordieux du Moyen-Age, et pour finir dans l'Antiquité judéo-romaines, notamment dans la revisitation de l'histoire de Saint-Jean Baptiste et Salomé, racontée cette fois-ci d'un point de vue nouveau que celui auquel nous sommes habitués.
    Pendant tout le temps de la narration son écriture reste d'une élégance peu atteignable et pleine d'une ironie qui ne peut pas être confondue, elle porte écrit sur elle «Flaubert», comme une marque à feu.

    ha scritto il 

  • 2

    nah.

    Non ho mai amato particolarmente le lunghe descrizioni e questi tre raccontini sono fatti all'80% di descrizioni. Avendo molto apprezzato Madame Bovary mi aspettavo qualcosa di più interessante. ...continua

    Non ho mai amato particolarmente le lunghe descrizioni e questi tre raccontini sono fatti all'80% di descrizioni. Avendo molto apprezzato Madame Bovary mi aspettavo qualcosa di più interessante.

    ha scritto il 

  • 4

    Trovato per caso nella biblioteca di un mio vecchio appartamento a Parigi.
    Un condensato di Flaubert in tre racconti piacevoli, soprattutto i primi due, il terzo risente talvolta dello spropositato es ...continua

    Trovato per caso nella biblioteca di un mio vecchio appartamento a Parigi.
    Un condensato di Flaubert in tre racconti piacevoli, soprattutto i primi due, il terzo risente talvolta dello spropositato esotismo di un certo periodo dell'autore.

    Come sempre, descrizioni magistrali, aggettivi precisi, lessico ricercato, scrittura geometrica come una scienza esatta, da far quasi venir voglia di prendere appunti durante la lettura.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per